Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
IAPC
ICCRI
ICE
ICI
ICIAP
ICM
ICOR
IDA
IDEM
Identità di Roy
Identità di Slutsky
Ideogramma
IFM
IFQV
IGE
Illusione finanziaria
Illusione fiscale
Illusione monetaria
ILOR
IME
Imitazione, effetto di
Imperialismo economico
Importazioni
Importi compensativi monetari
Imposizione ottimale
Impossibilità, teorema della
Imposta
Imposta ad valorem
Imposta comunale sugli immobili
Imposta di registro
Imposta diretta
Imposta generale
Imposta generale sulle entrate
Imposta in somma fissa
Imposta indiretta
Imposta locale
Imposta monofase
Imposta negativa
Imposta personale
Imposta plurifase
Imposta progressiva
Imposta proporzionale
Imposta reale
Imposta regressiva
Imposta speciale
Imposta specifica
Imposta straordinaria
Imposta sui consumi
Imposta sul patrimonio
Imposta sul reddito come consumo
Imposta sul reddito come entrata
Imposta sul reddito come prodotto
Imposta sul reddito delle persone fisiche
Imposta sul reddito delle persone giuridiche
Imposta sul valore aggiunto
Imposta sulle successioni e donazioni
Imposta sulle vendite
Imposte doganali
Imposte ipotecarie e catastali
Imprenditore
Impresa
Impresa extramarginale
Impresa inframarginale
Impresa marginale
Impresa pubblica
Impresa-rete
Imprese d'investimento
In the money
INAIL
Incentive marketing
Incentivi all'esportazione
Incentivo fiscale
Incertezza
Incidenza dell'imposta
Incidenza dell'imposta in concorrenza monopolistica
Incidenza dell'imposta in concorrenza perfetta
Incidenza dell'imposta in monopolio
Incidenza dell'imposta in oligopolio
Inclusione
Income splitting
Income-tax
Incoterms
Incremental Capital-Output Ratio
Indagine di mercato
Indagine pilota
Indebitamento netto
Indebitamento netto della Pubblica Amministrazione
Indennità di contingenza
Indennità di disoccupazione
Indent
Indicatori economici
Indice
Indice armonizzato dei prezzi al consumo per i paesi dell’Unione Europea
Indice beta
Indice dei prezzi al consumo
Indice dei prezzi alla produzione
Indice dei prezzi per famiglie di operai e impiegati
Indice del costo della vita
Indice della produzione industriale
Indice di Bonferroni
Indice di concentrazione delle imprese
Indice di curtosi
Indice di Fisher
Indice di Gini
Indice di Herfindahl
Indice di Laspeyres
Indice di mutabilità di Gini
Indice di Paasche
Indice di Williamson
Indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività
Indici assoluti
Indici di asimmetria
Indici di Borsa
Indici di forma
Indici di mutabilità
Indici di posizione
Indici di variabilità
Indici normalizzati
Indici relativi
Indici settoriali
Indici statistici
Indicizzazione
Indifferenza, curva di
Indipendenza
Individualismo metodologico
Indivisibilità
Indotto
Industria
Industria nascente
Ineguaglianza
Inferenza bayesiana
Inferenza statistica
Infinitesimo
Inflation targeting
Inflazione
Inflazione da costi
Inflazione da domanda
Inflazione galoppante
Inflazione importata
Inflazione strisciante
Informazione
Informazione asimmetrica
Informazione nascosta
Informazione Tariffaria Vincolante
Inframarginale
Infrastruttura
Innovazione
Innovazione finanziaria
Inoccupati
INPS
Inputs
Inside money
Insider trading
Insider-Outsider
Integrale
Integrazione
Integrazione economica
Integrazione orizzontale
Integrazione verticale
Intensità di capitale
Intensità di lavoro
Interaction
Intercetta
Interdipendenza oligopolistica
Interdipendenze strutturali
Interesse
Interesse composto
Interesse nominale
Interesse reale
Interest rate swap
Intermediari finanziari
Intermediazione finanziaria
Internalizzazione delle esternalità
International Development Association
International Monetary Fund
International Trade Organization
Internazionalizzazione
Interpolazione
Intersezione
Intervallo di confidenza
Intervento pubblico
Intervista
Intese
Intra-firm trade
Intra-industry trade
Intrastat
Invenzione
Investimento
Investitori istituzionali
Investment trust
INVIM
IOU
Ipergeometrica, variabile casuale
Iperinflazione
Ipotesi alternativa
Ipotesi composita
Ipotesi non parametrica
Ipotesi nulla
Ipotesi parametrica
Ipotesi semplice
Ipotesi statistica
IRAP
IRI
IRPEF
IRPEG
Irredimibile
IS-LM
ISAE
ISCO
Isobenessere
Isocosto
Isola di montaggio
Isole
Isoprofitto
Isoquanto
ISPE
ISTAT
Isteresi
Istituti di credito di diritto pubblico
Istituti di credito speciale
Istituto di credito
Istituto di Credito delle Casse di Risparmio Italiane
Istituto di emissione
Istituto di Studi e Analisi Economica
Istituto di Studi per la Programmazione Economica
Istituto Monetario Europeo
Istituto Nazionale della Previdenza Sociale
Istituto Nazionale per lo Studio della Congiuntura
Istituto per il Commercio Estero
Istituto per la Ricostruzione Industriale
Istituto poligrafico e Zecca dello Stato
Istituzioni Finanziarie Monetarie
Istogramma
Istogramma perequato
Istruzione
ITO
ITV
IVA




