Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
ST24 Diritto Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 736 € 50,00</span> 212/5maior Elementi Maior di Diritto Penale - Parte speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 III Ed., pag. 384 € 15,00</span> 212/1 I Reati contro la Pubblica Amministrazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 VI, pag. 160 € 10,00</span> 212maior Elementi Maior di Diritto Penale - Parte generale e speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XX, pag. 352 € 15,00</span> L41 Prescrizione dei Reati dopo la Riforma Orlando<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 , pag. 240 € 34,00</span> 503 Codice Penale e di Procedura Penale e Leggi Complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIV, pag. 2336 € 38,00</span> OP3 Codice Penale Operativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XV, pag. 2400 € 87,00</span> 3/4 Schemi & Schede di Diritto Penale (generale e speciale)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XVI, pag. 336 € 16,00</span> 3/2 Compendio di Diritto Penale - Parte generale e speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIII, pag. 640 € 24,00</span> 62 Manuale del Consulente del Lavoro <br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIV, pag. 1536 € 60,00</span> 503/3 Codice Penale e di Procedura Penale e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXIII, pag. 1760 € 24,00</span> 54A/3 I Quaderni del Praticante Avvocato - Diritto Penale Parte generale e speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 336 € 17,00</span> E3/A Codice Penale Esplicato e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 1248 € 20,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Reati (d. pen.)
[Reato].
() connessi
Una particolare ipotesi di concorso di reati è costituita dai c.d. (—), cioè reati tra loro collegati da una connessione teleologica, quando cioè un reato è commesso allo scopo di eseguire un altro reato e da una connessione consequenziale allorché un reato viene commesso per conseguire o assicurare a sé o ad altri il profitto, il prezzo, il prodotto o l'impunità di un altro reato oppure per occultarlo.
() di opinione
Il Codice Rocco ha operato una criminalizzazione del dissenso ideologico. Tale repressione, attuata in pieno regime fascista, ha previsto sia i reati della cospirazione politica mediante accordo (art. 304 c.p.) e della cospirazione politica mediante associazione (art. 305 c.p.), sia le relative figure di istigazione ed apologia (artt. 302 e 303 c.p.). Tale ultima fattispecie è stata abrogata dalla L. 25-6-1999, n. 205 (c.d. legge delega per la depenalizzazione dei reati minori).
Il Codice Rocco ha accentuato l'asprezza della repressione dei (—) sia per severità delle pene (nei minimi e nei massimi edittali), sia per la previsione di numerose circostanze aggravanti, sia infine per una voluta anticipazione della soglia di punibilità dei (—) rispetto ai reati comuni.
L'entrata in vigore della Costituzione ha creato non pochi problemi di compatibilità tra il sistema repressivo del Codice Rocco e la nuova forma istituzionale della Repubblica basata sul pluralismo ideologico e sulla tutela delle minoranze politiche, che non tollera limitazioni alla libera manifestazione del pensiero (art. 21 Cost.).
Il problema sorge per esempio per i reati di vilipendio che si sostanziano in un divieto di dissenso politico legittimato dal legislatore, in netto contrasto con il disposto costituzionale qui esaminato. D'altra parte molti (—), ad esempio l'apologia di reato, hanno una forma ambigua; infatti a seconda della loro interpretazione essi possono determinare la repressione di un mero dissenso ideologico o di comportamenti che incitano alla violazione di legge, e che come tali non possono beneficiare di alcuna garanzia costituzionale.
Questo problema è stato di grande attualità negli anni del terrorismo, in cui lo Stato per combattere tale fenomeno ha fatto un uso sicuramente incostituzionale dei (—).
() edilizi
In specifiche ipotesi di illecito urbanistico la legge prevede nei confronti dei trasgressori delle disposizioni urbanistico-edilizie, in aggiunta alle sanzioni amministrative, civili, fiscali ed accessorie, sanzioni penali graduate secondo la gravità dell'illecito.
Il nuovo testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, D.P.R. 380/2001, all'art. 44, prevede tre figure, di natura contravvenzionale, di abuso edilizio:
— l'inosservanza delle norme, prescrizioni e modalità esecutive previste dal testo unico nonché dai regolamenti edilizi, dagli strumenti urbanistici e dal permesso di costruire;
 la costruzione in totale difformità o in assenza del permesso, ovvero la prosecuzione dei lavori nonostante l'ordine di sospensione;
— lottizzazione abusiva a scopo edilizio nonché interventi edilizi in aree sottoposte a vincolo storico, artistico, archeologico, paesistico, ambientale, in variazione essenziale in difformità totale o in assenza del permesso.
Il reato di costruzione edilizia senza concessione o in difformità da essa ha natura permanente e la permanenza cessa con il totale esaurimento dell'attività illecita, cioè con l'ultimazione dell'opera nel suo complesso, compresi i lavori di rifinitura anche esterni, quali gli intonaci e gli infissi.
() ministeriali
I (—) sono gli illeciti indicati nella Carta Costituzionale come reati commessi nell'esercizio delle loro funzioni dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dai Ministri.
I (—) non sono più oggetto di quella particolare procedura detta procedimento penale costituzionale, la cui competenza era riconosciuta alla Corte Costituzionale. Oggi, infatti, il nuovo testo dell'art. 96 Cost. attribuisce tali competenze al giudice ordinario anche se, per l'esercizio dell'azione penale, necessita l'autorizzazione delle Camere.
() societari
I (—) sono quelle fattispecie commesse, in violazione dei doveri od abuso dei poteri stabiliti dalla legge, da persone che esercitano funzioni di particolare importanza in seno alle società di commercio, e più precisamente nelle società soggette a registrazione.
Le principali disposizioni normative sono raccolte nel Titolo XI Libro V del codice civile, nel capo intitolato Disposizioni penali in materia di società e di consorzi. Altre norme disciplinanti tale materia sono fissate da leggi ordinarie e dal D.Lgs. 58/1998 (T.U. finanziario) che disciplina i (—) commessi da esponenti aziendali di società con azioni quotate.
() tributari
Violazioni della normativa tributaria punite con una sanzione penale.
La disciplina dei (—) in materia d'imposta sui redditi e IVA è stata oggetto della riforma attuata col D.Lgs. 74/2000. La riforma trova il suo nucleo centrale in tre figure d'illecito che rappresentano altrettante distorsioni nell'uso della dichiarazione annuale ai fini IVA e delle imposte sui redditi. Vale a dire:
— la dichiarazione fraudolenta;
— la dichiarazione infedele;
— l'omessa dichiarazione.