Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 VI, pag. 256 € 18,00</span> 17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 IV, pag. 288 € 17,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span>
Ebro
Edìcta ad populum
Edicta ad præfectos prætorio
Edicta Diocletiàni de Christiànis
Edicta Iustiniàni
Edicta prìncipum
Edictum
Edictum Carboniànum
Edictum Claudii de falsàriis
Edictum Claudii de Latìnis
Edictum de altèrutro
Edictum de coniungèndis cum emancipàto lìberis èius
Edìctum de incèndio ruina naufragio rate nave expugnata
Edictum de publicanis
Edictum de turba
Edictum Diocletiàni de prètiis rèrum venàlium
Edictum Luculli
Edìctum peregrìnum
Edictum perpètuum
Edictum prìncipis
Edictum provinciàle
Edictum prætòrium
Edictum repentìnum
Edictum Theodorìci
Edìctum ædìlium curùlium
Edìtio actiònis
Editto di Tiberio Coruncanio
Efficacia del negozio
Effùsum vel deièctum
Egitto
Ei incùmbit probatio qui dicit: non qui negat
Elagàbalo
Elèctio amici
Elementi accidentali della formula
Elio Peto
Emancipàtio
Emancipatio Anastasiàna
Emancipatio per rescrìptum prìncipis
Emancipàtio per tàbulas
Emendàtio libèlli
Emilia (via)
Emiliano
Emphyteusis
Èmptio non tòllit locàtum
Emptio rèi speratæ
Emptio spèi
Emptio-vendìtio
Emptor
Èmptor bonòrum
Èmptor famìliæ
Enchirìdion
Endoploràtio
Ephèmeris
Epibolé
Epiro
Episcopàlis audièntia
Epistolario
Epìstulæ
Epìtome Gai
Epìtome Iuliàni
Epìtome iùris
Equi
Èquites
Eraclea (Battaglia di)
Ereptio del relictum
Èrga òmnes
Ermogeniano
Erràntis nulla volùntas est
Èrror
Èrror commùnis ius fàcit
Èrror in còrpore
Èrror in demonstratiòne
Èrror in negòtio
Èrror in nòmine
Èrror in persona
Èrror in qualitàte
Èrror in substàntia
Errore ostativo
Errore sui motivi
Erròres in iudicàndo; erròres in procedèndo
Erroris probàtio
Erus
Esecuzione
Esistenza
Esogamia
Espropriazione per pubblica utilità
Esquilino
Essentiàlia negòtii
Etruria
Etruschi
Eudossio
Eugenio
Eurico
Evasione
Evèntus dàmni
Evìctio
Evocàtio
Ex abrùpto
Ex facto òritur ius
Ex iùre Quirìtium
Ex lège
Ex mòre
Ex nòvo
Ex nunc
Ex recèpto
Ex tunc
Excèptio
Exceptio dòli
Exceptio in rem scrìpta
Excèptio inadimplèti contràctus
Exceptio iurisiuràndi
Exceptio iusti domìnii
Exceptio lègis Lætòriæ
Exceptio lìtis divìduæ
Exceptio mètus
Exceptio non numeràtæ pecùniæ
Exceptio non rìte adimplèti contràctus
Excèptio pàcti
Exceptio plùrium concumbèntium
Exceptio præiudiciàlis
Excèptio rèi iudicàtæ (vel in iudicium dedùctæ)
Exceptio rèi vènditæ et tràditæ
Excèptio senatusconsùlti Macedoniàni
Exceptiònes dilatòriæ
Exceptiones peremptòriæ
Exceptiones perpètuæ
Excusàtio tutòris
Exèrcitor nàvis
Exercitus centuriàtus
Exheredàtio
Exìlium
Expensilàtio
Expilàta herèditas
Expilàtio
Exposìtio
Expromìssio
Exsecùtor
Ezio (Flavio)



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Lex [Legge]

Secondo un’immortale definizione gaiana (Inst. I, 3) “lex est quod populus iùbet atque constìtuit”, cioè “legge è quel che il popolo ordina e stabilisce”.
La legge era una fonte speciale del diritto romano e consisteva in una deliberazione avente contenuto normativo, adottata dal popolo, riunito nei comìtia [vedi], su proposta di un magistrato, e con la conferma del Senato.
Ad essa fu successivamente assimilata ogni deliberazione normativa della plebe [vedi plebiscìtum] su proposta di un tribuno della plebe [vedi tribuni plèbis].
Dal punto di vista formale si distinse tra:
lex rogàta, cioè la legge proposta da un magistrato nei comizi e approvata dal voto di questi;
lex data, la legge emanata in modo unilaterale dal magistrato, senza il concorso cioè del voto di coloro ai quali si riferiva; tra le leges datæ rientravano gli ordinamenti imposti dai magistrati alle colonie, ai municipi, alle province.
Alcuni autori ricordano anche le leges dictæ, regolamenti di carattere amministrativo emanati dall’autorità per disciplinare la riscossione delle imposte o l’esecuzione di grandi imprese.
Il disegno di legge (rogàtio) veniva preventivamente approvato in Senato e successivamente esposto in luogo pubblico per almeno tre settimane (trinùndinum), durante le quali il popolo poteva essere riunito dal magistrato per eventuali discussioni. L’atto della pubblicazione recava il nome di promulgàtio [vedi] e con esso aveva inizio il procedimento legislativo. La promulgatio fissava anche la data di convocazione dei comizi e della votazione.
Alla mezzanotte del giorno fissato (non si potevano scegliere né i giorni giudiziari, né i giorni festivi) il magistrato, tratti gli auspici, convocava il popolo per le votazioni. Il voto poteva essere espresso o con consenso (uti rògas - come tu proponi), o con dissenso (antiqua pròbo - approvo la vecchia disciplina) o con un’astensione (non lìquet - non ci si pronuncia). Terminata la votazione, si procedeva al computo dei voti (diribìtio) e alla comunicazione al popolo dell’esito del voto (renuntiàtio).
La proclamazione del risultato produceva l’effetto della immediata entrata in vigore della legge.
La legge constava di tre parti: la præscrìptio che conteneva le indicazioni formali (nome del magistrato proponente, il giorno e il luogo della votazione, la prima unità comiziale e il primo cittadino votante); la rogàtio, cioè il dispositivo della legge; la sànctio che garantiva l’efficacia della legge sancendo le conseguenze delle violazioni della stessa.
La legge romana aveva efficacia personale, e non già territoriale, in quanto si applicava a tutti i cives ovunque si trovassero ma non si applicava ai non cittadini, anche se residenti in territorio romano.
Le leges si distinguevano, inoltre, secondo una terminologia tardo classica, in:
perfectæ, se sancivano la nullità dell’atto contrario alle loro disposizioni (ad es., era perfecta la lex Vocònia [vedi], che dichiarava nulli i legati fatti per un ammontare maggiore della quota spettante all’erede);
minus quam perfectæ, se non disponevano la nullità dell’atto, ma una pena a carico del trasgressore (ad es., era minus quam perfecta la lex Furia testamentaria [vedi], che imponeva la pena del quadruplo a chi avesse ricevuto un legato superiore a 1.000 assi);
imperfectæ, se nulla disponevano in caso di trasgressione (ad es., era imperfecta la lex Cincia de donis et munèribus [vedi], che vietava senza, tuttavia, sanzionarla, la donazione oltre una certa misura).