Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 6/4 Schemi & Schede di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIII, pag. 320 € 18,00</span> 61 Prima e Seconda Prova Scritta per Commercialista ed Esperto Contabile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 752 € 59,00</span> 6/3 Compendio di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXIII, pag. 528 € 24,00</span> 6 Manuale di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XXVIII, pag. 672 € 35,00</span>
Maastricht
Macchiatico
Mafia
Magazzini generali
Maggioranza
Maggiore età
Maggioritario
Magistrato delle acque
Magistratura
Mala fede
Mala fides superveniens non nocet
Malitia supplet aetatem
Maltrattamenti
Mancia
Mandato
Manifestazione del pensiero
Manipolazione genetica
Manomorta
Mansioni
Mantenimento
Manutenzione
Marchio
Mare territoriale
Marketing
Massa ereditaria
Massima giurisprudenziale
Massimario
Massoneria
Mater semper certa est, pater numquam
Maternità
Matrimonio
Maxi-processo
Mediazione
Medico
Membri del Parlamento
Memorie
Mercato del lavoro
Merchandising
Mercuriale
Merito della causa
Messa in mobilità
Metodo democratico
Mezzadria
Mezzi di prova
Mezzi di ricerca delle prove
Millantato credito
Minaccia
Minicooperative
Minimi tabellari
Minimo salariale
Ministero
Ministro
Minoranze etniche e linguistiche
Minore età
Minori
Misuratori fiscali
Misure
Mobbing
Mobilità
Modelli
Modello
Modi di acquisto della proprietà
Modus (o onere)
Molestia
Molestie sessuali sul luogo di lavoro
Monarchia
Monitorio
Monopolio
Monte Titoli
Mora
More uxorio
Morte
Mortis causa
Motivo
Movimenti di liberazione nazionale
Mozione
Multa
Multa penitenziale
Multinazionale
Multiproprietà
Municipi
Mutatio libelli
Mutua assicuratrice
Mutuo


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Socio (d. comm.)
È un membro della società; può entrare a farne parte al momento della stipula del contratto sociale o in un momento successivo.
Il (—) ha un complesso di diritti ed obblighi derivanti dal contratto sociale che variano a seconda della società di cui fa parte.
Alcune situazioni giuridiche attive e passive sono, però, in titolarità al (—) di qualsiasi società, quali, ad esempio, il diritto agli utili sociali, il diritto ad una quota di liquidazione al momento dello scioglimento della società, l'obbligo di eseguire i conferimenti cui ci si è impegnati al momento dell'ingresso in società, l'obbligo di sopportare le perdite sociali.
() accomandante
Nelle società in accomandita semplice o per azioni è il (—) che, conferendo soltanto dei beni e non partecipando alla gestione sociale, assume responsabilità verso terzi limitatamente alla quota di capitale sottoscritta.
() accomandatario
Nelle società in accomandita semplice o per azioni è il (—) che, partecipando alla gestione e alla direzione della società, assume per le obbligazioni sociali una responsabilità illimitata e risponde anche con il proprio patrimonio personale, sia pure in via sussidiaria.
() fondatore
È colui che ha partecipato alla costituzione della società.
() promotore
È colui che ha predisposto il programma sulla base del quale è costituita la società a mezzo di pubblica sottoscrizione.
() occulto
È il (—) che non appare tale ai terzi [Società (occulta)].
() d'opera
È il (—) che nelle società di persone ha conferito la sua opera.
() unico
È possibile che una società originariamente pluripersonale si trasformi in unipersonale, a seguito del venir meno della pluralità dei soci, con riunione delle quote sociali in un'unica mano.
Ciò è vero per la società a responsabilità limitata e per le società per azioni. Negli altri casi, invece, la pluralità dei soci è condizione essenziale per l'esistenza stessa della società.
Pertanto, se durante la vita della società viene meno la pluralità dei soci, si distingue:
— nel caso di società di persone, la società si scioglie se entro sei mesi non è ricostituita la pluralità dei soci. La società in accomandita semplice si scioglie anche se vengono meno solo i soci accomandanti o accomandatari, sempre che entro sei mesi non siano ricostituite le due categorie di soci;
— nel caso di società di capitali è possibile la continuazione senza limiti di tempo della società. Unica conseguenza è che il (—) assume, over ricorrano i presupposti indicati dalla legge, la responsabilità illimitata per le obbligazioni sociali contratte nel periodo in cui la società è unipersonale. La società in accomandita per azioni si scioglie per il venir meno solo dei soci accomandatari. La costituzione di una società unipersonale è possibile solo con riguardo alle società a responsabilità limitata ed alle società per azioni [Società (unipersonali)].
() volontario
Nell'ambito delle cooperative sociali [Società (cooperativa)], è quel socio che presta la sua attività gratuitamente, senza percepire alcun compenso in danaro e senza godere, neanche indirettamente, dei servizi erogati dalla cooperativa. Questi vantaggi, infatti, mal si concilierebbero con la tipica gratuità del servizio volontario. Il (—) resta, invece, titolare di tutti i diritti amministrativi.
Alla società, peraltro, è consentito di avvalersi delle sue prestazioni in misura soltanto complementare rispetto ai parametri di impiego di opera professionale stabiliti dalle disposizioni vigenti. In nessun caso, perciò, le prestazioni volontarie possono sostituirsi in toto a quelle degli operatori professionali e ciò all'evidente fine di prevenire una possibile utilizzazione di lavoratori senza retribuzione, che, oltre ad operare come fattore distorsivo della concorrenza, permetterebbe alle cooperative di lucrare indebitamente.