Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
L5 Il Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVI, pag. 848 € 46,00</span> OP9 Codice del Nuovo Condominio Operativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 1280 € 79,00</span> L6 I Rapporti di Vicinato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 272 € 38,00</span> L5/A Le Spese di Ristrutturazione negli Immobili Condominiali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 304 € 38,00</span> FM204/1 Formulario Commentato del Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 Novità, pag. 352 € 34,00</span> E9/A Codice del Condominio Esplicato - Leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 , pag. 448 € 18,00</span>
Mancato pagamento degli oneri condominiali
Mandato
Mansarda
Manutenzione (azione di)
Manutenzione (opere di)
Manutenzione ordinaria
Manutenzione straordinaria
Manutenzione urgente
Mezzanini
Miglioramenti
Millesimi
Modifica dei criteri di ripartizione delle spese da parte dell’assemblea
Mora del condòmino
Multiproprietà
Muro divisorio
Muro maestro
Muro perimetrale
Muro portante
Mutamento di destinazione
Mutuo ipotecario



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario del Condominio
L’azione di manutenzione ha, così come quella di reintegra, una larga applicazione nella materia condominiale, sia nei rapporti interni al condominio, sia nei rapporti tra il condominio e i terzi.
Il rimedio è rivolto contro gli atti che determinino una turbativa nel possesso (e, quindi, nel pacifico godimento del bene), e mira ad ottenere dal giudice un provvedimento che ordini all’autore la loro immediata cessazione.
La molestia che legittima il ricorso a questa forma di tutela può essere di diritto o di fatto. La molestia di fatto si concretizza in fatti materiali esteriori attraverso i quali il molestante opera direttamente e fisicamente sulla cosa oggetto dell’altrui possesso, producendo in genere, con opere o fatti nuovi, un mutamento esteriore del preesistente stato di fatto. Ne sono esempi lo scarico di liquami o di rifiuti o anche le immissioni di fumo.
La molestia di diritto consiste, invece, in una dichiarazione di volontà contenuta in un atto giudiziale o stragiudiziale volto a contestare l’altrui possesso senza necessariamente incidere sulla consistenza materiale della cosa e, quindi, senza la necessità di un mutamento obiettivo e concreto dello stato di fatto preesistente. Si pensi, ad esempio, all’intimazione, rivolta all’inquilino, di non pagare più il canone nelle mani del proprietario.
Il possesso, inoltre, ai fini della esperibilità del rimedio, deve durare continuamente ed ininterrottamente da oltre un anno e non deve essere stato acquistato violentemente o clandestinamente. La continuità significa che il possessore non deve aver abbandonato il bene, mentre il requisito della non interruzione si configura quando non ci sia stata azione da parte di terzi, o con l’esercizio del loro diritto in contrasto con il possesso (interruzione di diritto), generalmente attraverso la proposizione di una domanda giudiziale, ovvero privando, di fatto, il possessore del bene (TRABUCCHI).
L’azione, che è concessa anche contro gli atti di spoglio (qualora questi siano privi dei requisiti di violenza o clandestinità, dovendosi esperire, altrimenti, l’azione di reintegra), va proposta nel termine di un anno dall’avvenuta turbativa ovvero, nel caso di spoglio, dal giorno in cui questo è stato posto in essere.
Legittimati attivi sono sia l’amministratore, senza necessità di autorizzazione assembleare, sia i singoli condòmini, i quali possono agire anche per la tutela delle rispettive proprietà esclusive.