Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
526/4 La prova di INGLESE per i concorsi nella scuola<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 320 € 24,00</span> NE/421 Marescialli Esercito Italiano - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 656 € 29,00</span> NE/421 Marescialli Esercito Italiano - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 , pag. 656 € 29,00</span> MP42 I poteri esecutivi del Fisco<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2012 , pag. 192 € 20,00</span> F31 Guida ai Tributi Regionali<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2012 , pag. 464 € 45,00</span> 38/2 Compendio di Economia degli Intermediari Finanziari<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VII, pag. 208 € 21,00</span> 342/1 Concorso Comune di Roma - 250 Istruttori e 100 Funzionari Amministrativi - Manuale per la prova scritta e orale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 , pag. 512 € 32,00</span>
D.I.A. [Dichiarazione di inizio attività]
D.I.A. [Direzione investigativa antimafia]
D.N.A.
D.O.C.
D.O.P.
Danneggiamento
Danneggiato dal reato
Danno
Danno temuto
Dante causa
Datio in solutum
Dato personale
Datore di lavoro
Dazi doganali
Dazione in pagamento
De cuius
Debito
Debitore
Decadenza
Decartolizzazione
Decentramento amministrativo
Decisione
Decreto
Deduzioni
Deferimento del giuramento
Delazione
Delegazione
Delegificazione
Delibere assembleari
Delinquente abituale
Delinquente per tendenza
Delinquente professionale
Delitto
Demanio
Demansionamento
Democrazia
Denominazione
Denuncia
Depenalizzazione
Deposito
Deputati
Deregulation
Derelizione
Destinazione del padre di famiglia
Desuetudine
Detenuto
Detenzione
Detrazione d’imposta
Devastazione, saccheggio o strage
Devolution
Devoluzione
Diaria
Dibattimento
Dicastero
Dichiarazione
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo
Dies a quo
Dies ad quem
Difensore
Difesa
Difetto di giurisdizione
Diffamazione
Diffida ad adempiere
Dilazione del pagamento
Diligenza
Dimissioni
Dimora
Dipartimenti
Dipendente
Dipendenti pubblici
Dipendenza
Diplomazia
Direttiva
Direttore generale (o city manager)
Direttori generali
Direzione
Direzioni regionali e provinciali del lavoro
Dirigenti
Diritti
Diritto
Discendente
Disconoscimento della paternità
Disconoscimento di scrittura privata
Discovery
Discrezionalità
Discussione
Disdetta
Disegno di legge
Disegno ornamentale
Diseredazione
Disoccupazione
Dispacci
Dispensa dalla collazione
Dispensa dall’imputazione
Disponibile
Dispositivo
Disposizioni
Dissenso politico
Dissociato
Distanze
Distretto giudiziario
Distribuzione
Distruzione e deturpamento di bellezze naturali
Ditta
Diuturnitas
Dividendo
Divieto di espatrio
Divieto di nozze
Divieto di soggiorno
Divieto e obbligo di dimora
Divisione
Divorzio
Documento
Dogana
Dolo
Domanda accessoria
Domanda giudiziale
Domanda riconvenzionale
Domande suggestive
Domicilio
Donazione
Donna
Dont
Doppia imposizione
Doppio binario
Doppio grado di giurisdizione
Dotazione organica
Dottrina
Dovere
Dow Jones
Drenaggio fiscale
Duty free shop


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Accertamento
Negozio di () (d. civ.)
È il negozio con il quale le parti accertano una situazione giuridica preesistente al fine di eliminare lo stato d'incertezza sulla sua effettiva consistenza, fissandone definitivamente l'ambito e gli effetti.
Tale figura non è unanimemente accettata in dottrina, in quanto si eccepisce che il potere accertativo è esclusivo del giudice e non delle parti. Tuttavia, si ritiene in prevalenza che appartenga all'autonomia negoziale delle parti la facoltà di precludere, con un negozio di (—), eventuali controversie derivanti da una incertezza sulla situazione esistente tra loro.
Effetto del negozio di (—) è quello di vincolare le parti a non rimettere in discussione il rapporto che con tale negozio è stato definito.
