Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span> 332 35 Funzionari Contabili Amministrazione Penitenziaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 42,00</span>
Raccolta del risparmio
Radice quadrata, formula della
Raggruppamenti strategici
Ragioni di scambio
Ragnatela
Ramsey, regola di
Rapporto benefici-costi
Rapporto di concentrazione
Rappresentanza Sindacale Aziendale
Rappresentanza Sindacale Unitaria
Rappresentazioni grafiche
Rata
Rating
Rational partisan theory
Rawls, John
Razionalità
Razionamento del credito
Reaganeconomics
Real balance effect
Realizzazione
Recessione
Recinzioni
Reciprocità
Reciproco
Reddito
Reddito disponibile
Reddito nazionale
Reddito permanente
Reddito pro-capite
Reddito, effetto di
Redevances
Redistribuzione del reddito
Reengineering
Reflazione
Regimi doganali
Regionale, analisi economica
Regione critica
Regione critica ottimale
Regione di accettazione
Regione di rifiuto
Regola aurea
Regola d'origine
Regola dell'elasticità inversa
Regola di Corlett e Hague
Regola di Ramsey
Regola di Tinbergen
Regolamentazione
Regressione
Regressività
Regulatory capture
Reichsmark
Relazioni industriali
Relazioni pubbliche
Relazioni umane
Rendimenti decrescenti, legge dei
Rendimenti di scala
Rendimento
Rendita
Rendita assoluta
Rendita del consumatore
Rendita di posizione
Rendita differenziale
Rendita italiana
Rendita mineraria
Rentenmark
Repo
Reporting
Reservation wage
Reserve tranche
Residual claimant
Residuo
Resistenza
Restituzione dell'esportazione
Retail price index
Rete di vendita
Reticolo
Retribuzione
Retta di bilancio
Retta di regressione
Rialzista
Ribassista
RIBOR
Ricampionamento
Ricardo, David
Ricardo-Barro, teorema di equivalenza di
Ricavo
Ricavo marginale
Ricavo medio
Ricavo totale
Ricavo unitario
Ricchezza
Ricchezza, effetto di
Ricerca di marketing
Ricerca di mercato
Ricerca e sviluppo
Ricerca operativa
Riconversione industriale
Ricorso al mercato
Riduzione d'imposta
Riforma agraria
Riforma tributaria
Rilevazione statistica
Rimessa
Rimozione dell'imposta
Ripresa
Ripresa drogata
Ripudio del debito pubblico
Rischio
Rischio di cambio
Risconto
Riserva bancaria
Riserva obbligatoria
Riserva valutaria
Riserva volontaria
Riserve ufficiali
Risorse esauribili
Risorse naturali
Risparmio
Risparmio automatico
Risparmio forzato
Risparmio pubblico
Risparmio volontario
Ristagno
Ristrutturazione
Rivalutazione monetaria
Rivitalizzazione
Rivoluzione agraria
Rivoluzione dei prezzi
Rivoluzione industriale
Rivoluzione verde
Robbins, Lionel Charles
Robertson, Dennis Holme
Robinson, Joan Violet
Robustezza
Roll-back
Rome Interbank Offered Rate
Roosa bonds
Roosa, effetto
Rostow, Walt Whitman
Roy, identità di
Royalty
RPI-X
RPT
RSA
RSU




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Imposta sui consumi

Imposta indiretta
(v.) che grava sui beni nel momento in cui essi vengono consumati.
Le ragioni che spingono ad optare per un sistema tributario che poggi in gran parte su imposte di questo tipo sono diverse:
la semplicità amministrativa, sia l'accertamento che la riscossione sono più agevoli e meno costosi, rispetto alle imposte sul reddito (v.) e a quelle sul patrimonio (v. Imposta sul patrimonio);
— la capacità di generare illusione fiscale (v.), infatti il frazionamento dell'onere dell'imposta fra più individui e la sua inclusione nei prezzi di vendita rende più sopportabile il prelievo.
