Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Campo
Capacità sinaptica
Carattere
Carenza
Carica psichica
Caso
Castrazione
CAT
Catalessia
Catarsi
Catatonia
Cattell, James Mckeen
Cattell-test 16 PF
Cenestesico
Censura
Centrale, sistema nervoso
Cerebrale
Cerebrale, emisfero
Cervelletto
Cervello
Charcot, Jean-Martin
Chomsky, Noam
Cibernetica
Ciclotimia
Claustrofobia
Cleptomania
Clima organizzativo
Coaching
Coazione
Cognitiva
Cognitive
Cognitivismo
Cognitivista
Cognitivo
Collettivo
Colloquio
Compensazione
Complesso
Comportamentismo
Comprensione
Compromesso
Compulsione
Compulsiva
Comunicazione
Comunità
Comunità terapeutica
Condensazione
Condizionamento
Condotta
Confabulazione
Conflitto psichico
Confronto sociale
Congruenza
Conscio
Consulenza
Contenimento
Contenuto latente/Contenuto manifesto
Controllo degli impulsi
Controtransfert
Conversione
Conversione
Convulsione febbrile
Convulsiva
Coordinazione
Coping
Coprofagia
Coprofilia
Coprofobia
Coprolagnia
Coprolalia
Coraggio
Corpo
Coscienza
Coscienza
Coscienza dell’Io
Costanza
Counseling
Criminologia
Cubo
Cue



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Balbuzie
Disturbo funzionale della comunicazione verbale che si manifesta essenzialmente sul versante espressivo con alterazioni del ritmo della parola. La b. insorge in presenza di interlocutori e, poiché ostacola le relazioni interpersonali, aumenta difficoltà psicologiche preesistenti, spesso di tipo inibitorio, che, a loro volta, causano gravi disagi sociali. Le forme principali della b. sono due: clonica e tonica. Nella forma clonica (stuttering, per gli anglosassoni) predominano le ripetizioni di fonemi e di sillabe (va- va- vado a pa- passeggio c- c- con con mamma), che interessano, in particolare, la prima sillaba della parola della frase; queste, oltre che involontarie e incoercibili, sono anche variabili, in quanto qualsiasi parola può causare il disturbo, a seconda della situazione in cui viene utilizzata o della posizione che occupa nella frase. Nella forma tonica (stammering, per gli anglosassoni), si producono blocchi che non consentono al soggetto di dare inizio all'emissione della parola o ne interrompono il flusso; tali fenomeni hanno durata variabile e, nei casi più gravi, provocano una tensione generalizzata del corpo, con fissità dello sguardo. Quando il blocco interessa la prima parola di una risposta, l'atteggiamento fisionomico del soggetto si trasforma, per cui sembra che non abbia capito o che non voglia rispondere (ma la mimica testimonia il contrario). In alcuni casi, l'impedimento è così grave che i soggetti possono comunicare solo per iscritto. Nella pratica clinica si incontrano soprattutto forme miste tonico-cloniche, in cui i sintomi dell'una e dell'altra si sommano e si mescolano provocando una notevole disritmia del discorso, che presenta esplosioni, ripetizioni e interruzioni. La struttura melodico-ritmica può risultarne talmente alterata da renderne inintelligibile la parola. Le diverse forme di b. possono presentarsi contemporaneamente o dipendere da alcune situazioni; un particolare turbamento psicologico può favorire la manifestazione della b. tonica. Anche la gravità del disturbo è molto variabile. Vi sono casi in cui la comunicazione verbale è totalmente impossibile, altri in cui è molto discontinua e altri ancora in cui le difficoltà vengono mascherate da forme espressive di compensazione (per es.: eccesso di ridondanza verbale, giri di parole, termini riempitivi come vero, sicuro, certamente, no etc.). Si tratta di procedimenti di attesa e di avvicinamento, utilizzati anche dai soggetti che non soffrono di b. (seppure in forma meno ripetitiva e continuativa) quando si trovano in difficoltà nel formulare il proprio pensiero in modo adeguato e chiaro. Spesso i soggetti balbuzienti non riescono ad emettere determinate parole o determinati suoni, come, in particolare, i fonemi occlusivi, il cui impedimento si può spiegare con la forte tensione muscolare e la fine regolazione espiratoria che richiede la loro articolazione. In genere, però, gli ostacoli non dipendono da reali difficoltà fonetiche, ma sono legati a processi di inibizione psicologica, da cui scaturiscono arresti tonici o condotte verbali dispendiose e, talvolta, contorte (come l'impiego di perifrasi, la ricerca di sinonimi etc.), che servono ad aggirare l'ostacolo e ad evitare la pronuncia della parola o dei suoni proibiti. La b. è molto frequente nei soggetti con ritardo intellettivo. In particolare, ne sono interessati i portatori della sindrome di Down, i quali presentano ipotonia della muscolatura bucco-facciale, difficoltà del controllo respiratorio, labilità emotiva e, soprattutto, una grave insufficienza linguistica, che non si accompagna, però, a riduzione del desiderio di comunicare. In questi soggetti, perciò, la b. potrebbe spiegarsi più che altro come conseguenza di difficoltà nella transizione pensiero-linguaggio. Tra i balbuzienti esistono anche, in grande percentuale, soggetti precoci e particolarmente vivaci dal punto di vista intellettivo, che in genere, però, vivono in ambienti costituiti essenzialmente da adulti, con genitori che li sollecitano continuamente e li stimolano in modo eccessivo. Nei profili psicologici dei soggetti balbuzienti, non si segnalano tratti costanti e specifici. La personalità, tuttavia, è sovente perturbata, perché si costituisce su una base di ansia, di emotività (talvolta con tendenze nevrotiche) e di successivi condizionamenti, legati alle modalità di reazione al disturbo. Nell'adolescenza si assiste spesso al rifiuto dei contatti sociali, perché ai problemi della comunicazione e del linguaggio si aggiungono quelli della crisi puberale, provocando disturbi del carattere, sentimenti di inferiorità e di colpevolezza, reazioni di aggressività etc.; così, nel corso degli anni, tendono ad attuare comportamenti difensivi verso determinati rapporti e situazioni interpersonali: evitano certe persone, di fronte alle quali rimangono in silenzio, oppure certe parole (fobia della parola), che sostituiscono con altre, pensando di poterle emettere più facilmente. Gli adulti spesso sono accentuatamente introspettivi, assai interessati al riconoscimento degli altri e portatori di sentimenti di inferiorità (anche quando hanno successo).