Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di ContabilitÓ e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 Ç 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 Ç 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 Ç 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 Ç 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 Ç 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 Ç 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 Ç 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 Ç 8,00</span>
Cad¨ca
Caducorum vindicatio
Caio Gracco Sempronio
Calceus e Caliga
CÓlculus MinŔrvŠ
Calendario romano
Caligola
Callistrato
Cal¨mnia
Camillo (Marco Furio)
Campo romano
Cßnnabae
Canne
CapacitÓ
CapacitÓ di agire
CapacitÓ di esser vocati per testamento
CapacitÓ di fare testamento
CapacitÓ giuridica
CapacitÓ mera
CapacitÓ naturale
CÓpio m˛rtis causa
CapitÓtio plebŔia
CapitÓtio terrena, humana et animalium
CÓpitis demin¨tio
Capitone (Caio Ateio)
Cappadocia
Captývitas
Captývus
CÓput
Caput si i¨s non Ŕsset
Caput si quid sacri sancti
Caput tralatýcium de impunitÓte
Caracalla
Carcer
Cardi (vel cardini)
Carino
CÓritas
Caro
Cartagine
Cascellio A.
Cassia
Cassiani
Cassio Longino
Castra
Castra PrŠtoria
Castratus
Castrazione (di uomini liberi o schiavi)
CastrŔnse pec¨lium
Casum sŔntit dŔbitor
Casus fortuýtus
Catilina (Lucio Sergio)
Catone (Marco Porcio)
CatoniÓna regula
Causa
Causa CuriÓna
Causa donati˛nis
Causa d˛tis
Causa illecita
Causa liberÓlis
Causa mancýpii
Causa petŔndi
Causa stipulati˛nis
Causam dans
Causam hÓbens
CausŠ cognýtio
CausŠ obligati˛num
CÓutio (vel stipulÓtio prŠtoria)
CÓutio dÓmni infŔcti
Cautio de dote restituŔnda
Cautio ex ˛peris novi nunciati˛ne
Cautio fructuÓria
Cautio iudicÓtum s˛lvi
Cautio iudýcio sýsti
CÓutio MuciÓna
Cautio pro expŔnsis
Cautio quasi ususfructuÓria
Cautio ratam rem d˛minum habit¨rum
Cautio rem pupilli sÓlvam f˛re
Cautio ususfructuÓria (o fructuaria)
CÓveat Ŕmptor
CavŔre
Cecilio Africano
Celesiria
Celio
Celio Calvino Balbino
Celio Sabino
Celso P. Giuvenzio (figlio)
Celso P. Giuvenzio (padre)
Censo equestre
Censo senatorio
Cens˛res
Censura
Centesima rŔrum venÓlium
Cent¨mviri
Centuria
Centuri˛nes
Certa verba
CŔrtus an et quando
Certus an, incŔrtus quando
Cervidio Scevola
Cesare (Caio Giulio)
Cesarea (scuola di)
CŔssio bon˛rum
Cessio crŔditi
Cessio dŔbiti
CŔssio in i¨re
CŔssio in potenti˛rem
Cessio pro sol¨to
Cessio pro solvŔndo
Chir˛graphum, chirographa
Cicerone (Marco Tullio)
Cilicia
Cincinnato (Lucio Quinzio)
Circumscrýptio adulescŔntium
Cirenaica
Civis-civŔs
Cývitas
Civitas Quirýtium, Civitas Roman˛rum, CivitÓtes
Civitas sine suffragio
Civitatis donatio
Clarissimatus
Clarissimus
Classici
Classicismo giustinianeo
Claudia (gens)
Claudio
Claudio II
Clausula doli
Clausula nova
Clausula stipulati˛nis
Cleopatra
CliŔntes (clýens)
Clodio
CoÓctus
C˛dex accŔpti et expŔnsi
Codex EuriciÓnus
