Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 X, pag. 272 € 18,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 IX, pag. 192 € 15,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XXV, pag. 512 € 30,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XVIII, pag. 368 € 22,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XIX, pag. 288 € 19,00</span>
BACH
Banca Centrale Europea
Banca Centrale Nazionale
Banca comunitaria
Banca dei Regolamenti Internazionali
Banca Europea degli Investimenti
Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo
Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo
Banche corrispondenti
Banche dati
Banche extracomunitarie
Bandiera europea
Bank for the Accounts of Companies Harmonised
Barriera doganale
Barriera fiscale
Barriera non tariffaria
Barriera tariffaria
Barriera tecnica
Barriere all’entrata
Basilea
BC-NET
BCE
BCN
BEI
Belgio
Belgio-Luxembourg Economic Union
Beneficiari netti
Benelux
Berlaymont
BERS
BEST
BEUC
BIC
Big bang
Bilancio comunitario
BIRS
BLEU
BRE
Bretton Woods
Brevetto comunitario
Brevetto europeo
BRI
Briand Aristide
Brite-Euram
Bulgaria
Bureau de Rapprochement des Enterprises
Bureau Europeen des Unions des Consommateurs
Business and Innovation Center
Business Cooperation Network
Business Enviroment Simplification Task force




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
Bretton Woods

Cittadina del New Hampshine negli USA dove, nel 1944, si riunirono gli esperti di economia e finanza di 44 paesi alleati.
I 44 Stati che si riunirono a Bretton Woods erano animati dall’esigenza di creare un sistema di regole giuridiche che garantisse l’equilibrio dei mercati internazionali ed evitasse le degenerazioni protezionistiche e l’instabilità valutaria che avevano dominato il commercio internazionale negli anni precedenti alla II Guerra Mondiale. La crisi del ’29 e gli avvenimenti degli anni ’30 avevano dimostrato l’incapacità dei mercati di autoregolarsi, e, quindi, la necessità di un sistema di regole che tutelasse la libertà degli scambi e che prevedesse dei correttivi alle distorsioni.
I negoziati portarono alla creazione di un sistema basato su due istituzioni fondamentali: il Fondo Monetario Internazionale (v. FMI) e la Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (v. BIRS). Queste istituzioni avevano lo scopo di incoraggiare la cooperazione monetaria tra gli Stati e di incentivare il commercio internazionale attraverso la stabilità dei cambi.
Caratteristica fondamentale degli accordi era infatti la determinazione di parità fisse tra le valute dei vari paesi. Rispetto al precedente sistema del gold standard, in cui il valore di ogni divisa era determinato in relazione alla sua convertibilità aurea, gli accordi istituivano il c.d. gold exchange standard in cui le diverse valute erano ancorate al dollaro americano, la cui convertibilità aurea era fissata a 35 dollari l’oncia. La Federal Reserve statunitense si trovava dunque a svolgere le funzioni di banca centrale internazionale, con le conseguenti gravi responsabilità che tali mansioni comportavano.
Il nuovo sistema monetario internazionale cominciò a funzionare a pieno regime già negli anni della ricostruzione post-bellica e certamente esso diede notevole stabilità al commercio internazionale, contribuendo non poco ai boom che interessarono i diversi paesi occidentali negli anni Cinquanta e nella prima metà degli anni Sessanta.
Alla fine degli anni Sessanta, però, i paesi che partecipavano all’accordo cominciarono a presentare livelli di inflazione molto diversi: i prezzi statunitensi salivano determinando una perdita di competitività, mentre paesi come il Giappone e soprattutto la Germania, al contrario, registravano un attivo dai loro scambi con l’estero accumulando dollari. La speculazione a favore del marco e contro il dollaro contribuì ad aumentare il flusso di capitali in uscita dagli Stati Uniti il che, insieme alle spese sostenute dal governo americano per finanziare la guerra in Vietnam e agli investimenti in Europa da parte delle imprese americane, determinò deficit di bilancio pubblico e della bilancia dei pagamenti sempre più grandi.
Ciò diffuse una profonda sfiducia nel dollaro cosicché molte banche centrali cercarono a più riprese di convertire i dollari in loro possesso in oro. Di fronte a questa situazione insostenibile per la moneta americana, nell’agosto 1971 l’allora Presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, dichiarò l’inconvertibilità del dollaro in oro, decretando ufficialmente la fine del sistema a cambi fissi (v.), di fatto già avvenuta negli anni immediatamente precedenti.