Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54A/11 I Quaderni dell'Aspirante Avvocato - Diritto dell'Unione Europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VIII, pag. 272 € 16,00</span> 54A/6 I Quaderni dell'aspirante Avvocato - Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VIII, pag. 320 € 17,00</span> 61 Prima e Seconda Prova Scritta Commercialista ed Esperto Contabile<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XVII, pag. 800 € 59,00</span> 6 Manuale di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XXVII, pag. 704 € 34,00</span> 6/3 Compendio di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XXI, pag. 496 € 24,00</span> 61/2A Manuale per Commercialista ed Esperto Contabile - Discipline Giuridiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 IX, pag. 1168 € 58,00</span> IP6 Ipercompendio Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VIII, pag. 320 € 16,00</span> 227maior Elementi Maior di Diritto Commerciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XVIII, pag. 320 € 14,00</span>
B.C.E.
B.o.t.
Balcone
Ballottaggio
Banca
Banca dati
Bancarotta
Bancomat
Banda armata
Bandiera
Bando di concorso
Baratto
Barriera doganale
Barriere architettoniche
Base imponibile
Beneficenza
Benefici di legge
Beni
Bicameralismo
Bigamia
Biglietto di cancelleria
Bilancio
Bipartitismo
Bipolarismo
Boicottaggio
Bolla di accompagnamento
Bollettino Ufficiale
Bonifico bancario
Borsa
Brevetto
Broker
Brokeraggio
Buon costume
Buon padre di famiglia
Buon vicinato
Buona fede
Buoni ordinari del Tesoro
Buoni postali fruttiferi
Buonuscita
Burocrazia
Busta paga


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Brevetto (d. comm.)
Col termine (—) si indica il documento con cui un'autorità a ciò preposta, generalmente un organo amministrativo nazionale, riconosce all'inventore la facoltà di sfruttare in modo esclusivo, su tutto il territorio dello Stato e per un determinato periodo di tempo, l'invenzione industriale da lui realizzata.
Sono brevettabili le invenzioni tecniche ricomprese nelle seguenti classi:
— invenzioni di nuovi prodotti;
— invenzioni di nuovi processi produttivi;
— invenzioni derivate dalla combinazione o dal perfezionamento di invenzioni precedenti.
Lo sfruttamento esclusivo è subordinato ai seguenti requisiti di validità dell'invenzione:
 novità: l'invenzione non deve essere compresa nel patrimonio tecnologico preesistente;
— originalità: l'invenzione deve essere il frutto di un'attività inventiva, cioè non essere ricavabile dagli elementi che costituiscono lo stato della tecnica, neanche attraverso una ricostruzione di elementi frammentari;
— industrialità: l'invenzione deve essere suscettibile di utilizzo pratico da parte di qualsiasi tipo d'industria anche agricola;
— liceità: non si possono brevettare le invenzioni la cui attuazione sarebbe contraria all'ordine pubblico o al buon costume, né i metodi per il trattamento chirurgico, terapeutico e diagnostico del corpo umano o animale (tali metodi, infatti, devono essere accessibili a tutti).
Il (—) è concesso dall'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, su domanda documentata di chi si proclama inventore e non ha carattere costitutivo, creando soltanto una presunzione a favore di chi è dichiarato inventore, valida fino all'intervento di una sentenza passata in giudicato che attribuisca la paternità dell'invenzione ad un diverso soggetto.
Il (—) dell'invenzione attribuisce al titolare il diritto esclusivo al suo sfruttamento economico e alla sua commercializzazione; però:
— è concesso, entro determinati limiti, l'utilizzo dell'invenzione da parte di chi ne abbia fatto uso nella propria azienda nei dodici mesi anteriori alla domanda di brevettazione (cd. diritto di preuso);
— non si può inibire la circolazione del bene brevettato una volta messo in commercio (cd. principio dell'esaurimento).
Il diritto di (—) spetta all'autore dell'invenzione ed ai suoi aventi causa; è trasferibile ed espropriabile per pubblica utilità. Lo sfruttamento dura 20 anni dalla data di deposito della domanda di (—).
Uno degli obblighi che la legge pone a carico del titolare del (—) è l'attuazione dell'invenzione. La mancata attuazione entro tre anni dalla concessione del (—) rileva quale causa di estinzione dello stesso. In questo caso l'art. 70 del D.Lgs. 30/2005 (Codice della proprietà industriale) prevede che possa essere concessa licenza obbligatoria per l'uso non esclusivo dell'invenzione a favore di ogni interessato che ne faccia richiesta. Accanto al (—) per invenzione, è previsto un (—) per modelli di utilità e per modelli e disegni, della durata, rispettivamente, di 10 e di 5 anni dalla data di presentazione della domanda.
L'esclusiva che si consegue con il (—) è limitata al territorio dello Stato: per lo sfruttamento dell'invenzione in un mercato plurinazionale, il (—) deve essere richiesto in ciascuno degli Stati esteri (brevetti paralleli) e ogni (—) sarà soggetto alla sua disciplina nazionale.
Esistono, però, (—) ad efficacia plurinazionale ottenibili con una procedura più snella, introdotti da convenzioni internazionali cui l'Italia ha aderito e cioè il (—) europeo e il (—) comunitario.