Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
9/1  Compendio di Diritto della Crisi di Impresa e dell'Insolvenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 320 € 22,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Rimessione
() al collegio (d. proc. civ.)
È l'atto con cui la causa viene trasferita dal giudice istruttore al Collegio per la decisione.
Nell'originario sistema del codice essa, dunque, rappresentava sempre l'atto di chiusura della fase istruttoria, dandosi inizio alla fase decisoria di competenza collegiale.
La (—) sussiste solo per le cause rispetto alle quali è stata mantenuta la competenza del Collegio, mentre per le controversie la cui decisione è stata attribuita al giudice istruttore una vera e propria rimessione non c'è, in quanto la causa viene decisa da quest'ultimo, in funzione di giudice unico.
Il giudice istruttore (nelle cause rimaste di competenza del Collegio) provvede alla (—) quando ritenga la causa matura per la decisione, ovvero quando ritenga opportuno chiedere al Collegio la decisione su di una questione preliminare o pregiudiziale, reputando tale decisione idonea a definire il giudizio; anche in tale ultima ipotesi, comunque, il collegio è investito di tutta la causa, nel senso che può sempre decidere nel merito della causa.
Quando il giudice istruttore dispone la (—) deve invitare le parti a precisare davanti a lui le conclusioni che esse intendono sottoporre al Collegio.
Si parla poi di rimessione parziale quando la causa viene rimessa al Collegio affinché questo decida solo in relazione ad una questione incidentale: è il caso della (—) in funzione di una decisione separata sulla querela di falso proposta in via incidentale.
Non sussiste più la c.d. rimessione istruttoria, finalizzata ad ottenere dal Collegio la decisione in ordine all'ammissibilità e rilevanza di un mezzo di prova; su tali questioni decide infatti sempre e soltanto il giudice istruttore.
[Decisione (della causa)].
() del processo (d. proc. pen.)
Spostamento territoriale della competenza a conoscere un processo, che viene attribuita ad un giudice diverso da quello territorialmente competente e precisamente al giudice, egualmente competente per materia, che ha sede nel capoluogo del distretto di Corte d'Appello più vicino.
Con la L. 248/2002 (legge Cirami) è stata dettata una normativa che amplia i casi di (—) ed ha introdotto alcune ipotesi di sospensione obbligatoria del processo.
La (—) è determinata da gravi situazioni locali tali da turbare lo svolgimento del processo e non altrimenti eliminabili i quali pregiudichino la libera determinazione delle persone che partecipano al processo ovvero la sicurezza o l'incolumità pubblica, ovvero che determinino ragioni di legittimo sospetto. Legittimati a chiedere la (—) sono il Procuratore generale presso la Corte di Appello, il pubblico ministero presso il giudice che procede, l'imputato.
Il processo in cui è presentata l'istanza di (—) può essere sospeso con ordinanza del giudice procedente ovvero della Corte di Cassazione competente per la decisione.
Il processo deve comunque essere sospeso dal giudice procedente prima delle conclusioni delle parti e della discussione; non possono essere pronunciati il decreto che dispone il giudizio o le sentenze quando la richiesta di (—) sia stata assegnata alle Sezioni Unite o a sezione diversa da quella prevista dall'art. 610 c.p.p.. La sospensione ha effetto finché non sia intervenuta l'ordinanza che rigetta o dichiara inammissibile la richiesta, ma non impedisce il compimento di atti urgenti. La sospensione del processo produce la sospensione dei termini di prescrizione e, in caso di proposizione da parte dell'imputato, anche dei termini di custodia cautelare.
() in termini (d. proc. civ.)
Ai sensi dell'art. 184bis c.p.c., la parte che dimostri di essere incorsa in decadenza per causa ad essa non imputabile può chiedere al giudice la fissazione di un nuovo termine per il compimento dell'atto o attività dalle quali fosse decaduta.