Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
38/2 Compendio di Economia degli Intermediari Finanziari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 208 € 21,00</span> 342/1 Concorso Comune di Roma - 250 Istruttori e 100 Funzionari Amministrativi - Manuale per la prova scritta e orale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 512 € 32,00</span>
G.A.T.T.
G.E.I.E.
G.I.P.
G.U.P.
Gabinetto
Garante del contribuente
Garantismo
Garanzia
Gas tossici
Gazzetta Ufficiale
General Agreement on Tariffs and Trade
Generalità
Genitorialità
Genocidio
Genus numquam perit
Gerarchia
Gestione
Gettito tributario
Giornalismo
Giornata lavorativa
Giorni festivi
Gioventù
Girata
Giudicato
Giudice
Giudizi speciali
Giudizio
Giungla retributiva
Giunta
Giunte parlamentari
Giuramento
Giurisdizionale
Giurisdizione
Giurisprudenza
Giusta retribuzione
Giustizia amministrativa
Giustizia sociale
Giusto processo
Globalizzazione
Godimento
Governo
Grado
Graduazione dei creditori
Gratuito patrocinio
Gravame
Gravidanza e puerperio
Grazia
Gruppo
Guardasigilli
Guardia
Guarentigie
Guerra
Guida


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Parere
() amministrativo (d. amm.)
Atto a carattere ausiliario consistente in manifestazioni di giudizio con cui gli organi dell'amministrazione consultiva [Pubblica amministrazione] mirano ad illuminare, consigliare, erudire gli organi dell'amministrazione attiva. I (—) amministrativi sono di competenza di speciali organi collegiali [Organi].
I (—) possono essere:
— facoltativi: se è rimesso alla discrezionalità degli organi dell'amministrazione attiva il richiederli o meno;
— obbligatori: se la legge impone all'organo di amministrazione attiva di richiederli all'organo consultivo. La mancata richiesta del parere comporta l'invalidità dell'atto per violazione di legge.
Quelli obbligatori, a loro volta, possono essere:
— non vincolanti: quando l'organo di amministrazione, pur essendo obbligato a richiederli, può anche non attenersi ad essi, discostandosene, con adeguata motivazione;
— vincolanti: se l'organo di amministrazione attiva è obbligato a richiedere il parere e  deve uniformarsi ad esso;
— parzialmente vincolanti: l'organo amministrativo obbligato a chiederlo può però adottare un provvedimento difforme ma solo in un dato senso (es.: più favorevole all'interessato);
 conformi: l'autorità tenuta a chiederlo può decidere discrezionalmente se adottare o meno il provvedimento, ma qualora decide affermativamente, deve uniformarsi ad esso.
I (—) possono adempiere a tre funzioni: conoscitiva, valutativa, di coordinamento. In ogni caso possono avere un effetto propulsivo del procedimento amministrativo.
Essi si differenziano dalle proposte in quanto:
— sono condizionati da una richiesta, mentre le proposte sono spontanee;
— provengono da soggetti neutrali; le proposte da soggetti interessati;
— sono atti infraprocedimentali; invece, le proposte sono atti con cui si inizia un procedimento.
() comunitario (d. comunit.)
Atto non vincolante emanato dalla Commissione europea o dal Consiglio dell'Unione europea il quale tende a fissare il punto di vista della istituzione che lo emette, in ordine ad una specifica questione.
Analogamente alle raccomandazioni, il pareri non sono sottoposti ad alcuna forma specifica e possono essere indirizzati sia agli Stati che agli altri organi comunitari o a soggetti di diritto interno degli Stati membri. La non vincolatività dei (—) non significa che gli stessi siano privi di ogni rilevanza giuridica: infatti essi, nella misura in cui riflettono la posizione della istituzione da cui promanano, determinano sempre una situazione di legittimo affidamento nei destinatari, tutelabile davanti alla Corte di Giustizia.