Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
E5 Costituzione Esplicata<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XVIII, pag. 432 € 17,00</span> 225/2 Costituzione della Repubblica Italiana (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 64 € 3,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> 54A/2 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Costituzionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 288 € 17,00</span>
U.E.
U.I.L.
U.N.E.P.
Ubriachezza e intossicazione da alcool
Udienza
Ufficiale
Ufficio
Uguaglianza
Ultrapetizione (o ultra petita)
Ultrattività della legge
UNICEF
Unione e commistione
Unione Europea
Unioni civili
Unità produttiva
Universalità
Università
Urbanistica
Usi
Uso
Usucapio libertatis
Usucapione
Usufrutto
Usura
Usurpazione
Utile
Utilità sociale
Uxoricidio


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Uguaglianza (d. cost.)
L'art. 3 Cost. definisce il concetto d'(—) rivolgendosi a tutti i cittadini, anche se è ormai pacifico che destinatari della disposizione devono considerarsi anche:
— gli stranieri e gli apolidi;
— le persone giuridiche e gli altri enti, anche se sforniti di personalità giuridica.
I due commi di tale articolo definiscono l'(—) formale e quella sostanziale, in quanto la prima resterebbe una pura enunciazione teorica, se non fosse integrata dalla seconda.
() formale
L'(—) formale (art. 3 Cost.) può essere intesa in due diverse accezioni:
— come (—) davanti alla legge;
— come (—) nella legge.
Quanto al primo significato, essa sta ad indicare che nessuno può ergersi al di sopra della legge facendo valere presunte differenze di dignità sociale. L'(—) viene a identificarsi, così, col divieto di eccezioni collegate a differenze di dignità sociale.
L'(—) nella legge, invece, pone un vincolo allo stesso legislatore, vietandogli di emanare leggi che contengano discriminazioni fondate su diverse qualificazioni personali espressamente indicate dalla Costituzione: sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali.
Ovviamente tale divieto non può essere sempre preso alla lettera, dal momento che la stessa Costituzione prevede espressamente distinzioni di disciplina a garanzia proprio di quelle categorie: si pensi all'art. 6 Cost., che impone alla Repubblica di tutelare, con apposite norme, le minoranze linguistiche [Minoranze etniche e linguistiche].
La dottrina interpreta il divieto di discriminazioni in un duplice modo:
— le leggi, pur se riferite ad un gruppo determinato, non devono avere carattere personale o singolare, a meno che non vi siano giustificate ragioni;
— il principio d'(—) non vieta in assoluto discipline differenziate, ma solo discriminazioni irrazionali o, meglio, irragionevoli, con una presunzione di irrazionalità per le discriminazioni fondate su una delle categorie indicate dall'art. 3 Cost.
Il principio d'(—) viene così ad evolversi in principio di ragionevolezza delle leggi [Ragionevolezza delle leggi (Principio di)].
() sostanziale
Il Costituente ha giustamente riconosciuto che non ha alcun valore stabilire e garantire il principio di (—) tra i cittadini, quando si frappongono ostacoli di carattere economico-sociale che di fatto ne limitano la libertà e l'(—) ponendoli in posizione di disuguaglianza originaria.
La nostra Costituzione (art. 3 Cost.) affida alla Repubblica il compito di intervenire per rimuovere siffatti ostacoli, affinché tutti i cittadini siano posti inizialmente su di un piano di sostanziale parità.
Pertanto il principio di (—) sostanziale qualifica il nostro sistema come interventista [Stato].