Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
9/1  Compendio di Diritto della Crisi di Impresa e dell'Insolvenza<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 320 € 22,00</span>
R.S.A.
R.S.U.
Raccolta del risparmio
Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica Italiana
Raccomandazioni
Radiazione dall’albo
Radiotelevisione
Raggruppamento temporaneo d’imprese
Ragguaglio delle pene
Ragione sociale
Ragionevole durata del processo
Ragionevolezza delle leggi
Raid
Rapimento
Rapina
Rapporto
Rappresaglia
Rappresentante
Rappresentanza
Rappresentazione
Ratifica
Ratio legis
Ravvedimento
Reati
Reati-contratto e reati in contratto
Reato
Recesso
Recidiva
Reciprocità
Reclamo
Reclusione
Reclutamento
Reddito
Redditometro
Redibitoria
Reductio ad aequitatem
Referendum
Referto
Reformatio in peius
Regime patrimoniale della famiglia
Regione
Registro
Regolamenti
Regolamento
Regresso
Reintegrazione
Relata di notifica
Relatività del contratto
Religione
Remissione
Rendiconto
Rendita
Reo
Reperto
Repubblica
Requisitoria
Requisizione
Res
Rescissione
Residenza
Resistenza
Responsabile
Responsabilità
Restitutio in integrum
Restituzione
Reticenza
Retratto successorio
Retribuzione
Retroattività
Retrocessione
Rettifica
Reversibilità
Revisione
Revisori contabili
Revoca
Revocatoria
Revocazione
Riabilitazione
Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio
Riassunzione
Ricavi
Ricettazione
Ricevuta fiscale
Richiesta
Riciclaggio
Ricognizione
Riconoscimento
Riconvenzionale
Ricorrente
Ricorso
Ricusazione
Riduzione
Riesame
Riformatorio giudiziario
Riforme istituzionali
Rifugiato
Rimessione
Rimozione
Rimpasto governativo
Rinnovazione
Rinuncia
Rinvio
Ripartizione dell’attivo
Riparto di giurisdizione
Riporto
Risarcimento del danno
Rischio
Riserva
Riservatezza
Risoluzione del contratto
Risparmio
Rissa
Ritardo
Ritenzione
Rito
Ritorsione
Ritrattazione
Riunione
Rivendicazione
Rogatoria
Rogito
Rovina di edifici
Royalty
Ruolo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Rogatoria
() e processo civile (d. proc. civ.; d. internaz.)
È la richiesta fatta da un giudice ad altro giudice di compiere un atto processuale (generalmente, l'assunzione di un mezzo di prova) che esula dal suo ambito di competenza territoriale o dalla sua sfera di giurisdizione. Per i mezzi di prova che, nell'ambito del territorio dello Stato, devono essere assunti fuori della circoscrizione del Tribunale, il giudice delegava a procedervi il pretore del luogo salvo che il presidente del Tribunale, su richiesta concorde delle parti, lo autorizzava a recarvisi. La competenza è del giudice istruttore del Tribunale del luogo ove la prova viene assunta.
La (—) al giudice straniero è trasmessa per via diplomatica.
L'assunzione si compie ad opera del giudice straniero e in conformità con la sua legge processuale, ma l'atto, rimesso al giudice della causa, avrà la stessa efficacia che se fosse stato fatto in Italia, purché non abbiano fatto difetto le forme e le garanzie che si ravvisano indispensabili per poterlo utilizzare nel nostro processo.
Quando la persona che deve essere interrogata o deve rendere una dichiarazione è un cittadino italiano residente all'estero, il giudice istruttore può invece rivolgere la (—) al console italiano competente, il quale provvede a norma della legge consolare e con l'osservanza degli artt. 202 ss. c.p.c.
In ogni caso il giudice istruttore, nel disporre la (—), provvede per l'assunzione della prova e per la prosecuzione del processo a norma dell'art. 203 c.p.c.
() e processo penale
La (—) va inserita nell'ambito dei rapporti di collaborazione giudiziaria tra Stati, sotto forma di assistenza giudiziaria tra le diverse autorità giudiziarie (giudici per le indagini preliminari o dibattimentali, P.M.). La (—) è regolata dalle norme della convenzione europea di assistenza giudiziaria firmata a Strasburgo il 20-4-59, dalle altre norme di diritto internazionale, anche convenzionali (art. 696), ed in via suppletiva dal codice di procedura penale (artt. 723-729). La (—) differisce dalle estradizioni perché queste hanno ad oggetto la consegna di imputati o condannati, da ridurre in vinculis, mentre la (—) riguarda il mero compimento di attività: comunicazioni, notificazioni di atti, attività di istruzione probatoria.
Si individuano due tipi di (—):
— dall'estero in Italia: è contemplato un doppio sindacato: politico, rimesso al Ministro della giustizia che ha un potere di veto della (—) per ragioni politiche o di indole giuridica; giudiziario, di competenza della Corte d'Appello;
— all'estero: in tal caso, la richiesta proviene da giudici italiani, per cui è necessario il solo vaglio politico del Ministro della giustizia, abilitato a decretare di non dare corso alla (—) per motivi attinenti alla sicurezza o ad altri interessi nazionali. Se la richiesta è ritenuta inoltrabile dal Ministro, la (—) è trasmessa all'autorità estera, valendosi dei canali diplomatici.
Nel caso in cui la (—) riguardi diversi atti di competenza di più distretti della Corte d'Appello, la domanda viene inoltrata direttamente dall'autorità straniera, o successivamente dal Ministro della giustizia, alla Corte di Cassazione che provvede a determinare il distretto competente in base alla tipologia ed alla natura degli atti da compiere. Sul tema del regime di utilizzabilità degli atti assunti per (—) è recentemente intervenuta la L. 5-10-2001, n. 367 stabilendo l'inutilizzabilità:
— di documenti o mezzi di prova acquisiti o trasmessi (in seguito a (—) all'estero) in violazione delle norme internazionali;
— degli atti compiuti dall'autorità straniera, se la (—) viene eseguita dallo Stato estero con modalità differenti da quelle indicate dall'autorità giudiziaria italiana;
— delle dichiarazioni, comunque e da chiunque rese, riguardanti gli atti come da sopra inutilizzabili.