Codex Gai VeronŔnsis
C˛dex GregoriÓnus
Codex HermogeniÓnus
Codex IustiniÓnus
C˛dex repetýtŠ prŠlecti˛nis
Codex TheodosiÓnus
Codicýlli - Codicillus
CoŰmptio
CoŰmptio fiduciÓria
CoŰmptio tutŔlŠ evitÓndŠ causa
CoŰrcýtio
CogitÓtio mortalitÓtis
Cogitati˛nis pťnam nemo patitur
CognÓtio
Cognitio de plano
Cognýtio extra ˛rdinem
C˛gnitor
Cognomen
Coire societatem
Collatino Lucio Tarquinio
CollÓtio
Collatio descendŔntium
Collatio dotis
Collatio emancipÓti
Collatio LŔgum MosaicÓrum et RomanÓrum
CollÓtio lustrÓlis (o Chrysargyron)
CollŔgia
Collegia sacerdotalia
Collezione greca delle Novelle
Col˛nia
Colonia partiÓria
C˛mes et castrŔnsis sacri palatii
Comes patrim˛nii
Comes rŔrum privatÓrum
C˛mes sacrÓrum largiti˛num
Comes sacrŠ vestis
C˛mites Augusti
Comites commerci˛rum
Comites consistoriÓni
Comites largiti˛num
Comýtia
Comitia calÓta
Comitia centuriÓta
Comýtia curiÓta
Comýtia trib¨ta
CommendÓtio
CommentÓrii ad edýctum prŠt˛rium
Commentarii i¨ris civilis
Commentarii pontýficum
Commercium
Commýxtio (numm˛rum)
Commýxtio sÓnguinis
CommodÓtum
Commodo
CommunicÓtio rŔrum
Comm¨nio
Communio ýncidens
CompensÓtio
CompensÓtio l¨cri cum damno
Compitalia
Compromýssum
ConcŔpta verba
ConcŔptio verb˛rum
ConcŔptus
Concýlia plŔbis
ConcubinÓtus
Conc¨rsus causÓrum
Conc¨ssio
CondemnÓtio
CondemnÓtio certa
Condemnatio in id quod fÓcere p˛test
Condemnatio in ýpsam rem
Condemnatio incerta
Condemnatio pecuniÓria
Condýcio
Condýcio captat˛ria
Condicio fÓcti
Condicio in civitate
Condicio i¨ris
Condicio sine qua non
Condýctio
Condictio causa data causa non sec¨ta
Condictio certi
Condýctio cŔrtŠ crŔditŠ pec¨niŠ
Condictio certŠ rŔi
Condictio ex causa furtýva
Condictio ex lege
Condictio ex mutuo
Condýctio ex pťnitŔntia
Condictio generÓlis
Condictio incerti
Condýctio indŔbiti
Condýctio ob causam datorum
Condictio ob ini¨stam causam
Condictio ob t¨rpem causam
Condýctio pťnitentiÓlis
Condictio sine causa
Condictio triticÓria
ConfarreÓtio
ConfŔssio in i¨re
Conf¨sio
Coni¨gium
ConsecrÓtio
ConsŔnsus
ConsŔnsus curat˛ris
Consensus fÓcit n¨ptias
Consensus in ýdem plÓcitum
ConsiliÓrii prýncipis
Consýlium frÓudis
Consilium prýncipis
Consist˛rium
ConsolidÓtio
Cons˛rtium ad exemplum frÓtrum su˛rum
Consortium Ŕrcto non cýto
Consortium fratrum suorum
Constit¨tio
Constit¨tio AntoniniÓna de civitÓte
Constitutio divi Marci et Veri
Constitutio Ner˛nis de Latinis
Constitutio Traiani
Constituti˛nes prýncipum
Constitutiones sirmondianŠ
Constit¨tum dŔbiti
Constit¨tum dŔbiti aliŔni
Constitutum debiti proprii
Constitutum possess˛rium
Consuet¨do
Consuetudo revertŔndi
C˛nsules
Consultatio ante sententiam
Consultatio vŔteris cui¨sdam iuriscons¨lti
ContemplÓtio d˛mini
Conti˛nes
Contra b˛nos m˛res
Contra lŔgem
ContrÓctus
ContrÓctus c.d. mohatrŠ
Contradýctio
ContrÓrius consŔnsus
Contratti innominati
Contratto a favore di terzi
Contratto preliminare
ContrectÓtio
ContubŔrnium
ContumÓcia
Contumelia
Con¨bium
