Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP4 Ipercompendio Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XII, pag. 256 € 16,00</span> 217/1maior Procedimento Amministrativo, Accesso e Privacy<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IX, pag. 208 € 18,00</span> 506/7 Codice Amministrativo Fondamentale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XII, pag. 1664 € 35,00</span> 4/1 Compendio di Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXI, pag. 512 € 27,00</span> 4/4 Compendio di Diritto Processuale Amministrativo e Giustizia Amministrativa<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 304 € 24,00</span> 506/2 Codice Amministrativo (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIV, pag. 1632 € 19,00</span> 314/1 Concorso 80 Commissari Polizia di Stato - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 864 € 46,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Regolamenti (d. amm.)
I (—) sono atti formalmente amministrativi, in quanto emanati da organi del potere esecutivo, aventi forza normativa (sostanzialmente normativa), in quanto contenenti norme destinate a innovare l'ordinamento giuridico. Carattere generale dei (—) sono la generalità, l'astrattezza e l'innovatività.
Vari limiti sono previsti in ordine all'esercizio della potestà regolamentare.
I (—), infatti:
a) non possono mai derogare o contrastare con la Costituzione, né con i principi in essa contenuti;
b) non possono derogare né contrastare con le leggi ordinarie, salvo che sia una legge ad attribuire loro il potere, in un determinato settore e per un determinato caso, di innovare anche nell'ordine legislativo (delegificando la materia);
c) non possono mai regolare le materie riservate dalla Costituzione alla legge (ordinaria o costituzionale): neppure una legge ordinaria può attribuire tale potere, poiché neppure essa può contrastare con la Costituzione;
d) non possono mai derogare al principio di irretroattività della legge (la legge, invece, può di norma derogarvi, in quanto tale principio è sancito da una norma, l'art. 11, disp. prel. c.c., contenuta in una legge ordinaria);
e) non possono contenere sanzioni penali, per il principio della riserva di legge in materia penale (art. 25 Cost.);
f) i regolamenti emanati da autorità inferiori non possono mai contrastare con i regolamenti emanati da autorità gerarchicamente superiori.
Per la classificazione dei (—) dell'Esecutivo [Regolamenti (dell'Esecutivo)].
() comunitari (d. comunit.)
Atto normativo delle Comunità Europee emanato, a seconda delle diverse disposizioni dei trattati istitutivi, dal Parlamento Europeo congiuntamente con il Consiglio, dal solo Consiglio o dalla sola Commissione.
Il (—) ha portata generale, è obbligatorio in tutti i suoi elementi ed è direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.
Caratteristiche principali dei (—) sono, pertanto:
— la portata generale, nel senso che i destinatari devono appartenere a categorie determinate astrattamente e obiettivamente;
— l'astrattezza, nel senso che prescindono dal caso concreto e possono applicarsi a qualsiasi fattispecie rientrante nella previsione;
 l'obbligatorietà in tutti i loro elementi. Questo carattere distingue i (—) dalle direttive, che vincolano i destinatari limitatamente agli scopi, lasciandoli liberi nella scelta degli strumenti di attuazione;
— la diretta applicabilità in ogni Stato membro, a prescindere da un intervento del potere normativo nazionale.
Gli atti equivalenti della C.E.C.A. sono denominati decisioni generali.
() degli enti locali
La potestà regolamentare dei Comuni, delle Province e delle Città metropolitane, in seguito alla riforma operata con la L. Cost. 3/2001, è riconosciuta dall'art. 117, co. 6, Cost., secondo il quale tali enti possono esercitarla in ordine alla disciplina dell'organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite.
La disposizione in esame deve essere coordinata con l'art. 7 D.Lgs. 267/2000 (Testo unico degli enti locali) che, con riferimento esclusivamente ai Comuni e alle Province, specifica che tali enti nel rispetto dei principi fissati dalla legge e dello statuto, adottano regolamenti nelle materie di propria competenza ed in particolare per l'organizzazione e il funzionamento delle istituzioni e degli organismi di partecipazione, per il funzionamento degli organi e degli uffici e per l'esercizio delle funzioni. Dalla norma in esame si evince che i (—) costituiscono una fonte secondaria del diritto, in quanto devono rispettare sia le prescrizioni dello statuto sia i principi fissati con legge dello Stato.
