Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
509 Codice del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XIX, pag. 2080 € 50,00</span> FM201 Formulario Commentato del Processo del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 688 € 65,00</span> 248/1 Elementi di Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VIII, pag. 256 € 13,00</span> 1/2 Compendio di Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXV, pag. 432 € 20,00</span> IP1 Ipercompendio Diritto del Lavoro<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 VIII, pag. 288 € 16,00</span>
N.A.S.
N.A.T.O.
Nascita
Nascituro
Nasciturus pro iam nato habetur, si de eius commodo agitur
Naturalia negotii
Nave
Navetta
Nazionalità
Nazionalizzazione
Nazione
Nazioni Unite
Ne bis in idem
Necessità
Negatoria
Negligenza
Negotiorum gestio
Negotium mixtum cum donatione
Negozio giuridico
Nemico
Neminem laedere
Nemini res sua servit
Nemo plus iuris ad alium transferre potest quam ipse habet
Nesso di causalità
Noleggio
Nome
Nominalistico
Nomofilachia
Non concorrenza
Non luogo a procedere
Non menzione della condanna
Non profit
Norma giuridica
Norme
Nota di iscrizione a ruolo
Nota di pegno
Nota di trascrizione
Nota integrativa
Notaio
Notificazione
Notizia di reato
Notorietà
Novazione
Novella
Nuclei antisofisticazione
Nucleo familiare
Nuda proprietà
Nulla-osta
Nullità
Nullum crimen, nulla poena sine lege
Numero legale
Numerus clausus
Nunciazione
Nuncius
Nuova opera


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Subordinazione (d. lav.)
Elemento giuridico che qualifica il contratto di lavoro che ha ad oggetto tale prestazione [Lavoro (subordinato)].
Il vincolo di (—) non è stato unanimemente individuato dalla dottrina, in particolare si dibatteva sul carattere della dipendenza del lavoratore e su quello della sottoposizione al potere di direzione del datore di lavoro.
L'eterodirezione o potere direttivo sarebbe espressione della (—) in senso tecnico, intesa come modo d'essere della prestazione. Attraverso le direttive, infatti, il datore di lavoro determina in concreto l'attività che il lavoratore deve svolgere. L'art. 2104 c.c. impone al prestatore di lavoro un dovere di obbedienza alle disposizioni per l'esecuzione e la disciplina impartite dall'imprenditore e dai collaboratori di questo dai quali dipende.
La dipendenza, invece, esprimerebbe la (—) socio-economica del lavoratore, in quanto la sua capacità produttiva dipende dall'inserimento nell'organizzazione dell'imprenditore rispetto al quale si trova in una situazione di inferiorità mettendo a disposizione le proprie energie e competenze. Tale teoria non costituisce più un tratto essenziale ed esclusivo del lavoro subordinato ed è quindi sempre più in declino come criterio di qualificazione della (—). Si osserva, infatti, che la dipendenza economica appartiene a forme di lavoro non propriamente subordinate connotate da alti livelli di precarietà e di sfruttamento (es. collaborazioni continuative e coordinate) rispetto invece ad un più alto livello di professionalizzazione dei lavoratori subordinati che li rende più forti sotto il profilo negoziale e sociale.
D'altro canto la stessa nozione di (—) incentrata sull'elemento dell'eterodirezione, che tradizionalmente viene assunta come elemento identificativo del lavoro subordinato, sembra aver perso peso in relazione ai crescenti margini di autonomia che caratterizzano sempre più i lavoratori subordinati in virtù dei cambiamenti dell'organizzazione produttiva. È stato quindi proposto come criterio identificativo della (—) in senso stretto l'elemento dell'estraneità del lavoratore sia rispetto all'organizzazione produttiva in cui è inserita la prestazione che dal risultato della stessa; si ritiene, infatti, che l'autonomia economico-organizzativa non è mai riscontrabile nel lavoro subordinato.