Convalida del negozio giuridico
ConvŔntio
ConvŔntio in mÓnum
Conventi˛nes sine n˛mine
Conversione del negozio giuridico
Convýcium
Convývii adhibýtio
CooptÓtio
C˛rpore possidŔre
C˛rpus i¨ris civýlis
Corrector ItaliŠ
Correct˛res civitatium
Corr¨ptio servi
Corruptissima Republica, plurimŠ leges
Cosa
Costante
Costantino I
Costantino II
Costantinopoli
Costanzo
Costanzo I Cloro
Crasso, Marco Licinio
CreÓtio (dei magistrati)
CrŔditor
CremÓtio
CrŔtio
Crýmen (crimina)
Crýmen adultŔrii
Crimen Ómbitus
Crimen ann˛nŠ
Crimen cal¨mniŠ
Crýmen concussi˛nis
Crimen effracti˛nis
Crimen expilÓtŠ hereditÓtis
Crýmen falsi
Crimen homicýdii
Crýmen ini¨riŠ
Crýmen maiestÓtis (vel min¨tŠ maiestatis)
Crimen peculÓtus
Crimen plagii (o plÓgium)
Crýmen receptat˛rum
Crimen repetundÓrum (pec¨niŠ repet¨ndŠ)
Crimen sacrilŔgii
Crýmen sodalici˛rum
Crimen stellionÓtus
Crimen tŔrmini m˛ti
Crimen violÓtŠ religi˛nis
Crimen vis
Cristianesimo
Crocifissione
Cr¨sta lÓpsa
CubiculÓrii
C¨i pr˛dest?
C¨ius c˛mmoda, Ŕius et inc˛mmoda
C¨lpa
Culpa in abstrÓcto
Culpa in concreto
Culpa in contrahŔndo
C¨lpa in educÓndo
Culpa in eligŔndo
Culpa in vigilÓndo
Culpa lÓta
Culpa lÓta dolo ŠquiparÓtur
Culpa lŔvis
C¨lpa levýssima
Cum taxati˛ne
C¨ra
Cura (curÓtor) debýlium personÓrum
C¨ra ann˛nŠ
C¨ra furi˛si
Cura imp¨berum
Cura lud˛rum
Cura min˛rum XXV ann˛rum
Cura mulýerum
Cura pr˛digi
Cura ¨rbis
CurÓtor
Curator ad certam causam
CurÓtor adi¨nctus
Curator bon˛rum
CurÓtor civitÓtis
Curator loc˛rum public˛rum iudicand˛rum
Curator vŔntris
Curia
CuriÓles
C¨rio mÓximus
C¨rsus hon˛rum
C¨rŠ tutelari
Custodia



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
LegÓtum [Legato; cfr. artt. 649 ss. c.c.]

Disposizione a titolo particolare mortis causa (con terminologia non classica, si parla, in proposito, di succŔssio mortis causa in sýngulas res), con la quale il testatore attribuisce, a carico del patrimonio ereditario (e quindi a carico dellĺerede, c.d. onerato), ed a vantaggio di altra persona (legatario od onorato), singoli beni. Si inquadra tra le disposizioni accessorie del testamentum.
In materia di legati il diritto romano conobbe i seguenti principi:
Ś onerato poteva essere solo lĺerede a favore del quale il testatore avesse disposto lĺacquisto di un incremento patrimoniale maggiore di quello spettantegli per legge;
Ś lĺammontare del legato non poteva superare lĺammontare dellĺacquisto fatto dallĺerede;
Ś oggetto del legato potevano essere un diritto reale, un diritto di credito, la remissione di un debito [vedi legatum liberati˛nis], una quota di ereditÓ [vedi legatum partiti˛nis], una rendita alimentare ed altro;
Ś onorati potevano essere solo coloro che avevano la capacitÓ testamentaria passiva [vedi testamenti fÓctio passiva] nei confronti del disponente, nonchÚ lo schiavo, purchÚ se ne disponesse la manomissione nello stesso testamento;
Ś il legato andava fatto in forma imperativa.
