Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XII, pag. 272 € 19,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 288 € 20,00</span> 516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 2208 € 26,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span>
Danimarca
Daphne
DAU
Davignon
Davignon Etienne
Dazi ad valorem
Dazi all’esportazione
Dazi all’importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Gasperi Alcide
De Gaulle Charles
Decisione
Decisione generale della CECA
Decisione individuale della CECA
Decisione [Titolo vi tue]
Decisione-quadro
Decisioni di associazioni di imprese
Decisioni sui generis
Deficit democratico
Deficit sostenibile
Delors
Delors Jacques
Demanio comunitario
Dematerializzazione dei titoli di credito
Denominazione d’Origine Protetta
Deregulation
Deroga
Dialogo sociale
Dichiarazione a verbale
Dichiarazione comune e accordo interistituzionale
Dichiarazione di Barcellona
Dichiarazione di Kirchberg
Dichiarazione di Petersberg
Dichiarazione di Rodi
Dichiarazione di Roma
Dichiarazione di Stoccarda
Dichiarazione Schuman
Dichiarazione transatlantica
Difensore civico europeo
Difesa comune
Diretta applicabilità del diritto comunitario
Direttiva
Direttiva dettagliata
Direzioni generali
Diritti speciali di prelievo
Diritti umani
Diritto comunitario
Diritto comunitario derivato
Diritto comunitario originario
Diritto di accesso
Diritto di inchiesta
Diritto di iniziativa
Diritto di inseguimento
Diritto di osservazione
Diritto di petizione
Diritto di proprietà
Diritto di soggiorno
Diritto di stabilimento
Diritto di voto
Diritto europeo delle società
Disavanzi eccessivi
Discarico delle spese
Discriminazione in base alla nazionalità
Disegni e modelli
Divieto di discriminazione in base ai prodotti
Divieto di discriminazione in base alla nazionalità
Documento Amministrativo Unico
Documento unico di programmazione
DOCUP
Dodicesimi provvisori
Dogana 2002
Dogane
Dooge
DOP
Doppia indicazione dei prezzi
Doppia investitura della Commissione
Doppio mandato
Drugs
DSP
Dual use
Dualità materiale
Dualità scritturale
Duisenberg Wim
Dumping
Dumping sociale
Duplice maggioranza
Duty-free




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Sentenza artt. 228, 256 Trattato CE; artt. 63-68, 94, 102 Regolamento di procedura della Corte di Giustizia

Provvedimento con il quale il giudice assolve alla sua funzione giurisdizionale decisoria.
Nell’ambito del diritto comunitario (v.), la sentenza è la decisione ufficiale e autentica della Corte di Giustizia con riferimento al caso sottoposto alla sua giurisdizione. In pratica corrisponde alla sentenza finale con cui la Corte determina i diritti e gli obblighi delle parti convenute in giudizio.
Le sentenze, firmate dal Presidente e dal Cancelliere, devono essere motivate e lette in pubblica udienza. Esse sono definitive e soggette a revisione (v. Revisione della sentenza) soltanto in casi eccezionali. Le sentenze emesse dal Tribunale di primo grado possono essere impugnate, ex articolo 225 del Trattato CE, entro due mesi dalle parti principali e quelle intervenute, dagli Stati membri e dalle istituzioni comunitarie. I motivi dell’impugnazione sono limitati alle questioni di diritto, vale a dire, l’incompetenza del Tribunale, i vizi di procedura rilevanti, la violazione del diritto comunitario. È perciò corretto affermare che la Corte di Giustizia è chiamata a pronunciarsi sulle sentenze impugnate come giudice della cassazione, più che come giudice dell’appello, eliminando gli errori di diritto che possono pregiudicare l’uniforme applicazione del diritto comunitario. Accogliendo l’impugnazione, la Corte annulla la pronuncia del Tribunale e deciderà della controversia, qualora lo stato degli atti lo consenta. In caso contrario, la Corte potrà rimandare la causa al Tribunale, che sarà, ovviamente, vincolato alla sua decisione. Le sentenze hanno efficacia vincolante per le parti in causa e forza esecutiva all’interno degli Stati membri, alle condizioni fissate dall’art. 256 per le decisioni comportanti obblighi pecuniari a carico di privati.
L’art. 228 contempla la possibilità che la Corte di Giustizia, una volta riconosciuto l’inadempimento di uno Stato membro agli obblighi derivanti da una sua sentenza, commini direttamente il pagamento di una somma forfettaria o di una penalità allo stesso (v. Sanzioni comunitarie).
Per ciò che riguarda l’efficacia delle sentenze della Corte di Giustizia, va detto che esse sono, generalmente, dotate di efficacia ex tunc, estendendosi così anche ai rapporti sorti in epoca precedente alla sentenza stessa, purché non esauriti. Tuttavia, in base all’articolo 231 del Trattato CE, la sentenza che chiude un ricorso per annullamento (v.) può avere efficacia ex nunc. La giurisprudenza della Corte ha, poi, esteso, la facoltà riconosciuta dall’articolo 231 anche alle sentenze emesse a seguito di un ricorso pregiudiziale, anche se, è bene chiarirlo, questa resta un’ipotesi eccezionale.
L’originale della sentenza è redatto nella lingua processuale propria dello Stato o degli Stati implicati nella controversia.
Le sentenze e le ordinanze sono pubblicate in una Raccolta periodica edita dalla Corte stessa, che viene tradotta in tutte lingue ufficiali della Comunità.