Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
Ragion di Stato
Rapporto giuridico
Rawls John
Razionalismo
Realismo giuridico
Relativismo etico
Relazionalismo
Repubblicanesimo
Resistenza
Responsabilità
Revisionismo
Rivoluzione
Rivoluzione giuridica
Ross, Alf
Rousseau, Jean-Jacques



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario della Filosofia Politica
Rapporto giuridico [teoria del]

Insieme delle concezioni che individuano in ogni gruppo e rapporto sociale stabile la fonte del diritto.
Partendo dalla considerazione che i rapporti sociali sono dotati da un’intrinseca forza normativa e giuridica, tale teoria pone, dunque, il rapporto giuridico al centro del diritto.
Negando alla norma giuridica il carattere di elemento centrale e qualificante dei fenomeni giuridici, la (—) si pone in contrasto col normativismo e si avvicina, al contrario, alla giurisprudenza sociologica e alla teoria istituzionale del diritto.
Alla (—) sono avanzate due obiezioni. In primo luogo, si sostiene che essa incorra nella fallacia naturalistica: presupponendo il giudizio di valore secondo cui è bene che le regole adottate stabilmente e diffusamente nella società siano riconosciute come giuridiche, i teorici del rapporto giuridico finiscono col fondare erroneamente il giudizio di valore su un giudizio di fatto.
In secondo luogo, soprattutto da parte dei giuspositivisti [vedi Giuspositivismo] si osserva che i rapporti sociali sono spesso tra loro conflittuali o, quanto meno, confusi. Si rivela quindi necessaria una selezione (con criteri politici e giuridici) per adottare alcuni piuttosto che altri. I giuspositivisti affidano esplicitamente tale compito ad un legislatore politicamente legittimo mentre i teorici del rapporto giuridico, si osserva, vorrebbero affidarla all’attività interpretativa del giurista, chiamato a «leggere» i rapporti sociali.