Quattro erano i fondamentali tipi di legato:
Ś per damnati˛nem [vedi];
Ś per prŠcepti˛nem [vedi];
Ś per vindicati˛nem [vedi];
Ś sinŔndi modo [vedi].
I primi due determinavano lĺacquisto di un diritto assoluto da parte del legatario sulla res legata; gli altri, invece, determinavano il sorgere di un diritto di credito del legatario nei confronti dellĺerede.
Le differenze esistenti tra i vari tipi di legato progressivamente si attenuarono giÓ a partire dallĺetÓ classica, per opera della legislazione e della giurisprudenza.
Un senatoconsulto ispirato da Nerone (s.c. NeroniÓnum) stabilý che se oggetto del legato per vindicationem erano cose non appartenenti al testatore, il legato non era nullo (cosý come si riteneva in precedenza), ma doveva esser considerato come (Ś) per damnationem, con la possibilitÓ di esercitare lĺÓctio ex testamento (lĺesercizio di questa actio si fondava su di una fýctio, cioŔ sulla finzione che le cose fossero state legate per damnationem).
In etÓ postclassica lĺabolizione, ad opera di Costanzo, della necessitÓ dellĺuso di verba sollŔmnia sanzion˛ la scomparsa della pluralitÓ dei tipi di legato.
Il processo di avvicinamento tra i gŔnera legat˛rum raggiunse il culmine nel diritto giustinianeo, allorchÚ, si stabilý che i legati avevano tutti unam naturam, cioŔ una sola natura, e i vari tipi di legato si fusero insieme.
In caso di pluralitÓ di legatari, si distinguevano due ipotesi:
Ś vi era coni¨nctio re et verbis, se il legato spettava a pi¨ chiamati ed in caso di morte o rifiuto di uno di essi, la sua parte restava nel patrimonio ereditario;
Ś vi era coniunctio re, se lĺerede aveva a suo carico tante obbligazioni con oggetto uguale, quanti erano i legatari.
In ordine allĺacquisto del (Ś), regola generale era che in nessun caso esso poteva essere acquistato se lĺerede non avesse acquistato lĺereditÓ. A questo scopo il diritto romano distingueva il momento in cui si acquistava il diritto al legato (dýes cŔdens) da quello in cui si acquistava il legato (dies vŔniens). In particolare:
Ś quanto al dies cedens, il diritto sulla res legata si perfezionava con lĺaccettazione (adýtio) dellĺereditÓ da parte dellĺerede (se era hŔres voluntarius): fino a che non vi fosse stata tale accettazione, il diritto al legato permaneva nel patrimonio del legatario (pi¨ che un diritto, si trattava di una aspettativa di diritto) e si trasmetteva ai suoi eredi (se il legatario moriva prima che lĺheres voluntarius avesse accettato lĺereditÓ).
Lĺelaborazione giurisprudenziale preclassica identific˛ il c.d. dies cedens (cioŔ il momento dal quale il legato era riservato al legatario) sempre col momento della morte del testatore.
Tale regola si applicava, oltre che ai legati puri, anche ai legati sottoposti a termine iniziale certus quando; la legislazione augustea identific˛, invece, il dies cedens con il momento di apertura del testamento.
Se il legato era sottoposto a condizione o a termine finale, il dies cedens si verificava solo quando la condizione o il termine si fossero realizzati;
Ś il dies veniens era, invece, identificato nel momento in cui il diritto del legatario diventava esigibile (essendosi verificata lĺaditio da parte dellĺheres voluntarius).
Se il legato era a termine, il dies veniens si verificava allo scadere del termine.
