Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span> 332 35 Funzionari Contabili Amministrazione Penitenziaria<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 42,00</span>
WACM
Wage drift
Wagner, Adolph Heinrich G.
Wall street
Walras, Marie Esprit Léon
WAPM
WARP
Warrant
Weintraub, Sidney
Welfare state
Well-behaved
Wharehouse to wharehouse
White Knight
Wicksell, Knut
Wicksteed, Philip
Wieser, Friedrich von
Wildcats
Williamson, modello di
Workfare
World Trade Organization
World-Wide Principle
WTO




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Marginalismo

Termine con cui viene generalmente indicata sia la scuola di pensiero affermatasi nella seconda metà del XIX secolo che il metodo di analisi estesamente utilizzato da vari esponenti di tale scuola (Menger, Jevons, Walras ecc.).
Il nucleo centrale dell'analisi marginalista è da individuare nel rifiuto dell'idea classica (v. Classici) secondo cui il valore (v.) di un bene coincide con il lavoro richiesto per la sua produzione.
Al contrario, generalizzando il concetto ricardiano di rendita differenziale (v.), i marginalisti individuano il valore di un bene nell'utilità marginale (v.) che il consumatore trae dal godimento dello stesso; alla concezione oggettiva del valore della scuola classica viene così a sostituirsi una concezione soggettiva che supera le profonde contraddizioni in cui erano caduti sia Smith (v.) che Ricardo (v.). La determinazione del valore sulla base dell'utilità costituisce il punto di maggior differenziazione dei marginalisti rispetto a quello dei neoclassici (v.) propriamente detti. Questi ultimi, infatti, sulla scorta delle teorie di Marshall (v.) ritengono che il valore di un bene sia determinato congiuntamente dall'utilità e dal costo di produzione.
Poiché il valore di un bene è il risultato di decisioni soggettive del consumatore, è facile desumere che i rapporti di scambio tra i beni saranno, in ultima analisi, determinati dalla preferenza del consumatore e dalla maggiore o minore quantità disponibile di tali beni.
I soggetti economici opereranno scelte razionali attraverso il confronto tra il beneficio che il godimento di un bene può dare ed il costo marginale (v.) sostenuto per ottenere tale bene: solo se il beneficio ottenuto dalla dose marginale (cioè dall'ultima dose consumata) eguaglia il sacrificio aggiuntivo sostenuto si avrà una scelta ottima.
Il metodo marginalista presenta tuttavia un limite, dato dal fatto che l'uguaglianza tra certe grandezze marginali è condizione necessaria e sufficiente per una scelta ottima solo in casi limitati, non sempre riscontrabili nella reale contrattazione di mercato. Fu proprio la consapevolezza dell'esistenza di tale limite ad indurre, negli anni '50, autori come Arrow (v.) e Debreu (v.) ad abbandonare il metodo marginalista in favore di metodi capaci di definire le scelte ottime dei soggetti economici e le configurazioni ottimali della produzione e del consumo in situazioni molto più generali rispetto a quelle che potevano essere trattate con il metodo marginalista.