Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
M-D-M
M-Form
M1, M2, M3
MA
Maastricht
Macrodato
Macroeconomia
MAD
Maggioranza, paradosso della
Mali
Malinvaud, Edmond
Malthus, Thomas Robert
Malthusianesimo
Management
Manchesterismo
Manifesto di carico
Mano invisibile
Manovra di bilancio
Mansioni
Mantissa
Mappa d'indifferenza
Marca
Marché à terme des instruments financiers
Marginal cost pricing
Marginal lending facilities
Marginalismo
Margine delle fluttuazioni
Mark up
Market maker
Market oriented
Marketing
Marketing audit
Marketing concentrato
Marketing dei servizi
Marketing differenziato
Marketing indifferenziato
Marketing industriale
Marketing internazionale
Marketing mix
Marketing operativo
Marketing strategico
Markov, catena di
Markowitz, Harry
Marris, teoria dell'impresa di
Marshall - Lerner, condizione di
Marshall, Alfred
Marx, Karl
Marxisti
Massima verosomiglianza, metodo della
Massimale sugli impieghi
Massimi e minimi
Massimizzazione
Massimizzazione del profitto
Matematica finanziaria ed attuariale
Materie prime
MATIF
Matrice
Matrice delle varianze e covarianze
Matrice delle vendite
Matrice payoff
Maturità economica
Maximin
MBO
MCW
Meade, James Edward
Media
Media aritmetica
Media armonica
Media campionaria
Media geometrica
Media mobile
Media mobile [modello]
Media planning
Media ponderata
Mediana
Menger, Karl
Menu costs
Mercantilismo
Mercati contendibili
Mercati d'asta
Mercati efficienti, teoria dei
Mercati regolamentati
Mercato
Mercato a pronti
Mercato a termine
Mercato after hours
Mercato aperto
Mercato comune
Mercato comune bancario
Mercato Comune del Cono Sud dell'America Latina
Mercato comune europeo
Mercato dei cambi
Mercato dei capitali
Mercato del lavoro
Mercato di sportello
Mercato diretto
Mercato finanziario
Mercato grigio
Mercato interbancario
Mercato interno
Mercato italiano dei futures
Mercato locale
Mercato mobiliare
Mercato monetario
Mercato nero
Mercato non regolamentato
Mercato obbligazioni e titoli
Mercato parallelo
Mercato primario
Mercato privato
Mercato ristretto
Mercato secondario
Mercato telematico azionario
Mercato telematico dei contratti a premio
Mercato telematico dei covered warrant
Mercato telematico delle euro-obbligazioni
Mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato
Mercato telematico secondario dei titoli di Stato
Mercato valutario
Merce
Merchandising
Merchant bank
Merci a dogana
Merci a dogana controllata
Merci a licenza
MERCOSUR
Merit goods
Merton, Robert K.
MES
Meso-economia
Metodi di ricampionamento
Metodo Cross-validation
Metodo dei fattori chiave
Metodo dei minimi quadrati
Metodo dei momenti
Metodo della massima verosomiglianza
Metodo Delphi
Metodo Jackknife
Metodo Monte Carlo
Metzler, Lloyd
Mezzi di produzione
MIB
MIB 30
MIBTEL
Microdato
Microeconomia
Microimpresa
Midex
MIF
MIGA
Miglioramento paretiano
Mill, John Stuart
Miller, Merton
Mincomes
Minimax
Minimi quadrati, metodo dei
Minimizzazione
Minimo
Minimum tax
Ministero del bilancio e della programmazione economica
Ministero del commercio con l'estero
Ministero del tesoro
Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica
Ministero dell'economia e delle finanze
Ministero delle finanze
Minsky, Hyman P.
Mir
Mirless, James A.
