Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/5 I Quaderni dell'aspirante Avvocato - Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 368 € 17,00</span> L39 La Nuova Responsabilità Medica e il Risarcimento del Danno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 496 € 52,00</span> IP5 Ipercompendio Diritto Civile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 320 € 16,00</span> 5/3 Compendio di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIII, pag. 672 € 21,00</span> 5 Manuale di Istituzioni di Diritto Privato (Diritto Civile)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXVI, pag. 896 € 30,00</span> E1   Codice Civile Esplicato spiegato Articolo per Articolo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 2336 € 48,00</span> 504/4 Codice Civile e di Procedura Civile e leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXII, pag. 1632 € 25,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Sostituzione (d. civ.)
Con riguardo all'attività giuridica si parla di (—) nei casi in cui un soggetto ha il potere di sostituirsi ad un altro nel compimento di un negozio, divenendo parte (in senso formale) del negozio stesso ma rimanendo estraneo all'interesse regolato. Il potere di agire per il compimento di un negozio destinato a produrre effetti nella altrui sfera giuridica può essere attribuito dalla legge o trovare la propria fonte in un atto di autonomia privata.
Alcuni casi di (—) sono disciplinati nell'ambito della rappresentanza.
() nel testamento (d. civ.)
In tale ambito si individuano la (—) ordinaria e la (—) fedecommissaria. La prima si ha allorquando il testatore, prevedendo il caso che il chiamato non possa o non voglia accettare l'eredità o il legato, designi al suo posto un secondo successibile.
La (—) fedecommissaria, invece, si ha quando, nel testamento, il testatore impone all'erede o al legatario (cd. istituito) l'obbligo di conservare i beni ricevuti, affinché alla sua morte tali beni possano automaticamente passare ad altra persona (cd. sostituto) indicata dal testatore medesimo.
Quest'ultima è ammessa solo nei limiti di cui all'art. 692 c.c. In particolare, i genitori e gli ascendenti in linea retta ed il coniuge dell'interdetto possono istituire erede quest'ultimo, gravandolo dell'obbligo di restituire alla sua morte tutti i beni, anche quelli costituenti la legittima, alla persona o agli enti che, sotto la vigilanza del tutore, hanno avuto cura di lui (fedecommesso assistenziale).
La stessa disposizione si applica nel caso del minore di età, che si trovi in condizioni di abituale infermità di mente tali da far presumere che nel termine di cui all'art. 416 c.c. interverrà nei suoi confronti la pronuncia di interdizione.
() processuale (d. proc. civ.)
Il sostituto processuale è un soggetto che agisce nel processo in nome proprio, ma per far valere un diritto altrui: egli quindi è parte, ma non è titolare del diritto fatto valere.
La (—) si differenzia quindi dalla rappresentanza processuale, in quanto il rappresentante agisce in nome altrui. È chiaro, però, che poiché il sostituto agisce per un diritto altrui, gli effetti del giudicato si produrranno nei confronti del sostituito, titolare del diritto su cui la sentenza ha provveduto.
La (—) può aver luogo solo nei casi espressamente previsti dalla legge (es.: artt. 108 e 111 c.p.c.): infatti, l'art. 81 c.p.c. prevede che fuori dei casi espressamente previsti dalla legge, nessuno può far valere nel processo in nome proprio un diritto altrui.
Sono ipotesi eccezionali in cui il legislatore ha riconosciuto ad un terzo, interessato alla tutela di un diritto altrui, la possibilità di chiedere la tutela giurisdizionale in merito.
Si pensi, ad esempio, all'ipotesi del garante che, chiamato in causa, abbia assunto la causa del garantito estromesso per accordo delle parti; o ancora al caso dell'azione surrogatoria (art. 2900 c.c.), in cui il creditore, per assicurare che siano soddisfatte o conservate le sue ragioni, può esercitare i diritti e le azioni che spettano, verso i terzi, al proprio debitore e che costui trascura di esercitare.
Altro significativo esempio di (—) si ha nell'ipotesi di successione a titolo particolare nel diritto controverso, allorché l'alienante del diritto rimane in causa in sostituzione dell'acquirente (arg. ex art. 111 c.p.c.).