Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span>
Habère licère
Habitàtio
Hastarium
Heredes extrànei
Herèdes necessàrii
Heredes sùi
Heredes sui et necessàrii
Heredes voluntàrii
Heredis beneficia
Heredis institùtio
Herèdis institùtio cum cretiòne
Herèditas
Herèditas damnòsa
Herèditas iàcens
Hereditàtis petìtio
Herèdium
Hères
Hères ex àsse
Hères ex pàrte
Hères substitùtus
Hermaphrodìtus
Hierarchia Iurisdictiònis
Hispania
Historiæ
Homicìdium
Hòminem indemnàtum
Homo novus
Honesta missio
Honestiòres
Hònor matrimònii
Honoràrium
Honòres
Hospitalitas
Hòspites
Hospìtium
Hostes
Humiliòres
Hypèrocha
Hypothèca



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Heredis institùtio [Istituzione di erede; cfr. artt. 588, 642-648 c.c.]

Letteralmente, l’(—) era l’istituzione di erede, ossia la chiara ed univoca designazione del vocatus [vedi vocatio ad hereditàtem] e dei vocati ad successionem. Nel diritto romano la successione dell’erede “in lòcum et iùs defùncti” (in luogo e nella posizione del defunto) richiedeva l’(—), ossia una disposizione testamentaria avente carattere solenne ed imperativo per mezzo della quale il de cùius [vedi] attribuiva il titolo di hères [vedi] ad uno o più soggetti.
La formula tipica era Titius heres èsto (Tizio sarà erede).
All’(—) doveva accompagnarsi, per il ius civile [vedi] l’espressa exheredatio [vedi] degli herèdes sùi che il testatore voleva escludere dalla successione; mentre per il ius honoràrium [vedi] era necessaria l’exheredatio di tutti i liberi (figli), anche emancipati non istituiti nell’ambito dell’(—). La persona dell’erede doveva essere individuata in modo inequivoco.
L’heres poteva essere istituito sotto condizione sospensiva, non sotto condizione risolutiva o a termine (semel heres, semper heres).
L’(—) poteva essere effettuata:
in universum ius, e cioè rispetto a tutto il patrimonio ereditario;
ex àsse rispetto ad una quota;
ex certa re, solo rispetto ad una certa cosa;
excèpta re, esclusa una certa cosa.
In particolare, si aveva (—) ex certa re laddove il testatore nominava taluno erede non per una quota del patrimonio ereditario, ma per una singola cosa od un complesso non costituente, quanto meno sotto il profilo formale, una frazione del patrimonio ereditario.
Secondo il ius civile, una siffatta disposizione aveva carattere contraddittorio in quanto era ravvisabile un sostanziale contrasto tra l’attribuzione del titolo di heres e la delimitazione dei beni in relazione ai quali si determinava la successione dell’istituito: in sostanza, se heres era colui che subentrava nel complesso dei rapporti giuridici, la menzione della certa res toglieva valore all’(—).
Onde evitare la nullità della disposizione, il giurista Sabino [vedi], ispirandosi al fàvor testamènti [vedi], ammise che la disposizione medesima fosse valida detràcta rèi certæ mentiòne, cioè come se l’aggiunta della certa res non ci fosse, con la conseguenza che l’erede acquistava tutto il patrimonio ereditario.