Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span> 332 35 Funzionari Contabili Amministrazione Penitenziaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 42,00</span>
D-M-D
Dati statistici
Dawes, piano
Dax
Dazi ad valorem
Dazi all'importazione
Dazi antidumping
Dazi convenzionali
Dazi d'esportazione
Dazi di transito
Dazi differenziali
Dazi doganali
Dazi fiscali
Dazi generali
Dazi preferenziali
Dazi protettivi
Dazi specifici
De Viti De Marco, Antonio
Deadline
Dear money
Debito consolidato
Debito d'imposta
Debito della Pubblica Amministrazione
Debito estero
Debito fluttuante
Debito pubblico
Debito pubblico allargato
Debito pubblico irredimibile
Debreu, Gérard
Decelerazione
Decentramento amministrativo e fiscale
Decentramento produttivo
Decili
Decision theory
Decision tree
Decisioni, teoria delle
Decollo
Deconglomerating
Decoupling
Deduzione
Deficit
Deficit pubblico
Deficit spending
Deficit strutturale
Deflatore implicito
Deflazione
Del Vecchio, Gustavo
Delphi
Demand-pull
Demanio
Dematerializzazione dei titoli di credito
Dematerializzazione della moneta
Democrazia
Demografia
Demonetizzazione
Demoskopea
Denaro
Denaro a buon mercato
Denaro caldo
Denaro elastico
Denaro fresco
Denison, Edward Fulton
Depletion allowance
Deporto
Deposito a risparmio
Deposito a vista
Deposito bancario
Deposito in conto corrente
Deposito postale
Deposito reale
Deposito vincolato
Depressione
Deprezzamento
Depth interview
Deregulation
Derivata
Derivati
Design
Design to cost
Despecializzazione bancaria
Despecializzazione del credito
Destagionalizzazione
Determinante
Detrazioni d'imposta
Deverticalizzazione
Devianza
Diagramma
Diagramma a barre
Diagramma a dispersione
Diagramma cartesiano
Diagramma circolare
Diagramma di redditività
Diagramma polare
Diagrammi di Venn
Dichiarazione tributaria
Dicotomia neoclassica
Differenza interdecile
Differenza interquartilica
Differenza prima
Differenza semplice media
Differenza stagionale
Differenza successiva
Differenze medie
Differenziale
Differenziale semantico
Differenziali salariali
Differenziazione del prodotto
Diffusione dell'imposta
Dilemma del prigioniero
Dilemma di Disneyland
Dils
Dimensione campionaria
Dimostrazione, effetto di
Dinamica economica
Dipendenza, teoria della
Dirigismo
Diritti di compensazione
Diritti di proprietà
Diritti doganali
Diritti speciali di prelievo
Diritto di conio
Disaggio
Disavanzo
Disavanzo nei pagamenti con l'estero
Disavanzo primario
Disavanzo pubblico
DISC
Discordanza
Discounted Cash Flow
Discriminazione dei prezzi
Discriminazione dei redditi
Diseconomie
Diseconomie di scala
Disequilibrio
Disincentivo
Disinflazione
Disintermediazione del credito
Disintermediazione finanziaria
Disinvestimento
Dismissione
Disoccupazione
Disoccupazione ciclica
Disoccupazione frizionale
Disoccupazione involontaria
Disoccupazione strutturale
Disoccupazione tecnologica
Disoccupazione volontaria
Disoccupazione, saggio naturale di
Dissaving
Distorsione
Distorsione statistica
Distretto industriale
Distribuzione
Distribuzione campionaria
Distribuzione commerciale
Distribuzione congiunta
Distribuzione degenere
Distribuzione del reddito
Distribuzione doppia
Distribuzione funzionale
Distribuzione integrata
Distribuzione personale
Distribuzione unimodale
Disutilità
Dit
Dittatura del proletariato
Diversificazione
Diversificazione a macchia d'olio
Diversificazione conglomerale
Diversificazione finanziaria
Diversificazione territoriale
Diversione degli scambi
Dividendo
Dividendo fiscale
Divisa
Divisia
Divisione del lavoro
Divisione internazionale del lavoro
Divorzio Bankitalia/Tesoro
Dobb, Maurice Herbert
Documento amministrativo unico
Documento di programmazione economica e finanziaria
Dogs
Dollar gap
Dollar glut
Dollar premium
Dollar standard
Dollaro
Domanda
Domanda ad angolo
Domanda aggregata
Domanda compensata
Domanda di mercato
Domanda di moneta
Domanda individuale
Domanda, curva di
Domar, Evsey David
Domestic credit expansion
Domestic currency swap
Doppia forbice
Doppia imposizione
Doppio mercato dei cambi
Dorfman, Robert
Douglas, Paul Howard
Dow Jones
Downs, Anhony
Doxa
DPEF
Drawback
Drenaggio fiscale
DSP
Dual income tax
Dualismo economico
Duesenberry, James
Dumping
Duopolio
Duopolio di Bertrand
Duopolio di Cournot
Duopsonio
Duration
Duty free shop




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Imposta sui consumi

Imposta indiretta
(v.) che grava sui beni nel momento in cui essi vengono consumati.