() degli organi di rilievo costituzionale
Disposizioni di legge riconoscono potestà regolamentare a organi di rilievo costituzionale [Organo]: l'art. 20 della legge 24 marzo 1958, n. 195 per quanto riguarda il C.S.M. [Consiglio (superiore della Magistratura)], l'art. 20 della legge 30 dicembre 1986, n. 936 per il C.N.E.L. e l'art. 4 della legge 14 gennaio 1994, n. 20 per la Corte dei Conti.
La legge conferisce una potestà normativa di autorganizzazione ad alcuni organi, in omaggio alla posizione di rilievo costituzionale che essi assumono nel nostro ordinamento.
() della Corte Costituzionale
L'art. 24 della L. 87/1953 attribuisce alla Corte Costituzionale il potere di emanare un (—) che disciplini l'esercizio delle sue funzioni, mentre l'art. 22 dispone che norme integrative per i giudizi dinanzi a sé possono essere stabilite con (—). A questi due atti deve essere aggiunto il (—) generale, che concerne l'organizzazione interna della Corte.
Gli atti previsti dalla citata legge dovrebbero essere classificati, a rigor di logica, come fonti secondarie, soggette alla stessa legge che li disciplina. Al contrario, una parte consistente della dottrina ritiene che si tratti di fonti primarie assimilabili ai (—) parlamentari, come tali in grado di derogare alla stessa L. 87/1953, in quanto espressioni dell'autonomia costituzionalmente riconosciuta alla Corte.
Del resto, osservando che i (—) sono adottati dallo stesso organo che è chiamato a risolvere conflitti di attribuzione e a sindacare la costituzionalità delle leggi [Giudizio (di costituzionalità delle leggi)], appare difficile che leggi posteriori possano disporre in difformità dai primi.
() dell'Esecutivo
Sono quelli che promanano dall'esecutivo (il Governo nel suo complesso o le sue articolazioni interne e le autorità ad esso soggette) e si collocano al di sotto della legge nel sistema delle fonti (sono perciò dette fonti secondarie [Fonti del diritto]). Essi, infatti sono atti solo formalmente (o soggettivamente) amministrativi; sostanzialmente, però, si configurano come atti normativi che innovano l'ordinamento giuridico nei limiti previsti dalla legge.
Quanto al loro regime giuridico, i (—) non possono derogare alla Costituzione, non possono derogare a leggi ordinarie, non possono regolare le materie che il costituente riserva espressamente alla legge (ordinaria o costituzionale) [Riserva (di legge)]; non possono derogare al principio di irretroattività della legge, non possono contenere sanzioni penali; i (—) di autorità inferiori non possono derogare a quelli di autorità superiori; non possono regolare istituti fondamentali dell'ordinamento; non possono disciplinare materie di competenza legislativa concorrente e residuale delle Regioni.
() del Presidente della Repubblica
Il Presidente della Repubblica può, in base alla legge n. 1077 del 1948, emanare un (—) interno su proposta del segretario alla Presidenza e nella forma del decreto presidenziale, senza controfirma.
() parlamentari
La Costituzione riconosce a ciascuna Camera il potere di emanare (—) che disciplinino l'organizzazione e il funzionamento delle stesse.
Lo Statuto albertino considerava i (—) come interna corporis inidonei a produrre norme giuridiche e destinati ad essere applicati e interpretati esclusivamente dalle Camere. Attualmente, però, i (—) sono previsti direttamente dalla Costituzione, che riserva loro la disciplina di determinate materie ad esclusione di altre fonti.
Si può dunque affermare che si tratta di atti normativi e di vere e proprie fonti del diritto.
La Corte Costituzionale ha, tuttavia, escluso che la violazione dei (—) possa essere da essa sindacata come vizio formale della legge. La Corte ha altresì affermato che i (—) sono sottratti al sindacato di costituzionalità, non trattandosi di atti aventi forza di legge.
() regionali
La potestà regolamentare delle Regioni è esplicitamente prevista dall'art. 117 Cost. secondo il quale queste la esercitano nelle materie in cui non vi è una competenza legislativa esclusiva dello Stato. Anche in queste materie, tuttavia, la potestà regolamentare può essere delegata dallo Stato alle Regioni.