Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
C101 Codice Civile esteso (CM1) + Codice Penale esteso (CM3)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 , pag. 2144 + 1632 € 164,00</span> CM1 Codice Civile esteso<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 2144 € 85,00</span> 54/21 Manuali XXS di Diritto Civile e Penale (FORMATO 2017 VII, pag. 672 + 672 € 21,00" /> 54/20 Ultimissimi Pareri di Diritto Civile - Ultimissimi Pareri di Diritto Penale - Ultimissimi Atti Giudiziari di Diritto Civile, Penale e Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XIII, pag. 384 + 384 + 384 € 25,00</span> 504 Codice Civile e leggi complementari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XLIII, pag. 1888 € 20,00</span> 5/2 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Privato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XIII, pag. 400 € 16,00</span>
A non domino
A quo
A.R.A.N.
Abbandono del minore
Abbandono della cosa
Abbandono di domicilio
Aberratio
Abigeato
Abilitazione
Abitabilità
Abitazione
Abituale
Abitualità criminosa
Abolitio criminis
Aborto
Abrogazione della legge
Abusi familiari
Abusivismo
Abuso
Accertamenti tecnici non ripetibili
Accertamento
Accessione
Accesso
Accessoria
Accessorium sequitur principale
Accettazione
Accollo
Accomandita
Accordi di ristrutturazione dei debiti
Accordo contrattuale
Accrescimento
Acquiescenza
Acquisto
Acquisto a non domino
Actio interrogatoria
Actiones liberae in causa
Ad nutum
Ad quem
Addizioni
Adempimento
Adminicula servitutis
Adozione
Adulterino
Affidamento
Affiliazione commerciale
Affinità
Affitto
Affrancazione del fondo
Agente
Agenzia
Aggiotaggio
Aggravanti
Albergo
Alberi
Albo professionale
Alea
Aleatorio
Alibi
Alienante
Alimenti
Alluvione
Alto tradimento
Alveo abbandonato
Ambasciata
Ambasciatore
Ambiente
Ammenda
Amministratore
Amministrazione
Ammortizzatori sociali
Amnistia
An debeatur
Anagrafe tributaria
Analogia
Anatocismo
Anno giudiziario
Annullamento
Anticipazione bancaria
Antigiuridicità
Antinomia
Antitrust
Apertura della successione
Apertura di credito
Apolidia
Appalto
Apparenza
Appello
Apposizione dei termini
Appropriazione indebita
Aquiliana
Arbitraggio
Arbitrato
Arbitratore
Archiviazione
Arresti domiciliari
Arresto
Arricchimento ingiustificato
Ascendenti
Asilo politico
Aspettativa
Asse ereditario
Assegno
Assemblea costituente
Assemblea dei soci
Assenza
Assicurazione
Assistenza sociale
Associazione
Associazione in partecipazione
Asta pubblica
Attentato alla Costituzione
Attenuanti
Atti osceni
Atti parlamentari
Atto
Attore
Aumento del capitale
Autarchia
Autenticazione
Authority
Autocertificazione
Autodichia
Autodifesa
Autonomia
Autonomie locali
Autore
Autorità amministrative indipendenti
Autorizzazione
Avallo
Avente causa
Avulsione
Avviamento
Avviso di accertamento
Avviso di liquidazione
Avvocato
Avvocatura dello Stato
Azienda
Aziende autonome
Azionariato
Azione


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Abuso (d. civ.)
Categoria generale comprendente ogni ipotesi in cui il diritto soggettivo cessa di ricevere tutela perché è esercitato al di là dei limiti stabiliti dalla legge. L'esercizio del diritto, infatti, deve contemperarsi con le esigenze sociali e realizzarsi nella soddisfazione di un reale interesse. In caso contrario si risolverebbe in una deformazione dello stesso: così abusa del suo diritto il soggetto che, con la sua azione, oltrepassa i limiti entro i quali il diritto è contenuto, talché la sua attività assume i caratteri della illiceità.
() del diritto di proprietà
Si realizza quando il proprietario compie atti di godimento della cosa che non hanno altro scopo se non quello di nuocere o recare molestia ad altri. Il proprietario compie, pertanto, atti emulativi.
Altra ipotesi è costituita dalle immissioni moleste di cui all'art. 844 c.c.
() del potere di rappresentanza
Il rappresentante [Rappresentanza] deve agire nell'interesse del rappresentato (art. 1388 c.c.). Si ha quindi abuso di potere quando il rappresentante, pur fornito di potere di rappresentanza, abbia fatto cattivo uso di esso, agendo per un fine diverso da quello per cui il potere era stato conferito, cioè perseguendo un interesse proprio o di terzi in contrasto con gli interessi del rappresentato.
La legge prevede il fenomeno dell'(—) del potere rappresentativo in due norme, gli artt. 1394 e 1395 c.c., che contemplano le figure del contratto concluso in conflitto di interessi e del contratto con se stesso.
L'abuso deve essere tenuto distinto dall'eccesso di potere, che determina l'applicazione delle disposizioni sul falsus procurator: infatti, mentre in caso di eccesso il rappresentante agisce al di fuori dei poteri conferitigli (ed il negozio è inefficace), nel caso di abuso il rappresentante agisce nell'ambito dei poteri attribuitigli, ma con infedeltà (ed il negozio concluso è annullabile).
() di posizione dominante
Pratica monopolistica consistente nel comportamento dell'imprenditore che, avendo conquistato una posizione di ingente influenza sul mercato, ne abusa con la conseguenza di ostacolare il gioco effettivo della concorrenza (es.: imposizione di condizioni contrattuali particolarmente gravose, disparità di trattamento fra diverse parti contrattuali). L'(—) è vietato sia a livello comunitario sia a livello nazionale: l'elusione di tale divieto comporta la nullità assoluta della fattispecie e sanzioni che possono giungere, nei casi di maggiore gravità, alla sospensione dell'attività di impresa.
() di potere
Si tratta di una circostanza aggravante comune [Aggravanti] prevista dall'art. 61 n. 9 c.p.
Abuso è l'uso del potere oltre i limiti imposti dal diritto; esso deve essere doloso: tale circostanza dunque, in deroga all'art. 59 si applica solo se voluta e non vale per quei reati in cui l'abuso di potere è elemento costitutivo del reato, come ad esempio nei reati dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione (artt. 314 e segg. c.p.).
() d'ufficio (d. pen.)
Commette tale reato (art. 323 c.p.) il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé e ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto.
Soggetto attivo può essere soltanto un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio, configurando un reato proprio [Proprio].
Persona offesa è solo la pubblica amministrazione; secondo altra opinione invece l'(—) avrebbe natura plurioffensiva in quanto tutelerebbe anche l'interesse del privato a non essere turbato nei suoi diritti costituzionalmente garantiti.
La configurabilità del reato è ancorata al verificarsi di un evento di danno, consistente nell'aver procurato a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero nell'aver arrecato ad altri un danno ingiusto, ed alla violazione di norme di legge o di regolamenti realizzata dal pubblico ufficiale o dall'incaricato di pubblico servizio nello svolgimento delle funzioni o del servizio.
Pena: Reclusione da 6 mesi a 3 anni.
() nell'esecuzione del contratto
La violazione della norma che impone la buona fede nell'esecuzione del contratto dà luogo ad un (—): per la precisione, questo si verifica quando un contraente esercita verso l'altro i diritti che gli derivano dalla legge o dal contratto per realizzare uno scopo diverso da quello cui questi diritti sono preordinati.