Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
L6 I Rapporti di Vicinato<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 272 € 38,00</span> L5/A Le Spese di Ristrutturazione negli Immobili Condominiali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 304 € 38,00</span> OP9 Codice del Nuovo Condominio Operativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 IV, pag. 1312 € 76,00</span> L5 Il Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 XV, pag. 816 € 45,00</span> FM204/1 Formulario Commentato del Nuovo Condominio<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 Novità, pag. 352 € 34,00</span> E9/A Codice del Condominio Esplicato - Leggi complementari (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 , pag. 448 € 18,00</span>
Quorum
Quote



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario del Condominio
[vedi anche Tabelle millesimali]

La quota rappresenta una parte ideale ed astratta dell’oggetto della comunione. Nei rapporti interni tra i comunisti essa rappresenta la misura del concorso tanto nei vantaggi quanto nei pesi della comunione (art. 1101, 2° co., c.c.), mentre in quelli esterni costituisce il limite entro il quale il singolo può disporre del diritto comune (art. 1103, 1° co., c.c.). Lo stesso è da dirsi, nel caso degli edifici in condominio, per le quote millesimali di comproprietà. Infatti l’art. 1118, 1° co., c.c., nel definire l’ampiezza del diritto di ciascun partecipante sulle cose comuni, testualmente dispone: «Il diritto di ciascun condòmino sulle cose indicate dall’articolo precedente è proporzionato al valore del piano o porzione di piano che gli appartiene, se il titolo non dispone altrimenti». Va precisato, peraltro, che la facoltà di godimento dei condòmini sopporta dei limiti particolari. In primo luogo, per il principio dell’uso paritario, ciascun partecipante può godere dei beni comuni, purchè non impedisca agli altri condòmini di farne parimenti uso secondo il loro diritto (art. 1102, 1° co, c.c.). In secondo luogo, non è possibile alienare la quota di comproprietà sulle parti comuni dell’edificio separatamente dalle proprietà solitarie, essendo la destinazione funzionale delle prime al servizio delle seconde necessaria e stabile.