Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/A Concorso Scuola dell’Infanzia e Primaria - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 III, pag. 800 € 44,00</span> PK35 Maturità Scienze Umane<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 224 € 9,00</span> W23 Storia del Cinema<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 128 € 8,00</span> W53 Sociologia dell'organizzazione<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2010 , pag. 128 € 8,00</span> W42 Psicologia Clinica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span> W43 Psicologia Sociale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 128 € 9,00</span>
Abbandono
Abbandono
Aberrazione
Abilità
Abituazione
Abitudine
Abnegazione
Abrahm, Karl
Abreazione
Abulia
Accelerazione ideica
Accesso
Accomodamento
Accomodazione
Acculturazione
Acetilcolina
Acquisito
Acting-out
Adattamento
Adattamento
Addestramento
ADHD
Adler, Alfred
Adolescenza
Adrenalina
Adultismo
Adultità
Adulto
Adultomorfismo
Afanisi
Afasia
Affettività
Affettivo
Affetto
Affezione
Affidamento
Affiliazione
Afflizione
Afonia
Afrodisiaco
Agente
Aggiustamento
Aggressione
Aggressività
Agire
Agitazione
Agnosia
Agorafobia
Agrafia
Agrammatismo
Alcolismo
Alessia
Alexitimia
Alfabetizzazione
Alienazione parentale
Alloerotismo
Alloplastico
Allport, Gordon W.
Allucinazione
Allucinogeni
Allucinosi
Alternanza psicosomatica
Alzheimer
Ambieguale
Ambiguità
Ambivalenza
Ambiversione
Ambizione
Amicizia
Amigdala
Amimia
Ammiccamento
Amnesia
Anaclitica
Anaclitica
Anale
Anale
Analisi
Analisi del discorso
Analizzante
Analizzato
Anamnesi
Anancasmo
Androginia
Andropausa
Anedonia
Anencefalia
Anestesia
Anginofobia
Angoscia
Anima
Animazione
Animismo
Animus
Annullamento
Anomia
Anoressia
Anorgasmia
Anormalità
Ansia
Ansia
Ansia di separazione
Ansiolitici
Antagonista
Anticipazione
Antidepressivi
Antipsichiatria
Antipsicotici
Antisociale
Apatia
Appagamento
Apparato psichico
Appercezione
Appiattimento affettivo
Apprendimento
Apprendimento
Apprensione
Approccio
Approvazione
Aprassia
Archetipo
Artificialismo
Arto fantasma
Ascesi
Asimbolia
Aspettativa
Aspirazione
Assenza
Assertività
Assessment/Valutazione
Assimilazione
Assistente sociale
Associazione
Associazionismo
Assone
Astenia
Astinenza
Astinenza
Astrazione
Astuzia
Atarassia
Atassia
Atavismo
Atrofia cerebrale
Attaccamento
Attaccamento
Atteggiamento
Attendibilità
Attenzione
Attitudine
Attività/Passività
Atto educativo
Attrazione/Repulsione
Aura
Autismo
Autismo infantile
Autoaccusa
Autoaffermazione
Autoanalisi
Autocontrollo
Autocoscienza
Autocritica
Autoeducazione
Autoerotismo
Autolesionismo
Automatismo
Automatizzazione
Autonomia funzionale
Autonomia/Eteronomia
Autopunizione
Autorealizzazione
Autorecettori
Autoscopia
Autostima
Autosuggestione
Autosvalutazione
Autovalutazione
Auxologia
Avarizia
Avversivo
Azione



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario di Scienze Psicologiche
Binet, Alfred
(Nizza, 1857 - Parigi, 1911). Fonda il primo laboratorio psicologico francese presso la Sorbona, di cui è direttore dal 1895 fino al 1911. Il suo contributo maggiore è legato allo studio dei test mentali e allo sviluppo della psicologia differenziale. In un lavoro del 1895 condotto insieme a Henry, La psychologie individuelle, pone le basi per lo sviluppo di questo ambito della ricerca psicologica. La psicologia differenziale consiste, secondo B., nello studio della natura e della grandezza delle differenze individuali dei processi psicologici e nella scoperta e classificazione dei tratti di personalità. In un primo momento le sue ricerche ricalcano gli studi sulla craniometria di Broca, ma successivamente, abbandonando l'ipotesi di una relazione incontestabile tra capacità cranica e intelligenza, B. afferma che l'intelligenza non costituisce un'entità statica e immutabile ma è soggetta a notevoli modificazioni. Nel 1905 viene incaricato insieme a Simon dal Ministero della pubblica Istruzione Francese di individuare un metodo per la valutazione dei soggetti con deficit mentali nelle scuole, allo scopo di creare classi differenziali che potessero aiutarli a superare l'handicap. Propone una scala di valutazione dell'intelligenza che, se in seguito superata poiché incentrata sullo studio delle capacità scolastiche, è stata però il fondamento di scale successive, in particolare della WAIS e del WISC di Wechsler. Con questo test, B. introduce il concetto di età mentale che consente, individuate le età mentali medie, di scoprire quanto le capacità di un singolo bambino coincidano con la media della sua classe d'età. Le teorie di B. sull'intelligenza, fondate sull'ipotesi di un'intelligenza di base cui l'istruzione può apportare sostanziali contributi, sono state spesso fraintese. In particolare il suo concetto di intelligenza è semplicisticamente legato a quello dell'ereditarietà e il quoziente di intelligenza è un'entità chiamata intelligenza.