Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
IP3 Ipercompendio Diritto Penale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XI, pag. 352 € 17,00</span> E3 Codice Penale Esplicato spiegato Articolo per Articolo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 1568 € 43,00</span> 503/3 Codice Penale e di Procedura Penale Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXXIV, pag. 1792 € 25,00</span> 3/2 Compendio di Diritto Penale - Parte generale e speciale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXIV, pag. 640 € 25,00</span> 3  Manuale di Diritto Penale (Parte generale)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XXX, pag. 512 € 30,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Vilipendio [reati di] (d. pen.)
Delitti che si realizzano con un fatto di (—), ossia con espressioni di disprezzo, di contumacia, di offesa, di svilimento verso persona, istituzioni e cose.
Il (—) può essere compiuto con parole, con scritti, con gesti o atti, come il lancio di materie ed oggetti oltraggiosi. Quindi, il (—) per costituire delitto deve essere commesso pubblicamente.
() alla Repubblica
L'art. 290 c.p., da ultimo modificato dalla L. 24-2-2006, n. 85, in materia di reati di opinione, punisce chiunque vilipende la Repubblica, le Assemblee legislative o una di queste, ovvero il Governo o la Corte Costituzionale o l'ordine giudiziario oppure la Forze armate dello Stato e quelle della liberazione. Quanto alle istituzioni protette dalla norma, va rilevato che l'ordine giudiziario di cui parla l'art. 290 c.p. è soltanto la magistratura ordinaria di cui all'art. 104 Cost.; le Forze armate dello Stato comprendono anche i carabinieri e la Polizia di Stato.
Il vilipendio, per costituire delitto, deve essere commesso pubblicamente (art. 266, co.2, c.p.)
Pena: Multa da 1.000 a 5.000 euro.
() alla nazione italiana
Su tale fattispecie (art. 291 c.p.) ha inciso la L. 85/2006, la quale punisce chiunque pubblicamente vilipende la nazione italiana. Nazione italiana è la comunità degli italiani, uniti dalla comunanza di storia, di lingua, di memoria, di costumi e di aspirazioni.
Anche qui il fatto deve essere commesso pubblicamente (art. 266, co. 2, c.p.).
Pena: Multa da 1.000 a 5.000 euro.
() e danneggiamento alla bandiera o ad altro emblema dello Stato
A seguito della sua riformulazione ad opera della L. 85/2006, l'art. 292 c.p. punisce chiunque vilipende con espressioni ingiuriose la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato e chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato. Due le ipotesi aggravate: la prima, configurabile quando il fatto sia commesso in occasione di una pubblica ricorrenza o di una cerimonia ufficiale e la seconda, che tipizza il vilipendio reale (nel caso di imbrattamento, laceramento, calpestamento, deturpamento, alterazione degli elementi che costituiscono il vessillo della bandiera) sanzionando penalmente chiunque distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato, purché agisca pubblicamente (art. 266, co. 2, c.p.) e intenzionalmente (l'avverbio sembra richiedere un dolo rafforzato dalla consapevolezza del significato simbolico dell'oggetto aggredito).
Pena: Multa da 1.000 a 5.000 euro, per il vilipendio mediante espressioni ingiuriose; multa da 5.000 a 10.000 euro per il vilipendio commesso in occasione di cerimonie o ricorrenze.
Reclusione fino a due anni per le ipotesi di vilipendio reale.