Una volta divenuto esigibile il diritto, le modalitÓ con cui avveniva lĺacquisto effettivo della cosa o del bene oggetto del legato variavano a secondo del tipo di legato:
Ś nel (Ś) per vindicationem, per acquistare la proprietÓ della cosa, secondo i Proculiani [vedi scuola sabiniana] occorreva lĺapprensione della res da parte del legatario; per i Sabiniani [vedi scuola sabiniana], la cui opinione prevalse, non era necessaria lĺapprensione dal momento che lĺacquisto si verificava ýpso i¨re col dies veniens;
Ś nel (Ś) per damnationem occorreva lĺadempimento dellĺobbligo da parte dellĺerede;
Ś nel (Ś) per prŠceptionem, era necessario che di essa si tenesse conto nella adiudicÓtio disposta dal giudice dellĺÓctio familiŠ ercisc¨ndŠ [vedi].
Ľ NullitÓ del legato

Il legato era nullo:
Ś se il legatario non era dotato di testamenti factio passiva [vedi];
Ś se la cosa legata era giÓ di proprietÓ del legatario. In proposito, Ŕ opportuno precisare che, se il legato era nullo perchÚ disposto a favore di una persona sfornita di testamenti factio passiva o perchÚ aveva ad oggetto una cosa in proprietÓ del legatario, la nullitÓ non poteva essere sanata, neanche se prima della morte del testatore la causa di invaliditÓ scompariva. Tale principio era conosciuto col nome di regula Catoniana;
Ś se il testamento era nullo o se era nulla la disposizione riguardante il legato. LĺinvaliditÓ poteva essere anche sopravvenuta rispetto al momento della morte del de c¨ius [vedi], purchÚ antecedente al dies cedens,
Ś se lĺerede rinunciava allĺereditÓ.
Ľ Revoca del legato
Come qualsiasi altra disposizione di ultima volontÓ, anche il legato era sempre revocabile dal testatore. La revoca poteva essere fatta:
Ś o puramente e semplicemente (adŔmptio);
Ś o designando un nuovo legatario al posto del primo (translÓtio);
Ś o alienando la cosa oggetto del legatum per damnationem.
Il diritto romano conobbe anche una forma di revoca legale del legato, che si verificava se tra testatore e legatario, posteriormente alla confezione del testamento, intervenivano gravissime o capitales inimicitiŠ, o se il legatario in un successivo testamento era qualificato come ingrÓtus.
Ľ Riduzione del legato
Nellĺepoca pi¨ antica, come Ŕ confermato dalla stessa legge delle XII Tavole [vedi lex XII TabulÓrum], era possibile che il testatore esaurisse tutto il suo patrimonio in legati, per cui allĺerede non restava altro che il nudum n˛men.
Per ovviare a tali inconvenienti furono introdotte, a partire dallĺepoca repubblicana, varie limitazioni alla facoltÓ del testatore di disporre legati; cosý:
Ś un rimedio limitato fu disposto dalla lex F¨ria testamentaria [vedi], databile intorno al 200 a.C., che viet˛ i legati superiori ai mille assi, ad eccezione per˛ di quelli disposti a favore del coniuge o dei parenti entro il sesto grado;
Ś la lex Voc˛nia [vedi], del 169 a.C., dispose che al legatario non poteva essere attribuita una parte maggiore di quella spettante al meno favorito tra gli eredi;
Ś il rimedio pi¨ incisivo fu offerto dalla lex Falcýdia [vedi], del 40 a.C., che abrog˛ le limitazioni dettate dalle leggi precedenti e stabilý che agli eredi testamentari dovesse in ogni caso essere riservato un quarto dellĺattivo netto (quarta Falcidia): se lĺammontare dei legati eccedeva i 3/4 del patrimonio netto, essi dovevano essere ridotti proporzionalmente.
La quarta Falcidia si determinava con riferimento al patrimonio esistente al momento della morte del de cuius e non ricomprendeva gli eventuali prelegati, disposti a favore di uno o pi¨ eredi.
Per il diritto classico il testatore non poteva in alcun caso derogare alla legge Falcidia, esonerando i legatari dalla integrazione della quarta.
Nel diritto giustinianeo, in ossequio alla vol¨ntas testÓntis, si ritenne che la disciplina della lex Falcidia non fosse cogente, bensý dispositiva, e che il testatore potesse vietare allĺerede di ritenere la quarta.