Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
9/1  Compendio di Diritto della Crisi di Impresa e dell'Insolvenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 320 € 22,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Rinvio
Giudizio di () (d. proc. pen.)
In caso di annullamento della sentenza in Cassazione, si adotta la forma della sentenza di annullamento con (—) quando non si verifichino l'inammissibilità, la rettificazione diretta di errori di diritto o l'annullamento senza (—).
Sono due i profili essenziali: il primo attiene all'individuazione del giudice al quale va rimesso il giudizio di (—). Non esiste un criterio unico, ma si ha riguardo al tipo di vizio che ha determinato l'annullamento e alla fase o al grado in cui il vizio si è prodotto. In particolare, secondo un'articolata casistica (art. 623 c.p.p.) competente per il giudizio di (—) è il G.I.P. o il giudice dibattimentale di primo o secondo grado.
Il secondo profilo attiene al procedimento in sede di (—). In questo non possono rilevarsi altre nullità o cause di inammissibilità preesistenti o coeve al giudizio di cassazione, giacché esso copre il dedotto ed il deducibile. Le questioni di diritto, risolte dalla Corte di Cassazione, costituiscono principi di diritto vincolanti per le parti e per il giudice di rinvio; se questi non si adegua, la sua decisione diventa impugnabile per tale inosservanza (violazione di legge).
Ugualmente vincolante è la decisione sulla questione di competenza risolta dalla Cassazione, a meno che i fatti cui è correlata mutino (artt. 25 e 627 c.p.p.), essendo quella decisione resa rebus sic stantibus.
Il giudice di (—) procede nelle forme a lui consuete e la sua decisione è assoggettabile agli usuali mezzi di gravame dell'appello e/o ricorso per Cassazione, ferma restando la preclusione dell'eventuale giudicato parziale formatosi e del cd. principio di diritto affermato dalla Cassazione (art. 628 c.p.p.).
() a giudizio (d. proc. pen.)
[Richiesta (di rinvio a giudizio)].
() dell'esecuzione della pena (d. proc. pen.)
Si tratta di un istituto attuativo del principio costituzionale sancito dall'art. 27 Cost., secondo cui la pena non può comportare un trattamento contrario al senso di umanità e deve tendere alla rieducazione del condannato.
L'esecuzione di una pena, che non sia pecuniaria, è differita (—) obbligatorio: art. 146 c.p.):
1) se deve aver luogo nei confronti di donna incinta;
2) se deve aver luogo nei confronti di madre di infante di età inferiore ad anni uno;
3) se deve aver luogo nei confronti di persona affetta da AIDS conclamata o da grave deficienza immunitaria, ovvero da altra malattia particolarmente grave per effetto della quale le sue condizioni di salute risultano incompatibili con lo stato di detenzione, quando la persona si trova in una fase della malattia così avanzata da non rispondere più, secondo le certificazioni del servizio sanitario penitenziario o esterno, ai trattamenti disponibili e alle terapie curative.
L'esecuzione di una pena può essere differita ((—) facoltativo: art. 147 c.p.):
1) se è presentata domanda di grazia e l'esecuzione della pena non deve essere obbligatoriamente differita ai sensi dell'art. 146 c.p.;
2) se una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita contro chi si trova in condizioni di grave infermità fisica;
3) se una pena restrittiva della libertà personale deve essere eseguita nei confronti di madre di prole di età inferiore a tre anni.
La competenza per il (—) dell'esecuzione della pena è del tribunale di sorveglianza.
() delle leggi [potere di] (d. cost.)
Potere riconosciuto dalla Carta Costituzionale al Presidente della Repubblica il cui esercizio costituisce un veto sospensivo temporaneo all'approvazione di una legge da parte delle Camere.
Il (—), come richiesta di riesame, può dare luogo ad una seconda deliberazione da parte dell'organo legislativo in ordine alla legge oggetto di rinvio.
Dal testo costituzionale non si evincono i motivi al ricorrere dei quali è consentito al Presidente l'esercizio del suddetto potere; in linea di principio si ritiene che il (—) possa essere esercitato sia per motivi di legittimità che di merito. Quest'ultima ipotesi è di rara applicazione in quanto i motivi di merito (opportunità) rischiano di sconfinare in istanze politiche rispetto alle quali il Presidente deve essere super partes (ex art. 74 Cost.).
Anche con riferimento al (—) per motivi di legittimità sussistono implicitamente dei limiti. Ove, infatti, tale esercizio fosse frequente e indiscriminato, determinerebbe un'alterazione delle competenze costituzionali da far valere davanti alla Corte Costituzionale.
Le Camere, ricevuto il (—) possono adottare tre comportamenti alternativi:
— non riapprovare la legge lasciandola cadere;
— riapprovare la legge senza apportarvi alcuna modifica;
— apportare gli emendamenti suggeriti o altri doverosi.
Una volta riapprovata, la legge già oggetto di (—) deve essere obbligatoriamente promulgata entro 30 giorni dall'approvazione della seconda Camera.