Le differenze fra negozio di (—) e transazione possono essere agevolmente delineate se si considera che il primo si limita a fotografare e fissare la situazione preesistente, precludendo ogni altra contestazione; con la seconda, invece, le parti vogliono eliminare una lite attuale o potenziale, modificando un rapporto preesistente e facendosi reciproche concessioni col disporre dei propri diritti.
() dell'attivo (d. fall.)
[Liquidazione (dell'attivo)].
() del passivo (d. fall.)
Fase della procedura fallimentare che ha la funzione di verificare quanti creditori esistono e quanti fra loro vantino, nei confronti degli altri, titoli preferenziali. Essa serve ad accertare i crediti ammessi al concorso e quelli di restituzione o rivendicazione di beni mobili o immobili eventualmente in possesso del fallito ma appartenenti a terzi estranei al fallimento. A questo fine, il curatore, esaminate le scritture dell'imprenditore e altre fonti di informazione, comunica senza indugio ai creditori e ai titolari di diritti reali o personali su beni mobili e immobili di proprietà o in possesso del fallito che possono partecipare al concorso depositando nella cancelleria del tribunale domanda di ammissione al passivo
A seguito del deposito delle domande di ammissione al passivo, il curatore predispone elenchi separati dei creditori e dei titolari di diritti su beni mobili e immobili di proprietà o in possesso del fallito, rassegnando per ciascuno le sue motivate conclusioni.
All'udienza fissata per l'esame dello stato passivo, il giudice delegato, con decreto succintamente motivato (novità inserita nell'art. 96 R.D. 267/1942 dal D.Lgs. 169/2007) accoglie in tutto o in parte, respinge o dichiara inammissibile le domande di ammissione al passivo.
Terminato l'esame di tutte le domande, il giudice delegato forma lo stato passivo e lo rende esecutivo con decreto depositato in cancelleria.
() giudiziale della paternità e maternità (d. civ.)
[Dichiarazione (giudiziale di maternità o paternità naturale)].
() tecnico (d. proc. civ.)
Complesso di operazioni dirette a far acquisire al giudice cognizioni tecniche sui fatti di causa, di cui egli non ha la conoscenza (ad esempio verifica dello stato di fatiscenza di un edificio) o a fornire elementi di supporto nella valutazione di prove già acquisite (art. 696 c.p.c.).
Oggetto dell'(—) o dell'ispezione giudiziale preventiva è evitare che si disperdano gli elementi di prova utilizzabili nel giudizio di merito perché deteriorati o modificati.
Il legislatore è intervenuto con il cd. decreto competitività (D.L. 35/2005, conv. in L. 80/2005) per ammettere l'(—) e l'ispezione giudiziale anche sulla persona dell'istante e sulla persona nei cui confronti è proposta l'istanza, sempre che ne ricorra l'urgenza. Inoltre, il decreto competitività ha ammesso che l'accertamento tecnico possa comprendere anche valutazioni in ordine alle cause e ai danni relativi all'oggetto della verifica.
() tecnico (d. proc. pen.)
Nel caso delle indagini preliminari possono rendersi necessarie particolari investigazioni che richiedano competenze tecniche specifiche. Al riguardo il c.p.p. prevede varie categorie di (—):
a) quelli urgenti su luoghi, cose o persone, che sono di competenza della polizia giudiziaria quando vi sia il pericolo di alterazioni o modificazioni (art. 354 c.p.p.);
b)  quelli che, per analoghi motivi, può effettuare il P.M., seguendo la particolare procedura descritta nell'art. 360 c.p.p. [Accertamenti tecnici non ripetibili];
c) quelli che rientrano nel naturale svolgimento dell'indagine e sono suscettibili di reiterazione (art. 359 c.p.p.).
Si tratta di attività che, per le peculiari caratteristiche valutative, vengono svolte da esperti (definiti dal codice consulenti tecnici [Consulenza tecnica]) e che, per le ipotesi sub a) e b), entrano a far parte del fascicolo per il dibattimento (art. 431 c.p.p.), potendo, quindi, utilizzarsi ai fini della decisione. A cagione di ciò, la legge esige in tali casi la forma del verbale (art. 373, co. 1, lett. e); art. 357 co. 2, lett. e), c.p.p.) mentre per quelli ripetibili il P.M. può redigere un verbale in forma riassuntiva o, nei casi di (—) di modesta entità, mere annotazioni (art. 373 c.p.p.).