Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
Sanzione
Schmitt, Carl
Scienza del diritto
Semiotica giuridica
Separazione dei poteri
Sistema
Sistema sociale
Socialismo
Società
Sociologia del diritto
Socrate
Sovranità
Stato
Stato assoluto
Stato democratico
Stato di diritto
Stato di eccezione
Stato di natura
Stato di polizia
Stato totalitario
Struttura-sovrastruttura



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario della Filosofia Politica
Sistema sociale

Complesso delle relazioni che si stabiliscono tra gli individui e i gruppi [vedi Gruppo sociale] che compongono la società.
Lo studio della società come sistema ebbe inizio ad opera dei filosofi razionalisti del Seicento. T. Hobbes, ad esempio, concepì la società come un tutto governato da leggi meccanicistiche in cui l’equilibrio tra le varie componenti (individui e gruppi) è assicurato dalla loro continua attrazione e repulsione.
A. Comte (1798-1857), al fine di evidenziare la struttura unitaria della società, la concepì come un «organismo sociale» che, al pari di un organismo animale, è regolato da leggi naturali non modificabili dalla volontà del singolo individuo.
Anche K. Marx considerò la società come una totalità, nella quale le singole componenti (forze produttive, rapporti di produzione, rapporti giuridici, struttura di classe ecc.) sono tra loro strettamente dipendenti.
Per T. Parsons (1902-1979) la società è un sistema di ruoli intrinsecamente in equilibrio. I fattori di mutamento sono sempre e soltanto esterni (ad es. innovazioni tecnologiche e scientifiche, variazioni demografiche, nuovi ideali religiosi, politici ecc.) e le modifiche che direttamente apportano a singole componenti della società si ripercuotono inevitabilmente in tutto il sistema.
Opposta alla teoria di Parsons è la concezione della società come sistema che sopravvive non perché è attenta a preservare il proprio equilibrio ma in quanto è capace di reagire alle spinte esterne e di prevedere adeguati strumenti di regolamentazione.
Infine, P.A. Sorokin (1889-1968) individuò nelle norme giuridiche, che configurano e istituzionalizzano i rapporti tra i consociati, lo strumento attraverso cui la società si consolida in sistema.