Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span>
Ebro
Edìcta ad populum
Edicta ad præfectos prætorio
Edicta Diocletiàni de Christiànis
Edicta Iustiniàni
Edicta prìncipum
Edictum
Edictum Carboniànum
Edictum Claudii de falsàriis
Edictum Claudii de Latìnis
Edictum de altèrutro
Edictum de coniungèndis cum emancipàto lìberis èius
Edìctum de incèndio ruina naufragio rate nave expugnata
Edictum de publicanis
Edictum de turba
Edictum Diocletiàni de prètiis rèrum venàlium
Edictum Luculli
Edìctum peregrìnum
Edictum perpètuum
Edictum prìncipis
Edictum provinciàle
Edictum prætòrium
Edictum repentìnum
Edictum Theodorìci
Edìctum ædìlium curùlium
Edìtio actiònis
Editto di Tiberio Coruncanio
Efficacia del negozio
Effùsum vel deièctum
Egitto
Ei incùmbit probatio qui dicit: non qui negat
Elagàbalo
Elèctio amici
Elementi accidentali della formula
Elio Peto
Emancipàtio
Emancipatio Anastasiàna
Emancipatio per rescrìptum prìncipis
Emancipàtio per tàbulas
Emendàtio libèlli
Emilia (via)
Emiliano
Emphyteusis
Èmptio non tòllit locàtum
Emptio rèi speratæ
Emptio spèi
Emptio-vendìtio
Emptor
Èmptor bonòrum
Èmptor famìliæ
Enchirìdion
Endoploràtio
Ephèmeris
Epibolé
Epiro
Episcopàlis audièntia
Epistolario
Epìstulæ
Epìtome Gai
Epìtome Iuliàni
Epìtome iùris
Equi
Èquites
Eraclea (Battaglia di)
Ereptio del relictum
Èrga òmnes
Ermogeniano
Erràntis nulla volùntas est
Èrror
Èrror commùnis ius fàcit
Èrror in còrpore
Èrror in demonstratiòne
Èrror in negòtio
Èrror in nòmine
Èrror in persona
Èrror in qualitàte
Èrror in substàntia
Errore ostativo
Errore sui motivi
Erròres in iudicàndo; erròres in procedèndo
Erroris probàtio
Erus
Esecuzione
Esistenza
Esogamia
Espropriazione per pubblica utilità
Esquilino
Essentiàlia negòtii
Etruria
Etruschi
Eudossio
Eugenio
Eurico
Evasione
Evèntus dàmni
Evìctio
Evocàtio
Ex abrùpto
Ex facto òritur ius
Ex iùre Quirìtium
Ex lège
Ex mòre
Ex nòvo
Ex nunc
Ex recèpto
Ex tunc
Excèptio
Exceptio dòli
Exceptio in rem scrìpta
Excèptio inadimplèti contràctus
Exceptio iurisiuràndi
Exceptio iusti domìnii
Exceptio lègis Lætòriæ
Exceptio lìtis divìduæ
Exceptio mètus
Exceptio non numeràtæ pecùniæ
Exceptio non rìte adimplèti contràctus
Excèptio pàcti
Exceptio plùrium concumbèntium
Exceptio præiudiciàlis
Excèptio rèi iudicàtæ (vel in iudicium dedùctæ)
Exceptio rèi vènditæ et tràditæ
Excèptio senatusconsùlti Macedoniàni
Exceptiònes dilatòriæ
Exceptiones peremptòriæ
Exceptiones perpètuæ
Excusàtio tutòris
Exèrcitor nàvis
Exercitus centuriàtus
Exheredàtio
Exìlium
Expensilàtio
Expilàta herèditas
Expilàtio
Exposìtio
Expromìssio
Exsecùtor
Ezio (Flavio)



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Negozio giuridico

Il (—) può essere definito come quell’atto giuridico lecito i cui effetti non sono predeterminati dalla legge, ma sono liberamente determinabili dalle parti, in conformità alla volontà espressa ed alla causa, cioè al fine economico-sociale che l’atto è obiettivamente capace di raggiungere.
Il diritto romano non ebbe consapevolezza del concetto di negozio giuridico e non ne elaborò una teoria generale che è, invece, frutto della dottrina tedesca del secolo scorso; mancò del tutto l’elaborazione di una figura generale a cui fossero riconducibili tutti gli atti giuridici volontari. I giuristi romani si limitarono ad approfondire le tematiche relative a singoli tipi di negozio giuridico, senza percepire l’appartenenza di ciascuno al gènus [vedi]). Purtuttavia, l’approfondimento dogmatico anzidetto portò all’individuazione di elementi suscettibili di generale applicazione per tutti i negozi giuridici: si pensi alla condizione (condìcio), al termine (dìes) od ai vizi della volontà come dolo, violenza ed errore, suscettibili di inficiare ogni atto giuridico.
Secondo parte della dottrina, furono anche individuati i requisiti fondamentali di validità, tendenzialmente propri di ogni (—):
possibilità dell’oggetto, che doveva essere in rerum natura (non era, ad es., valida una stipulàtio [vedi] avente ad oggetto una cosa già distrutta da un incendio);
liceità: lo scopo perseguito doveva essere lecito ossia consentito dall’ordinamento giuridico (non era, ad es. valida una stipulatio da cui derivassero limiti alla libertà testamentaria);
legittimazione: ciascun soggetto poteva compiere soltanto negozi giuridici riguardanti la propria sfera giuridica;
alternatività degli effetti: i negozi giuridici potevano produrre soltanto effetti reali od obbligatori.
Caratteristica del diritto romano fu la distinzione tra negozi iùre civili e negozi iure honorario (o prætorio), a seconda che fossero previsti dal ius civile [vedi] o, invece, manifestazioni di volontà che, pur se non produttive di effetti giuridici per il ius civile, creavano situazioni protette dal ius honorarium [vedi], cioè dal pretore nell’esercizio della sua funzione giurisdizionale (esempio tipico di negozio iure honorario era il pactum de non petèndo [vedi]).
Ai negozi iure civili i Romani contrapponevano anche i negotia iuris gèntium [vedi ius gentium]: i primi, tutti atti solenni, potevano essere stipulati solo da e fra cittadini romani; i secondi anche dai peregrini [vedi].
Anche in diritto romano, come nel diritto vigente, si distingueva tra:
— negozi unilaterali e bilaterali;
— negozi solenni e non solenni;
— negozi causali ed astratti;
— negozi inter vivos e mortis causa [vedi].