Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
504/4 Codice Civile e di Procedura Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXI, pag. 1632 € 24,00</span> 5/3 Compendio di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXII, pag. 656 € 21,00</span> 504 Codice Civile e leggi complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XLV, pag. 1952 € 20,00</span> 511/1 Quattro Codici Editio Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XV, pag. 1792 € 26,00</span> 504/1 Codice Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXVIII, pag. 1760 € 16,00</span> 314/1 Concorso 80 Commissari Polizia di Stato - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 864 € 46,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Recesso (d. civ.)
È il diritto di sciogliersi da un precedente vincolo contrattuale mediante una dichiarazione unilaterale di volontà comunicata all'altra parte.
Tale diritto può essere:
— legale, se è previsto dalla legge; ciò vale per alcuni contratti nominati (società, locazione, mandato, mutuo, appalto, deposito, contratto (di lavoro)): si tratta, per lo più, di contratti la cui esecuzione si protrae nel tempo, quando non è stabilito in anticipo il momento della cessazione;
 convenzionale, quando è previsto contrattualmente con apposita clausola. Spesso in questi casi è anche previsto un corrispettivo per la parte che è destinata a subire l'esercizio del diritto di (—), consistente nel pagamento di una somma di danaro nelle due forme della multa penitenziale e della caparra penitenziale.
Occorre poi distinguere:
— nei contratti ad esecuzione istantanea (immediata o differita) il (—) può essere esercitato, salvo patto contrario, solo prima che abbia inizio l'esecuzione del contratto (art. 1373, c. 1 c.c.);
— nei contratti di durata (ad esecuzione continuata o periodica), invece, il (—) è ammissibile anche dopo che l'esecuzione del contratto abbia avuto inizio, ma esso, salvo patto contrario, non ha effetto per le prestazioni già eseguite o in corso di esecuzione (art. 1373, c. 2 c.c.). Di conseguenza, le parti non possono pretendere la restituzione delle prestazioni già eseguite.
Ipotesi specificamente disciplinata, infine, è quella del recesso dell'associato (art. 24 c.c.) [Associazione].
() ad nutum (d. lav.)
[Licenziamento (ad nutum)].
() attivo (d. pen.)
Circostanza attenuante operante in materia di tentativo, a favore dell'agente che, dopo aver integrato l'intera condotta criminosa, si attivi volontariamente e con successo, al fine di impedire la verificazione dell'evento.
Mentre la desistenza volontaria si estrinseca, di regola, nella semplice astensione dal continuare nel proprio comportamento, il (—), detto impropriamente anche pentimento operoso, implica una condotta attiva dell'agente diretta ad interrompere il processo causale già attivato. È peraltro da rilevare che in talune ipotesi il (—) può realizzarsi anche con un mero comportamento omissivo (es.: estortore che, dopo avere effettuato telefonicamente la richiesta estorsiva, non si reca nel luogo ad ora stabilita per ritirare il denaro).
Il (—), che comporta una diminuzione della pena da un terzo alla metà di quella stabilita per il delitto tentato, può aversi solo nei delitti in cui tra la realizzazione della condotta ed il verificarsi dell'evento intercorra un certo lasso di tempo.
Il (—) non deve essere confuso con il ravvedimento post delictum, ex art. 62, n. 6 c.p., che si realizza dopo il verificarsi dell'evento, dunque dopo la consumazione del reato, allo scopo di eliminare o attenuare le conseguenze dannose o pericolose dello stesso.
() da vendite concluse fuori dalle sedi commerciali (d. civ.)
Facoltà concessa all'acquirente di recedere dal contratto stipulato, entro un periodo di tempo determinato.
Si applica ai contratti stipulati tra un operatore commerciale ed un consumatore, per la fornitura di beni o la prestazione di servizi, conclusi fuori dai locali commerciali, con mezzi particolari (vendita a domicilio, per corrispondenza, attraverso canali televisivi o radiofonici, o mediante strumenti informatici o telematici).
A tal fine l'operatore commerciale deve fornire adeguate informazioni circa le modalità, i tempi e i soggetti nei cui confronti va indirizzata la comunicazione di avvalersi della facoltà di recesso e di tali informazioni deve darne conferma scritta.
La comunicazione deve essere inviata all'operatore entro dieci giorni dall'avvenuta informazione, o nel diverso termine di sessanta giorni (decorrente, per i beni, dal giorno del loro ricevimento da parte del consumatore, per i servizi, dal giorno della conclusione del contratto) nell'ipotesi in cui il fornitore non abbia adempiuto agli obblighi informativi, salva l'indicazione di termini più favorevoli contenuta nel contratto.
Tale diritto spetta solo al consumatore: nel momento in cui lo esercita ha però l'obbligo di restituire nel termine previsto dal contratto (comunque non inferiore a dieci giorni) la merce già ricevuta, mentre l'operatore commerciale deve effettuare il rimborso delle somme versate nel termine di trenta giorni dalla data in cui è venuto a conoscenza della volontà del consumatore di recedere dal contratto.
Analogo contenuto e medesime modalità di esercizio ha il diritto di recesso del consumatore nell'ambito dei contratti stipulati a distanza [Vendita (a distanza)]. Il D.Lgs. 206/2005, recante il Codice del consumo, nel disporre la riorganizzazione e il riassetto della previgente normativa intervenuta a tutela dei consumatori, ha infatti dettato disposizioni comuni, unificando il relativo regime, con riguardo al diritto di recesso del consumatore dai contratti stipulati a distanza ovvero negoziati fuori dai locali commerciali.
() del socio (d. comm.)
È una delle cause di scioglimento del rapporto sociale con riferimento ad un solo socio. Il riconoscimento del diritto di (—) costituisce una deroga al principio della indissolubilità unilaterale dei contratti; può quindi ritenersi ammesso solo nelle ipotesi espressamente previste dalla legge e dal contratto.
() in tronco (d. lav.)
È il recesso dal rapporto di lavoro di una delle parti (datore o lavoratore) determinato da una giusta causa che non consenta la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto. Se a recedere è il prestatore (ad es. per un grave inadempimento del datore ovvero per gravi esigenze familiari), a questi è dovuta l'indennità sostitutiva del preavviso.
Il (—) del datore è detto licenziamento in tronco.
() unilaterale (d. lav.)
Negozio giuridico unilaterale, in base al quale si determina l'estinzione del rapporto di lavoro e in particolare di quelli a tempo indeterminato.
Il (—) assume una denominazione diversa a seconda che sia posto in essere dal lavoratore, nel qual caso si configurano le dimissioni, ovvero dal datore di lavoro, determinandosi la fattispecie del licenziamento.
Quest'ultimo istituto è soggetto ad una disciplina particolare, volta a tutelare il contraente debole del rapporto di lavoro (lavoratore). Ipotesi particolare di (—) è quella, ex art. 2096 c.c., relativa all'esito negativo del periodo di prova [Patto (di prova)].