Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 320 € 19,00</span> 516 Codice del Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 992 € 34,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 207/1 Elementi di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 208 € 12,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span>
Tabelle di corrispondenza
TAC
TACIS
Taiex
Target
TARIC
Tariffa Doganale Comune
Tariffa Esterna Comune
Tariffa Integrata Comunitaria
Task force
Tassa di effetto equivalente
Tassazione nel paese di destinazione
Tassazione nel paese di origine
Tasso di cambio
Tasso di conversione
Tasso massimo di aumento
TDC
TDI
TEC
Technical Assistance Information Exchange
TED
Telecomunicazioni
Televisione senza frontiere
TEMPUS
Tenders Electronic Daily
Territorio comunitario
Territorio doganale comunitario
Terrorismo
Terza età
Terza fase
Terzo pilastro
Tindemans
Titoli di studio
Tossicodipendenza
Totali Ammissibili di Cattura
Trans european automated real time gross settlement express transfer system
Trans European Mobility Programme for University Students
Transfer pricing
Transito comunitario
Trasparenza delle istituzioni
Trasporti
Trattati comunitari
Trattati di adesione
Trattati di Roma
Trattato di Amsterdam
Trattato di Bruxelles
Trattato di Lussemburgo
Trattato di Maastricht
Trattato di Parigi
Trattato quadro
Trattato sulla fusione degli esecutivi
Trattato sull’Unione europea
Trevi
Triangolazione
Tribunale di prima istanza
Tribunale di primo grado
Troika
TUE
Turchia
Turismo
Tutela dei consumatori
Tutela della sanità pubblica
Tutela giurisdizionale




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Tutela dei consumatori

Sebbene il trattato istitutivo della Comunità europea non contemplasse alcuna specifica disposizione in materia, è opinione corrente che essa abbia ricevuto notevole impulso ad opera dell’ordinamento comunitario.
Affinché alla politica dei consumatori fosse conferito uno specifico fondamento giuridico, fu necessario attendere l’approvazione dell’Atto unico europeo, il quale dava mandato alla Commissione di definire le proprie proposte di legislazione per la realizzazione del mercato unico (v.), in relazione a rigorosi criteri di tutela nei settori della salute, della sicurezza, dell’ambiente e della protezione dei consumatori.
Ma è solo con il Trattato di Maastricht che viene segnata una tappa fondamentale per questo settore. Con questo atto, infatti, è stato introdotto un apposito titolo dedicato alla tutela dei consumatori (l’ex titolo XI, ora XIV), nel quale esplicitamente si affermava l’obiettivo di garantire un “elevato livello di protezione dei consumatori”. Nello stesso titolo si precisava che le iniziative dell’Unione europea, a protezione dei consumatori, dovevano tendere ad integrare e a non sostituire le attività delle autorità nazionali regionali e locali, limitandosi a definire un livello comune di tutela dei consumatori valevole per il mercato unico.
L’art. 129A (ora 153) del Trattato CE è stato successivamente riformulato con il Trattato di Amsterdam. Dopo aver sottolineato l’esigenza di garantire una più adeguata promozione degli interessi economici dei consumatori, del loro diritto all’informazione, all’educazione e all’organizzazione per la salvaguardia dei propri interessi, l’art. 153 sottolinea che la Comunità provvederà a garantire un alto livello di protezione dei consumatori nella definizione e nell’attuazione di ogni sua politica.
Lo stesso articolo stabilisce che la Comunità contribuisce al conseguimento degli obiettivi sopra citati mediante:
— misure relative al ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative (v.);
— misure di sostegno, di integrazione e di controllo della politica svolta dagli Stati membri, adottate dal Consiglio secondo la procedura di codecisione (v.).
In attuazione degli obiettivi comunitari in materia di difesa dei consumatori sono state emanate una serie di direttive (v.) riguardanti la sicurezza dei prodotti, l’etichettatura degli alimenti, la pubblicità (v.) ingannevole, i diritti dei consumatori nelle vendite a domicilio.
Un’accelerazione nei tempi di produzione legislativa si ebbe nel 1992 con il varo del programma per l’attuazione del mercato unico: tra il 1988 e il 1993 furono, infatti promulgate una serie di direttive di portata settoriale che fissavano i requisiti di sicurezza per i giocattoli, i mezzi e le attrezzature di protezione del personale e che disponevano nuovi controlli sanitari e sistemi di etichettatura per gli alimenti e i prodotti agricoli.
Questa direttive furono completate nel 1992 con una direttiva ad indirizzo generale; essa imponeva ai fabbricanti e ai distributori l’obbligo d’immettere sul mercato prodotti sicuri e attribuiva la responsabilità agli Stati membri in merito all’utilizzo delle strutture di controllo per verificarne l’applicazione.
Infine è da menzionare la decisione n. 283 del 25 gennaio 1999 che stabilisce un quadro generale per le attività comunitarie a favore dei consumatori.
Tale decisione è stata adottata al fine di contribuire alla realizzazione di un livello elevato di protezione dei consumatori, della salute umana e di contribuire al rafforzamento della fiducia dei consumatori nei prodotti e nei servizi.
Il quadro generale di attività per il periodo 1° gennaio 1999-31 dicembre 2000 identifica quattro settori d’intervento della Comunità a tutela dei consumatori:
— la loro salute e sicurezza in relazione a prodotti e servizi;
— la protezione dei loro interessi economici e giuridici, compreso l’accesso ai mezzi di risoluzione delle controversie;
— l’educazione e l’informazione sui mezzi di tutela e i diritti di cui essi godono;
— promozione e rappresentanza dei loro interessi (v. Comitato dei consumatori).
La Commissione è l’organo preposto alla vigilanza sull’attuazione del quadro generale, valuta i risultati delle azioni e dei progetti realizzati ed ha il compito di presentare al Parlamento e al Consiglio una relazione sui primi tre anni di attuazione delle attività realizzate nell’ambito del quadro generale.

Tutela dei consumatori


Base giuridica:
art. 153 Trattato CE

Direzione generale responsabile:
Direzione generale per la salute e la tutela dei consumatori

Sito Internet:
http://www.europa.eu.int/comm/dgs/health_consumer/index_en.htm


Voci collegate:
Agenzia europea per gli alimenti sicuri, BEUC, Comitato dei consumatori, Doppia indicazione dei prezzi, EMEA, Eurosportelli per i consumatori, Politica dell’ambiente, Pubblicità, Sanità pubblica