Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
504/4 Codice Civile e di Procedura Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXI, pag. 1632 € 24,00</span> 8/1 Compendio di Diritto Processuale Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIV, pag. 560 € 22,00</span> 508 Codice di Procedura Civile e leggi complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XL, pag. 1472 € 22,00</span> 501 Codice di Procedura Penale e leggi complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XLIV, pag. 1120 € 20,00</span> 511/1 Quattro Codici Editio Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XV, pag. 1792 € 26,00</span> 501/1 Codice di Procedura Penale e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXIX, pag. 1216 € 15,00</span> 8/3 Schemi & Schede di Diritto Processuale Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XV, pag. 400 € 18,00</span> 508/1 Codice di Procedura Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXXVII, pag. 1152 € 15,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Ricusazione (d. proc. civ.; d. proc. pen.)
Nel processo penale
Nel processo penale la (—) riguarda le ipotesi di iudex suspectus e si risolve nella sostituzione del giudice ricusato, in caso di accoglimento della relativa richiesta (art. 43 c.p.p.), e nella possibile invalidazione degli atti da lui compiuti (art. 42 c.p.p.); in ogni caso nella preclusione temporanea a pronunciare sentenza finché non si provvede sulla ricusazione (art. 37 c.p.p.).
Nel caso in cui, dopo il rigetto, la (—) venga riproposta basandola sugli stessi motivi, non opera più alcuna preclusione per il giudice ad emanare sentenza (Corte Cost. 23-1-1997, n. 10).
Essa si propone con dichiarazione resa dal P.M. o dalle altre parti private, contenente l'indicazione dei motivi e delle prove ed è soggetta a rigide preclusioni (art. 38 c.p.p.). La (—) ha sempre natura discrezionale, spettando alle parti valutare se, nel caso concreto, il giudice sia realmente sospetto e se si possa fare affidamento sulla sua imparziale terzietà o convenga provocarne la sostituzione, azionando il meccanismo della (—). Qualora, peraltro, questo meccanismo sia malamente azionato (quindi in caso di inammissibilità e di rigetto), può essere irrogata una sanzione pecuniaria, a titolo punitivo, essendosi proiettate ombre inconsistenti sull'obiettività di un giudice (sanzione a carico solo della parte privata, mai del P.M., istituzione non assoggettabile a sanzioni pecuniarie personali).
I motivi di (—) riguardano o l'indebita manifestazione del proprio convincimento sui fatti oggetto dell'imputazione o una delle cause di astensione. Per queste ultime la prevalenza dell'astensione sulla (—) si verifica sia se la precede, sia se sopraggiunge nel corso del procedimento incidentale di (—) (artt. 37 e 39 c.p.p.).
I motivi di (—), costituenti anche motivi di astensione sono:
— la presenza di interesse proprio;
— rapporti debitori o creditori con le parti;
— talune qualità personali che legano il giudice alle parti;
— un'anticipazione di giudizio;
— l'inimicizia grave con le parti;
— taluni legami familiari con le parti o i soggetti processuali o con la persona del P.M., secondo l'elencazione, dettagliata e tassativa, racchiusa nell'art. 36 c.p.p.
Inoltre, la (—) può essere richiesta se nell'esercizio delle funzioni, e prima che sia pronunciata sentenza, il giudice ha manifestato indebitamente il proprio convincimento sui fatti oggetto dell'imputazione.
Essendo incentrata sull'imparzialità, la (—) da un lato non può investire il P.M., essendo costui parte e quindi non dotato di terzietà, presupposto dell'imparzialità; dall'altro lato può riguardare qualsiasi giudice, sia quello delle indagini preliminari (G.I.P.), sia il giudice del giudizio.
Trattandosi di denuncia di sospetta parzialità rivolta contro il giudice, la (—) viene decisa dall'organo giudiziario sovraordinato (art. 40 c.p.p.), a differenza di quanto prescritto in tema di astensione.
In particolare, sulla (—) di un giudice del Tribunale, della Corte di Assise o della Corte di Assise di Appello, decide la Corte di Appello; sulla (—) di un giudice della Corte di Appello, decide la stessa Corte, ma una sezione diversa da quella a cui appartiene il giudice ricusato (art. 40 c.p.p.).
Nel processo civile
Nel processo civile, allo scopo di garantire ai cittadini l'assoluta estraneità ed imparzialità del giudice rispetto alle parti in causa (nemo iudex in re sua), l'art. 52 c.p.c. dispone che nei casi in cui l'astensione è obbligatoria, ciascuna delle parti può proporre la (—) del giudice o di uno dei giudici componenti il collegio. La (—) si propone mediante ricorso contenente i motivi specifici e i mezzi di prova, che, a pena di inammissibilità, deve essere sottoscritto dalla parte o dal difensore e depositato in cancelleria due giorni prima dell'udienza, se al ricusante è noto il nome dei giudici che sono chiamati a trattare o decidere la causa, e prima dell'inizio della trattazione o discussione di questa nel caso contrario.
Ha inizio, così, un vero processo incidentale, che sospende il processo principale, in quanto il giudice ricusato non può compiere nessun atto.
Il presidente del Tribunale decide sulla (—) di un giudice di pace ed il collegio conserva le competenze attuali (v. anche l'art. 30bis c.p.c.).
La decisione è pronunciata con ordinanza non impugnabile, udito il giudice ricusato e assunte, quando occorre, le prove offerte (art. 53 c.p.c.); l'ordinanza che accoglie il ricorso designa il giudice che deve sostituire quello ricusato.
Le parti devono provvedere a riassumere [Riassunzione] il processo principale sospeso, nel termine perentorio di sei mesi dalla comunicazione dell'ordinanza suddetta.