Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44 Compendio di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 272 € 22,00</span> 44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span>
G7
GAB
Gabbia salariale
Gadget
Gain-loss analysis
Gains sharing
Galbraith, John Kenneth
Game theory
Gantt, grafici di
Gap
Gap analysis
Garanzia di cambio
Garanzia per l'esportazione
GATT
Gauss, Karl Friederich
Gearing
GEIE
General arrangement borrow
Gentlemen's agreements
Gerschenkron, Alexander
Gestione del debito pubblico
Gestione del personale
Gettito tributario
Giffen, paradosso di
Gift
Gilt-edged market
Gilts
Gini, Corrado
Gini, indice di mutabilità
Giochi a somma zero
Giochi, teoria dei
Gioco di Ponzi
Giovedì nero
Giurisdizioni locali
Global bonds
Global company
Global finance
Globalizzazione
Go-slow
Gold bullion standard
Gold exchange standard
Gold loans
Gold points
Gold standard
Gold tranche
Gold warrant
Golden clause
Golden share
Good delivery
Gosbank
Gossen, Herman Heinrich
Governatore della Banca d'Italia
Gradi di libertà
Grado di apertura
Grafici di Gantt
Grafico
Grande balzo
Grande depressione
Grande distribuzione
Grandi numeri, legge dei
Grant economics
Gray market
Greenbacks
Greenfield ventures
Gresham, legge di
Gresham, Thomas
Grida, recinto alle
Gruppo Andino
Gruppo dei cinque
Gruppo dei dieci
Gruppo dei settantasette
Gruppo dei sette
Gruppo dei tre
Gruppo dei venti
Gruppo dei ventiquattro
Gruppo di controllo
Gruppo di Rio
Gruppo di Visegrad
Gruppo economico d'interesse europeo
Gruppo polifunzionale
Guadagni in conto capitale
Guerra, economia di
Guide-lines
Gumbell, variabile casuale di




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Autogestione

Forma di organizzazione e di direzione dell'impresa caratterizzata dalla proprietà dei mezzi di produzione e dalla piena partecipazione dei lavoratori ai processi decisionali.
L'autogestione non è da confondere con la cogestione (v.), in cui la gestione dell'impresa è affidata congiuntamente ai lavoratori e ai rappresentanti del capitale.
Le esperienze di autogestione più significative sono state condotte in Algeria, in Israele (v. Kibbutz) e, soprattutto, in Jugoslavia. Qui il sistema dell'autogestione fu introdotto e regolato dalla legge in tutte le fabbriche di proprietà collettiva nel 1950. Inteso come forma nuova di socialismo anti-stalinista, negli anni Settanta venne esteso a tutti i settori produttivi, ivi compresi quelli dei servizi sociali e delle banche. Nel modello jugoslavo, l'Assemblea di tutti i lavoratori dell'unità economica eleggeva un Consiglio (15-120 membri, in carica per due anni), che determinava gli obiettivi di carattere generale nell'ambito di piani economici nazionali e locali. Il Consiglio, a sua volta, eleggeva un Comitato di gestione, competente per le decisioni ordinarie, e il Direttore dell'impresa, con funzinoi esecutive. I lavoratori, insomma, partecipavano direttamente alla gestione, fruivano dei risultati positivi e sopportavano i rischi, fermo restando uno stipendio minimo garantito dallo Stato. Poiché la proprietà dell'impresa era collettiva, quindi indivisibile, con la pensione o con il passaggio ad altre attività cessava ogni diritto sui frutti del lavoro svolto. Le critiche più severe al modello Jugoslavo vennero dal mondo comunista, per il quale esso oscurava la funzione dello Stato come unico datore di lavoro e rischiava di aumentare la disuguaglianza tra lavoratori secondo la fortuna o meno dell'impresa e la zona in cui era collocata. Per altri, invece, quella condotta emarginava l'individualismo, faceva strada alla solidarietà umana, e portava ad eliminare gli odi sociali provocati dalla divisione tra il lavoro ideativo, e quello di mera esecuzione, avviando così la democrazia industriale. Il modello jugoslavo venne sostanzialmente abbandonato con le elezioni politiche del 1990 e le successive riforme dell'economia.