Le ragioni che spingono ad optare per un sistema tributario che poggi in gran parte su imposte di questo tipo sono diverse:
la semplicità amministrativa, sia l'accertamento che la riscossione sono più agevoli e meno costosi, rispetto alle imposte sul reddito (v.) e a quelle sul patrimonio (v. Imposta sul patrimonio);
— la capacità di generare illusione fiscale (v.), infatti il frazionamento dell'onere dell'imposta fra più individui e la sua inclusione nei prezzi di vendita rende più sopportabile il prelievo.
D'altro canto però, accanto ai vantaggi del ricorso ad un'imposta di questo tipo, vi sono anche degli svantaggi. Questi ultimi si sostanziano principalmente nella regressività (v. Imposta regressiva) dell'imposta rispetto al reddito; infatti, dato che il consumo totale dipende dalla sua propensione marginale e dato che quest'ultima decresce al crescere del reddito, un'imposta sul consumo grava soprattutto su coloro che producono un reddito basso.
Questa conclusione non vale però per i beni voluttuari: in questo caso, infatti, sia l'individuo ricco sia quello povero che non sanno rinunciare al consumo di tali beni subiranno lo stesso onere d'imposta anche se percepiscono dei redditi diversi.
Le imposte sui consumi possono essere distinte in generali o speciali.
Quelle generali colpiscono i beni e servizi prodotti, in una o più fasi del processo produttivo, nel momento della vendita.
Per la determinazione della base imponibile (v.), su cui applicare l'imposta, generalmente si fa riferimento alle entrate lorde delle imprese. Infatti, secondo la maggior parte dei teorici di economia e finanza pubblica, questo tipo di imposta, costituendo un costo di produzione per le imprese, viene trasferita ai consumatori attraverso un aumento del prezzo dei beni ad essa assoggettati. Ciò si tradurrebbe, in definitiva, in un'imposta sul reddito dei contribuenti applicata attraverso la riduzione del suo potere di acquisto, a sua volta determinata dall'aumento dei prezzi.
Una tesi completamente opposta a quella appena citata sostiene la non trasferibilità dell'imposta in avanti. L'ipotesi di base è che le risorse impiegate nell'attività produttiva siano fisse. Così l'introduzione di un'imposta generale sui consumi determina solo una riduzione dei ricavi delle imprese, le quali a loro volta riducono la produzione e l'uso dei fattori produttivi. D'altro canto se esse considerano fissa l'offerta di fattori produttivi, significa, ad esempio, che i lavoratori piuttosto che perdere il loro impiego accetterebbero una riduzione della retribuzione. L'imposta sarebbe dunque trasferita all'indietro sui fattori produttivi senza generare un aumento dei prezzi.
L'imposta generale sui consumi può assumere tre forme diverse:
imposta plurifase (v.) sul valore pieno (v. IGE);
— imposta plurifase sul valore aggiunto (v. IVA);
imposta monofase (v.).
Il ricorso a tali imposte si fonda sulle stesse motivazioni viste per l'imposta sui consumi anche se quelle generali pongono dei problemi diversi in sede di applicazione. Tali problemi riguardano ad esempio quelle merci che sono oggetto di scambio più di una volta oppure gli svantaggi o i vantaggi associati alle varie forme assunte dall'imposta per le imprese che commerciano con l'estero.
Le imposte speciali sui consumi, invece, vengono applicate a determinate categorie di beni (tabacco, alcool) e, a seconda che la base imponibile sia il loro prezzo o la quantità, vengono distinte in:
imposta ad valorem (v.);
imposte specifiche (v.).
L'uso di questa tipologia di imposte risponde a finalità diverse:
— la volontà da parte dei governi di limitare l'uso di prodotti nocivi e la produzione di diseconomie esterne (v. Esternalità);
— l'applicazione del principio del beneficio (v.), secondo il quale ogni contribuente deve sopportare l'onere relativo alla fornitura di certi beni;
— la semplicità amministrativa;
— l'assicurazione di un corposo gettito applicando tali imposte a beni di largo consumo.
Per ciò che concerne l'incidenza delle imposte (v.) speciali sul consumo, essa assume caratteri diversi a seconda della forma di mercato analizzata e dalla differente elasticità della curva di offerta (v. Elasticità dell'offerta) e di domanda (v. Elasticità della domanda).
In linea generale, l'introduzione di un'imposta genera un suo trasferimento interamente sui consumatori se la curva di domanda è completamente rigida. L'aumento del prezzo, dunque, non induce un mutamento nella quantità domandata. Situazione diametralmente opposta si ha in caso di domanda perfettamente elastica.
Dal lato dell'offerta, invece, se questa è rigida l'introduzione dell'imposta non genera variazioni nella quantità prodotta e venduta dalle imprese che sopporteranno interamente l'onere del prelievo. Nel caso in cui l'offerta è elastica l'imposta verrà interamente trasferita sui consumatori.