Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
38/2 Compendio di Economia degli Intermediari Finanziari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 208 € 21,00</span> 342/1 Concorso Comune di Roma - 250 Istruttori e 100 Funzionari Amministrativi - Manuale per la prova scritta e orale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 512 € 32,00</span>
H.I.V.
Habeas Corpus
Hacker
Handicap
Hardware-software
Helsinki
Hinterland
Hold-back clause
Holding
Home banking
Hot pursuit


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Premio
() assicurativo (d. civ.)
È il corrispettivo dovuto all'assicuratore e consiste in una somma di danaro, che si determina in funzione di due elementi: il (—) netto che corrisponde all'equivalente matematico del rischio, ed il caricamento costituito dalle spese e dall'utile dell'assicuratore.
Il (—), di regola, è pagato anticipatamente: in unica soluzione o in rate periodiche.
Se il (—) non viene pagato alle scadenze convenute, la legge prevede un periodo di tolleranza (15 giorni per l'assicurazione danni: art. 1901 c.c.; 20 giorni per l'assicurazione vita: art. 1924 c.c.) entro il quale l'assicuratore, se l'evento si verifica, è tenuto egualmente al pagamento della somma stabilita in contratto.
() di maggioranza (d. pubbl.)
Meccanismo che in un sistema elettorale consente di attribuire alla lista o alle liste che hanno ottenuto la maggioranza relativa, un numero di seggi superiore rispetto a quelli realmente conquistati, al fine di giungere ad una maggioranza ampia e stabile.
Il (—) rappresenta una correzione del sistema proporzionale, secondo il quale ad ogni lista spetta un numero di seggi pari alla percentuale di voti ottenuti (es.: 30% dei voti, 30% dei seggi).
Il (—) può essere:
— di lista: assegnato alla lista che risulta prima alle elezioni, o a tutte le liste che superano un determinato quorum;
— di coalizione: assegnato al gruppo di liste apparentate che risulta primo.
Il (—) ha, dunque, la funzione di semplificare e ridurre la frammentazione partitica, favorendo gli apparentamenti tra liste, oppure l'aggregazione delle forze politiche in due o più poli. Inoltre il (—) può consentire più facilmente la formazione di una maggioranza, nel caso in cui tale sistema intervenga ad assicurare la prevalenza numerica della lista o delle liste collegate che conseguano più voti.