D'altro canto però, accanto ai vantaggi del ricorso ad un'imposta di questo tipo, vi sono anche degli svantaggi. Questi ultimi si sostanziano principalmente nella regressività (v. Imposta regressiva) dell'imposta rispetto al reddito; infatti, dato che il consumo totale dipende dalla sua propensione marginale e dato che quest'ultima decresce al crescere del reddito, un'imposta sul consumo grava soprattutto su coloro che producono un reddito basso.
Questa conclusione non vale però per i beni voluttuari: in questo caso, infatti, sia l'individuo ricco sia quello povero che non sanno rinunciare al consumo di tali beni subiranno lo stesso onere d'imposta anche se percepiscono dei redditi diversi.
Le imposte sui consumi possono essere distinte in generali o speciali.
Quelle generali colpiscono i beni e servizi prodotti, in una o più fasi del processo produttivo, nel momento della vendita.
Per la determinazione della base imponibile (v.), su cui applicare l'imposta, generalmente si fa riferimento alle entrate lorde delle imprese. Infatti, secondo la maggior parte dei teorici di economia e finanza pubblica, questo tipo di imposta, costituendo un costo di produzione per le imprese, viene trasferita ai consumatori attraverso un aumento del prezzo dei beni ad essa assoggettati. Ciò si tradurrebbe, in definitiva, in un'imposta sul reddito dei contribuenti applicata attraverso la riduzione del suo potere di acquisto, a sua volta determinata dall'aumento dei prezzi.
Una tesi completamente opposta a quella appena citata sostiene la non trasferibilità dell'imposta in avanti. L'ipotesi di base è che le risorse impiegate nell'attività produttiva siano fisse. Così l'introduzione di un'imposta generale sui consumi determina solo una riduzione dei ricavi delle imprese, le quali a loro volta riducono la produzione e l'uso dei fattori produttivi. D'altro canto se esse considerano fissa l'offerta di fattori produttivi, significa, ad esempio, che i lavoratori piuttosto che perdere il loro impiego accetterebbero una riduzione della retribuzione. L'imposta sarebbe dunque trasferita all'indietro sui fattori produttivi senza generare un aumento dei prezzi.
L'imposta generale sui consumi può assumere tre forme diverse:
imposta plurifase (v.) sul valore pieno (v. IGE);
— imposta plurifase sul valore aggiunto (v. IVA);
imposta monofase (v.).
Il ricorso a tali imposte si fonda sulle stesse motivazioni viste per l'imposta sui consumi anche se quelle generali pongono dei problemi diversi in sede di applicazione. Tali problemi riguardano ad esempio quelle merci che sono oggetto di scambio più di una volta oppure gli svantaggi o i vantaggi associati alle varie forme assunte dall'imposta per le imprese che commerciano con l'estero.
Le imposte speciali sui consumi, invece, vengono applicate a determinate categorie di beni (tabacco, alcool) e, a seconda che la base imponibile sia il loro prezzo o la quantità, vengono distinte in:
imposta ad valorem (v.);
imposte specifiche (v.).
L'uso di questa tipologia di imposte risponde a finalità diverse:
— la volontà da parte dei governi di limitare l'uso di prodotti nocivi e la produzione di diseconomie esterne (v. Esternalità);
— l'applicazione del principio del beneficio (v.), secondo il quale ogni contribuente deve sopportare l'onere relativo alla fornitura di certi beni;
— la semplicità amministrativa;
— l'assicurazione di un corposo gettito applicando tali imposte a beni di largo consumo.
Per ciò che concerne l'incidenza delle imposte (v.) speciali sul consumo, essa assume caratteri diversi a seconda della forma di mercato analizzata e dalla differente elasticità della curva di offerta (v. Elasticità dell'offerta) e di domanda (v. Elasticità della domanda).
In linea generale, l'introduzione di un'imposta genera un suo trasferimento interamente sui consumatori se la curva di domanda è completamente rigida. L'aumento del prezzo, dunque, non induce un mutamento nella quantità domandata. Situazione diametralmente opposta si ha in caso di domanda perfettamente elastica.
Dal lato dell'offerta, invece, se questa è rigida l'introduzione dell'imposta non genera variazioni nella quantità prodotta e venduta dalle imprese che sopporteranno interamente l'onere del prelievo. Nel caso in cui l'offerta è elastica l'imposta verrà interamente trasferita sui consumatori.