Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span>
WACM
Wage drift
Wagner, Adolph Heinrich G.
Wall street
Walras, Marie Esprit Léon
WAPM
WARP
Warrant
Weintraub, Sidney
Welfare state
Well-behaved
Wharehouse to wharehouse
White Knight
Wicksell, Knut
Wicksteed, Philip
Wieser, Friedrich von
Wildcats
Williamson, modello di
Workfare
World Trade Organization
World-Wide Principle
WTO




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Imposta sul reddito come entrata

Imposta che grava su tutte le entrate percepite da un soggetto, dove il termine entrata indica oltre i redditi prodotti attraverso l'attività lavorativa o imprenditoriale, anche gli incrementi patrimoniali (v. Capital gain).
Il problema della scelta della nozione di reddito entrata come base imponibile (v.) è, a giudizio dei teorici di economia pubblica, legato alla risoluzione di un altro problema: l'opportunità di tassare gli incrementi patrimoniali come reddito.
Le motivazioni a favore della tassazione di tali entrate sono diverse:
— il rispetto del principio dell'equità orizzontale e verticale, infatti, le imposte vengono stabilite in base alla capacità contributiva dei soggetti passivi, per cui coloro che beneficiano di entrate derivanti da incrementi patrimoniali hanno una maggiore capacità contributiva e, dunque, possono sopportare un onere tributario maggiore;
— la tassazione come reddito degli incrementi patrimoniali limita l'elusione (v. Elusione fiscale) e l'elisione dell'imposta (v.). I soggetti passivi, infatti, potrebbero trasformare in incrementi forme di reddito che altrimenti sarebbero tassabili;
— la discriminazione qualitativa dei redditi e la progressività derivante dall'applicazione dell'imposta.
D'altro canto, non mancano motivi che spingono ad essere contrari alla tassazione degli incrementi patrimoniali:
— l'onerosità dell'imposta, la quale genera dei costi aggiuntivi sia riguardo la sua gestione amministrativa sia riguardo gli ulteriori oneri sopportati dai contribuenti;
— l'irrisorietà del gettito dell'imposta, determinata dalla circostanza che la tassazione delle plusvalenze è controbilanciata dalla possibilità di detrazione anche se parziale delle minusvalenze;
— gli effetti distorsivi dell'imposta sull'allocazione delle risorse, essa infatti, influenza le decisioni degli investitori in vario modo. Innanzitutto, poiché il suo pagamento avviene nel momento in cui le plusvalenze si realizzano, la vendita ad esempio del cespite patrimoniale potrebbe essere differita, determinando una stasi delle risorse collettive. L'immobilità delle risorse, inoltre, stimola gli investitori a vendere nei periodi di depressione quando cioè gli incrementi di valore dei cespiti sono minori.
In definitiva, questo comportamento, contribuendo a rendere forti le variazioni di prezzo, rende instabile il consumo e, quindi, l'andamento del prodotto nazionale.