Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
32/1 Compendio di Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVII, pag. 256 € 17,00</span> 54A/9 I Quaderni del Praticante Avvocato - Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 176 € 15,00</span> 32 Manuale di Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXI, pag. 320 € 24,00</span> 22 Diritto Canonico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 VIII, pag. 320 € 24,00</span> 222/1 Elementi di Diritto Canonico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2008 , pag. 128 € 8,00</span> 32/2 Schemi & Schede di Diritto Ecclesiastico<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2007 , pag. 224 € 14,00</span>
Ecclesiastici
Economo diocesano
Ecumenismo
Edifici di culto
Educazione cattolica
Egidiane
Elezione
Elezione del Sommo Pontefice
Enciclica
Enti ecclesiastici
Entrate ecclesiastiche
Episcopato
Eremiti
Eresia
Errore
Escardinazione
Esclaustrazione
Esequie ecclesiastiche
Esorcismo
Età
Eucaristia
Exequatur
Extravagantes communes
Extravagantes Johannis XXII



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico
Entrate ecclesiastiche

Fonti da cui gli enti ecclesiastici traggono i mezzi economici necessari alla loro attività. In materia si fa in primo luogo la distinzione tra entrate interne ed esterne, a seconda che provengano o meno dagli stessi beni ecclesiastici. La distinzione fondamentale, comunque, è quella tra:
entrate di diritto pubblico, che sono quelle spettanti agli enti ecclesiastici in quanto tali, in connessione con la propria funzione: esse comprendono le imposte ecclesiastiche; le tasse ecclesiastiche [vedi Imposte ecclesiastiche]; gli interventi finanziari dello Stato in favore del culto e del clero cattolico, consistenti in prevalenza nella devoluzione alla Chiesa, tramite la Conferenza Episcopale Italiana, di una quota dell’otto per mille dell’IRPEF, liquidata dagli uffici sulla base delle dichiarazioni dei redditi annuali. È impiegata per esigenze di culto della popolazione, sostentamento del clero o per interventi caritativi a favore della collettività nazionale o di paesi del terzo mondo;
entrate di diritto privato, che sono quelle percepite dagli enti ecclesiastici alla stregua di ogni altro soggetto e comprendono le oblazioni dei fedeli, ammesse all’interno o all’ingresso delle Chiese o di altri edifici in loro proprietà (art. 7, n. 3, Accordo 18-2-1984 tra Italia e Santa Sede, art. 156 R.D. 773/31); le disposizioni per l’anima (art. 629 c.c.); i legati pii e le fondazioni di culto (art. 12 L. 222/85); i redditi patrimoniali e le prestazioni terratiche (es.: il censo consegnativo o bollare, il censo riservativo o rendita fondiaria, le decime prediali, ex feudali, dominicali, i canoni enfiteutici), che sono state commutate, ai sensi della L. 4727/1887, che ha abolito soltanto le decime sacramentali in annue prestazioni fisse in denaro.