Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di ContabilitÓ e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 Ç 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 Ç 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 Ç 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 Ç 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 Ç 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 Ç 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 Ç 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 Ç 8,00</span>
RÓmnes
Rapina
Rappresentanza
Ratihabýtio
Ratihabýtio mandÓto comparÓtur
RÓtio lŔgis o iuris
RationÓles summÓrum
Raud¨sculum
Reati ed illeciti
RŔbus sic stÓntibus
ReceptÓtio
RecŔptio appellati˛nis
RecŔptum arbýtrii
Receptum argentÓrii
RecŔptum caup˛num, nautÓrum, stabularior¨mque
Receptum nautÓrum
Receptum stabulari˛rum
Reciperatores
RŔcta rÓtio
Rect˛res
Recuperat˛res (vel reciperat˛res)
RedŔmptio ab h˛stibus
RedŔmptus ab h˛stibus
Red¨ctio ad ŠquitÓtem
Referendum
ReformÓtio in pŔius
Regif¨gium
Regillo (Battaglia del lago)
Regula CatoniÓna
RŔi vindicÓtio
ReiŔctio civitÓtis
RelegÓtio in ýnsulam
Relýctum
RelocÓtio tacita
Remýssio pýgnoris
Remýssio servit¨tis
Remissio ususfr¨ctus
Rem˛tio tut˛ris
RenuntiÓtio
Repetýtio
Repetitio de m˛ribus
Repetitio ususfr¨ctus
Repet¨ndŠ
ReplicÓtio
ReprobÓtio
Repromýssio
Rep¨dium
RŔrum communicÓtio
Res
Res accessorie
Res am˛tŠ
Res comm¨nes ˛mnium
Res composte (re quŠ distantibus constant)
Res consumabili (res quŠ usu consumuntur)
Res corporÓles
Res CottidiÓnŠ
Res derelýctŠ
Res deteriorabili
Res divýni i¨ris
Res divisibili
Res extra commŔrcium
Res extra patrim˛nium
Res fruttýfere
Res fungibili
Res furtývŠ
Res h˛stium
Res humÓni i¨ris
Res immobiles
Res in commercio
Res in iudicium deducta
Res in patrimonio
Res inconsumabili
Res incorporÓles
Res indivisibili
Res infruttifere
Res infungibili
Res invŔntŠ in lýtore mÓris
Res iudicata
Res litigiosa
Res mÓncipi
Res m˛biles
Res nec mÓncipi
Res nullýus
Res omogenee
Res pŔrit d˛mino
Res p˛puli
Res principales
Res privatŠ
Res publicŠ
Res quŠ in genere functionem recipiunt
Res quŠ pl¨ribus inter se cohŠrŔntibus c˛nstant
Res quŠ pluribus inter se distÓntibus constant
Res quŠ p˛ndere, numero, mens¨ra consýstunt
Res quŠ tangi non possunt
Res quŠ tÓngi p˛ssunt
Res quŠ uno spýritu continŔntur
Res religiosŠ
Res sacrŠ
Res sÓnctŠ
Res semplici
Res sperata
Res universitÓtis
Res uxoriŠ
Res vi possŔssŠ
Rescrýpta prýncipum
Rescriptum Domitiani de medicis (vel de immunitÓtibus medic˛rum)
Rescriptum Severi et CaracallŠ de prŠscripti˛ne longi tŔmporis
ReservÓtio mŔntis
Resol¨tio mandÓti
Resoluto i¨re dÓntis, res˛lvitur et ius accipiŔntis
RespondŔre ex auctoritÓte prýncipis
Resp˛nsa prudŔntium
ResponsabilitÓ ex recŔpto
Resp˛nsum
Restit¨tio in ýntegrum
Restitutio natÓlium
RetŔntio d˛tis
Retentio pr˛pter impŔnsas
RetŔntio propter lýberos
RetŔntio propter m˛res
RetŔntio propter res am˛tas
Retentio propter res donÓtas
Retratto litigioso
Reus
Reus in excipiŔndo fit Óctor
ReverŔntia coniugÓlis
RevŔrsio ad d˛minum
Revýsio per saltum
RevocÓtio in servit¨tem
Rex
Rex sacrifýculus
Ricimero
Riduzione del negozio giuridico
RogÓtio
Rogatio legis
Rogatio sempronia de civitÓte s˛ciis danda
Rogati˛nes per sÓturam
Roma (scuola di)
RomaikŔ archaiologhýa
Romolo
Romolo Augustolo
Rubicone
Rubrýca lŔgis non est lex
Rupilio P.
Rutilio Rufo
R¨tum et cŠsum
RŠtia



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Negozio giuridico

Il (Ś) pu˛ essere definito come quellĺatto giuridico lecito i cui effetti non sono predeterminati dalla legge, ma sono liberamente determinabili dalle parti, in conformitÓ alla volontÓ espressa ed alla causa, cioŔ al fine economico-sociale che lĺatto Ŕ obiettivamente capace di raggiungere.
Il diritto romano non ebbe consapevolezza del concetto di negozio giuridico e non ne elabor˛ una teoria generale che Ŕ, invece, frutto della dottrina tedesca del secolo scorso; manc˛ del tutto lĺelaborazione di una figura generale a cui fossero riconducibili tutti gli atti giuridici volontari. I giuristi romani si limitarono ad approfondire le tematiche relative a singoli tipi di negozio giuridico, senza percepire lĺappartenenza di ciascuno al gŔnus [vedi]). Purtuttavia, lĺapprofondimento dogmatico anzidetto port˛ allĺindividuazione di elementi suscettibili di generale applicazione per tutti i negozi giuridici: si pensi alla condizione (condýcio), al termine (dýes) od ai vizi della volontÓ come dolo, violenza ed errore, suscettibili di inficiare ogni atto giuridico.
Secondo parte della dottrina, furono anche individuati i requisiti fondamentali di validitÓ, tendenzialmente propri di ogni (Ś):
Ś possibilitÓ dellĺoggetto, che doveva essere in rerum natura (non era, ad es., valida una stipulÓtio [vedi] avente ad oggetto una cosa giÓ distrutta da un incendio);
Ś liceitÓ: lo scopo perseguito doveva essere lecito ossia consentito dallĺordinamento giuridico (non era, ad es. valida una stipulatio da cui derivassero limiti alla libertÓ testamentaria);
Ś legittimazione: ciascun soggetto poteva compiere soltanto negozi giuridici riguardanti la propria sfera giuridica;
Ś alternativitÓ degli effetti: i negozi giuridici potevano produrre soltanto effetti reali od obbligatori.
Caratteristica del diritto romano fu la distinzione tra negozi i¨re civili e negozi iure honorario (o prŠtorio), a seconda che fossero previsti dal ius civile [vedi] o, invece, manifestazioni di volontÓ che, pur se non produttive di effetti giuridici per il ius civile, creavano situazioni protette dal ius honorarium [vedi], cioŔ dal pretore nellĺesercizio della sua funzione giurisdizionale (esempio tipico di negozio iure honorario era il pactum de non petŔndo [vedi]).
Ai negozi iure civili i Romani contrapponevano anche i negotia iuris gŔntium [vedi ius gentium]: i primi, tutti atti solenni, potevano essere stipulati solo da e fra cittadini romani; i secondi anche dai peregrini [vedi].
Anche in diritto romano, come nel diritto vigente, si distingueva tra:
Ś negozi unilaterali e bilaterali;
Ś negozi solenni e non solenni;
Ś negozi causali ed astratti;
Ś negozi inter vivos e mortis causa [vedi].