Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
54/3 Corso Completo per la prova scritta dell'Esame di Avvocato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XIV, pag. 256 + 256 + 336 € 48,00</span> 327 L'impiegato Comunale - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XX, pag. 1000 € 42,00</span> 504 Codice Civile e leggi complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XLVI, pag. 1984 € 20,00</span> 511/1 Quattro Codici Editio Minor<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 XVII, pag. 1824 € 26,00</span>
W.I.P.O.
W.T.O.
Warrant
Welfare state
Witness


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Warrant [buono d'acquisto] (d. finanz.)
È costituito da una cedola che dà diritto al suo possessore di comprare [(—) call], o di vendere [(—) put], ad un prezzo già prefissato (strike price), entro un determinato tempo, un certo numero di azioni o obbligazioni. Si tratta dunque di un certificato al portatore [Titolo (di credito)], il cui contenuto finanziario è quello di una option. Allo stesso modo di quest'ultima, infatti, il (—) attribuisce solo il diritto di vendere o comprare, ma non comporta l'obbligo di farlo.
Originariamente i (—) erano emessi solo da società quotate al fine di raccogliere nuovi capitali e si legavano perciò a prestiti obbligazionari e aumenti di capitale.
In tali ipotesi il (—) ha una portata autonoma rispetto al titolo obbligazionario (cd. sottostante); pertanto l'obbligazionista può anche cedere il (—) detenendo la sola obbligazione, ovvero avvalersi del diritto di conversione in azioni mantenendo, al contempo, la titolarità dell'obbligazione.
Di seguito sono apparsi sui mercati europei (—) basati non solo su titoli azionari, ma altresì su indici di borsa valute e tassi di interesse.
In Italia i (—) sono negoziabili in Borsa dal 1992.