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Istruzione

Da un punto di vista economico, l'istruzione è stata oggetto di analisi innanzi tutto alla luce delle teorie sul capitale umano (v.). Sotto questo aspetto, le spese per l'istruzione possono essere considerate a tutti gli effetti degli investimenti poiché accrescerebbero la produttività del lavoro e, quindi garantirebbero un maggior flusso di redditi futuri.
Un altro filone di ricerca, invece, ha appuntato la propria attenzione sulle motivazioni dell'intervento pubblico nell'istruzione. In questo caso, la necessità di un'istruzione finanziata con risorse pubbliche viene giustificata principalmente sulla base di tre argomentazioni, tutte riconducibili al fallimento del mercato (v.):
— l'istruzione genera esternalità (v.) positive che il mercato, inevitabilmente, tenderebbe a sottovalutare o non considerare affatto;
— l'istruzione è un bene essenziale per la collettività, la cui distribuzione fra i soggetti economici non può essere in qualche modo controllata dalla Stato (cd. tesi dell'egualitarismo specifico);
— l'istruzione, infine, consente in genere l'accesso ad occupazioni meglio retribuite. Come dimostrato dalla teoria del capitale umano (v.), essa è assimilabile ad un investimento e, come tutti gli investimenti, richiede tempo e risorse prima di dare i suoi frutti. Certo, alcuni studenti possono ricorrere alla famiglia, ma non sempre questa è in grado o è disposta a investire nell'istruzione dei figli. In questo caso, se fosse possibile chiedere un prestito ad una banca, dando in garanzia il proprio reddito futuro, non ci sarebbero problemi e tutti potrebbero avere accesso all'istruzione se lo desiderassero. Evidentemente, non è così, perché prestiti del genere suddetto non sono possibili; le banche non sono disposte a fornirli, poiché temono di non ottenere una restituzione in tempi e modi adeguati. In un certo senso, il mercato registra un fallimento, perché non esiste un prezzo a cui quel particolare tipo di prestiti possa essere offerto. Quindi, se non ci fosse l'intervento pubblico, sotto forma di istruzione gratuita o semi-gratuita oppure sotto forma di prestiti pubblici agli studenti, molti giovani potenzialmente capaci non avrebbero accesso all'istruzione.


Come ripartire le spese per
l'istruzione pubblica?


Uno dei problemi essenziali da risolvere per strutturare il programma di spesa per l'istruzione è stabilire come ripartire la spesa:
a
. fra gli alunni;
b
. fra le zone geografiche.
Evidentemente, in entrambi i casi la decisione dipende dagli obiettivi che ci si pone, da quali sono gli effetti della spesa, e dalla misura in cui obiettivi desiderati ed effetti concreti coincidono.
Consideriamo dapprima il problema della suddivisione per alunno, per poi trattare quello della suddivisione per zona.
La ripartizione della spesa fra studenti deve risolvere sostanzialmente il seguente problema: è meglio destinare maggiori risorse per le attività di approfondimento nelle scuole superiori (di cui beneficiano solo i più bravi fra coloro che sono iscritti) oppure per le scuole dell'obbligo (cui accedono tutti) o ai corsi di recupero e agli insegnanti di sostegno (destinati ai più deboli)? La risposta dipende molto dai fini che ci si prefigge: se si concentra l'attività selettivamente sui più bravi, si aumenterà la produttività totale del sistema economico (studenti bravi vuol dire, in prospettiva, lavoratori molto produttivi, sia sul piano qualitativo che su quello quantitativo); invece, se si distribuisce l'impegno su tutti, si avranno effetti positivi sul piano dell'equità. Non è facile dire a priori quale dei due obiettivi (produttività od equità) sia il più importante; la decisione, in genere, dipende dalle scelte della collettività.
La questione della ripartizione per zone è molto complessa, e si intreccia con il dibattito se sia opportuno o meno conferire autonomia alle scuole (tema questo assai discusso in Italia negli anni '90).
Alcuni economisti, rifacendosi alle conclusioni cui sono arrivati gli studi sulle giurisdizioni locali (v.), hanno proposto di attribuire alle istituzioni scolastiche la facoltà di gestire il personale (docente e non) ed i fondi destinati alla didattica ed all'amministrazione; inoltre, le scuole dovrebbero poter organizzare propri piani di studio (sulla base di standard nazionali) e magari fornire servizi aggiuntivi, su domanda e a finanziamento delle famiglie (ad esempio, l'insegnamento di una lingua straniera in più). Da una parte, l'autonomia consentirebbe maggiore flessibilità e riconoscerebbe le esigenze specifiche delle varie zone geografiche: non è necessariamente vero che lo stesso piano di studi sia utile agli studenti di Palermo quanto a quelli di Aosta. Dall'altra, essa pone alcuni delicati problemi di equità: la condizioni scolastiche diverrebbero ancora più diseguali? Come dovremmo comportarci di fronte alle diverse scelte delle comunità?
Quest'ultimo, in particolare è un problema non da poco: poniamo ad esempio che, in conseguenza dell'autonomia, le comunità locali composte prevalentemente da anziani esprimano un impegno per l'istruzione inferiore a quello delle comunità in cui sono più numerose persone con figli in età scolare. Come deve comportarsi lo Stato in questo caso?
Ancora una volta, la risposta non è affatto ovvia.