Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
Tabelle di corrispondenza
TAC
TACIS
Taiex
Target
TARIC
Tariffa Doganale Comune
Tariffa Esterna Comune
Tariffa Integrata Comunitaria
Task force
Tassa di effetto equivalente
Tassazione nel paese di destinazione
Tassazione nel paese di origine
Tasso di cambio
Tasso di conversione
Tasso massimo di aumento
TDC
TDI
TEC
Technical Assistance Information Exchange
TED
Telecomunicazioni
Televisione senza frontiere
TEMPUS
Tenders Electronic Daily
Territorio comunitario
Territorio doganale comunitario
Terrorismo
Terza età
Terza fase
Terzo pilastro
Tindemans
Titoli di studio
Tossicodipendenza
Totali Ammissibili di Cattura
Trans european automated real time gross settlement express transfer system
Trans European Mobility Programme for University Students
Transfer pricing
Transito comunitario
Trasparenza delle istituzioni
Trasporti
Trattati comunitari
Trattati di adesione
Trattati di Roma
Trattato di Amsterdam
Trattato di Bruxelles
Trattato di Lussemburgo
Trattato di Maastricht
Trattato di Parigi
Trattato quadro
Trattato sulla fusione degli esecutivi
Trattato sull’Unione europea
Trevi
Triangolazione
Tribunale di prima istanza
Tribunale di primo grado
Troika
TUE
Turchia
Turismo
Tutela dei consumatori
Tutela della sanità pubblica
Tutela giurisdizionale




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Tribunale di primo grado art. 225 Trattato CE; Decisione 24 ottobre 1988, n. 88/591/CECA/CEE/EURATOM; Decisione 8 giugno 1993, n. 93/350/CECA/CEE/EURATOM

Per far fronte al progressivo aumento del carico di lavoro della Corte di Giustizia (v.) l’Atto unico europeo ha previsto la possibilità che, su domanda della Corte stessa e previa convocazione della Commissione e del Parlamento europeo, il Consiglio potesse istituire una giurisdizione di primo grado competente a conoscere di talune categorie di ricorsi proposti da persone fisiche o giuridiche (v. Ricorsi giurisdizionali comunitari), con riserva di impugnazione davanti alla Corte di Giustizia per motivi di diritto. Di qui la decisione del Consiglio del 24 ottobre 1988, n. 591 che ha provveduto ad istituire il Tribunale di primo grado delle Comunità europee.
L’art. 225 ha recepito con carattere di definitivà tale decisione, nella misura in cui affianca alla Corte di Giustizia una giurisdizione di primo grado a carattere permanente.
Il Tribunale ha la propria sede in Lussemburgo, presso la Corte di Giustizia.
Esso è composto di 15 membri, nominati di comune accordo dai governi degli Stati membri, per un periodo di 6 anni con criteri analoghi a quelli seguiti per i membri della Corte. Il Tribunale siede in sezioni composte di tre o cinque giudici; nei casi previsti dal regolamento di procedura può riunirsi in seduta plenaria o statuire nella persona di un giudice unico. È lo stesso regolamento di procedura che provvede a stabilire la composizione delle sezioni.
In via generale le sezioni non sono assistite da un avvocato generale (v.): tuttavia, in casi particolari, la sezione è tenuta a farne formale richiesta al Tribunale, che deciderà in seduta plenaria.
La presenza dell’avvocato generale è prevista invece come continuativa e permanente nell’adunanza plenaria.
Il Tribunale di primo grado è competente in materia:
— di controversie tra la Comunità ed i suoi agenti;
— di ricorso per annullamento (v.), per carenza (v. Ricorso in carenza) e per responsabilità extracontrattuale (v. Azione di responsabilità extracontrattuale) promosse da persone fisiche nell’ambito del Trattato;
— di ricorsi per annullamento e per carenza promossi da persone fisiche o giuridiche;
— di ricorsi per responsabilità extracontrattuale delle Comunità promossi da persone fisiche o giuridiche;
— di ricorsi promossi da persone fisiche o giuridiche contro i provvedimenti emessi nel campo della protezione commerciale, in caso di dumping (v.) e sovvenzioni (v.).
La procedura davanti al Tribunale è fondamentalmente analoga a quella prevista davanti alla Corte, comprendendo una fase scritta, con scambio di memorie tra le parti, ed una fase orale, che è introdotta dalla relazione del giudice relatore.
Come quelle della Corte, le udienze del Tribunale sono di regola pubbliche, mentre le sue deliberazioni sono segrete.
Per la decisione della causa è necessario un quorum di tre giudici, quando è riunito in sezione, di nove in adunanza plenaria. Alle deliberazioni partecipano solo i giudici intervenuti in udienza.
Le decisioni del Tribunale sono soggette ad impugnazione davanti alla Corte, alla quale sono legittimati le parti soccombenti (totalmente o parzialmente), gli Stati membri e le istituzioni della Comunità (anche se non sono intervenuti in primo grado dinanzi al Tribunale).
Questa particolarità fa sì che, in caso di accoglimento dell’impugnazione proposta da Stati membri o istituzioni comunitarie non intervenuti in primo grado, la Corte ha facoltà di precisare gli effetti della decisione del Tribunale da considerarsi definitivi per le partecipazioni.
Lo scopo dell’istituzione del Tribunale è statoquello di esonerare la Corte dall’esame dei fatti in settori di particolare complessità.
Il principio dell’unicità della giurisdizione resta tuttavia garantito:
— dalla impugnabilità delle sentenze (v.) del Tribunale di primo grado dinanzi alla Corte di Giustizia;
— dalla giurisdizione esclusiva della Corte di Giustizia nei ricorsi contro atti normativi o atti di interesse generale.