Mises, Ludwig von
Mishan, Ezra
Mitbestimmung
MITI
Mobilità
Mobilità dei capitali
Mobilizzazione della riserva obbligatoria
Moda
Modalità
Modelli a ritardi distribuiti
Modelli ARIMA
Modelli armonici
Modelli cross-section
Modelli econometrici
Modelli lineari
Modelli linearizzabili
Modelli polinomiali
Modelli VAR
Modello
Modello deterministico
Modello di Cournot
Modello di Mundell-Fleming
Modello di oligopolio di Sylos-Labini
Modello di regressione
Modello di regressione multipla
Modello di regressione semplice
Modello di Stackelberg
Modello di sviluppo di Harrod
Modello di Tiebout
Modello di Williamson
Modello dinamico
Modello economico
Modello in forma ridotta
Modello in forma strutturale
Modello inglese
Modello Logit
Modello Probit
Modello statico
Modello statistico
Modello stocastico
Modello tedesco
Modigliani, Franco
Modigliani-Miller, teorema di
Moltiplicatore
Moltiplicatore degli investimenti
Moltiplicatore dei depositi
Moltiplicatore del credito
Moltiplicatore del gettito fiscale
Moltiplicatore della spesa pubblica
Moltiplicatore delle esportazioni
Momenti
Momenti, metodo dei
Moneta
Moneta ad alto potenziale
Moneta bancaria
Moneta commerciale
Moneta elettronica
Moneta legale
Moneta merce
Moneta precauzionale
Moneta segno
Moneta speculativa
Moneta sussidiaria
Moneta transattiva
Monetaristi
Monetizzazione del disavanzo pubblico
Monometallismo
Monopolio
Monopolio bilaterale
Monopolio fiscale
Monopolio legale
Monopolio naturale
Monopsonio
Montante
Monte Carlo, metodo
Monte salari
Monti di credito su pegno
Monti di pietà
Moody's
Morag, teorema di
Moral hazard
Morgenstern, Oscar
Mortalità, quoziente di
MOT
Movimenti di capitale
Movimento della popolazione
Movimento migratorio
MTA
MTM
MTS
Multicollinearità
Multidimensional scaling
Multifibre, accordo
Multilateral investment guarantee agency
Multilateralismo
Multinazionale
Mundell, Robert Alexander
Mutabili
Mutabilità, indici di
Mutua variabilità
Myrdal, Karl Gunnar




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Modello di Mundell-Fleming

Modello di tipo keynesiano che costituisce un'estensione del modello IS-LM (v.) ad un'economia aperta.
In un'economia aperta, in cui si suppone che i prezzi interni e internazionali siano fissi, la curva IS tiene conto anche delle esportazioni e delle importazioni di beni.
Le esportazioni, poiché abbiamo assunto che i tassi di cambio sono fissi, dipendono soltanto dalle decisioni di acquisto del resto del mondo (legate, ad esempio, alla variazione dei gusti dei consumatori stranieri all'aumento del loro reddito).
Anche le importazioni condizionano la produzione e il reddito nazionale. In generale, le importazioni di un paese crescono al crescere del reddito: il che significa che se il reddito delle famiglie aumenta, una parte di questo reddito viene destinata all'acquisto di prodotti stranieri, incrementando quindi le importazioni.
La differenza tra importazioni ed esportazioni rappresenta il saldo di parte corrente della bilancia dei pagamenti, ed è detta bilancia commerciale (v.).
Un ulteriore elemento di cui Mundell e Fleming tengono conto nel loro modello è l'altra componente della bilancia dei pagamenti, rappresentata dai movimenti di capitale (v.). Gli spostamenti di capitale e quindi le decisioni di investire nel proprio paese o in un paese straniero dipendono dal tasso di interesse: a parità di ogni altra condizione, infatti, gli investitori spostano i loro capitali laddove i rendimenti sono più elevati.
La bilancia dei pagamenti, che indichiamo con BP, nel suo complesso è la somma algebrica tra il saldo della bilancia commerciale e il saldo dei movimenti di capitali.
In condizioni di equilibrio le due componenti di parte corrente e di conto capitale si compensano perfettamente e quindi abbiamo che BP = 0. Poiché le importazioni crescono al crescere del reddito e l'afflusso dei capitali cresce al crescere del tasso di interesse, possiamo rappresentare graficamente la curva BP di equilibrio con una retta crescente (figura a).
Tutti i punti che si trovano sulla retta BP esprimono possibili combinazioni di tassi di interesse e di livelli di produzione/reddito per cui la bilancia dei pagamenti è in equilibrio: il punto A, ad esempio, definisce una condizione di equilibrio della bilancia dei pagamenti, o equilibrio esterno, associata al tasso di interesse i0 e al livello di reddito Y0.
In sintesi: tutti i punti a destra della retta BP identificano un passivo della bilancia dei pagamenti. Per ritornare ad una condizione di equilibrio esterno, partendo dal punto C nel grafico, è allora necessario che i tassi di interesse aumentino favorendo l'afflusso di capitali (ad esempio spostandoci nel punto D) oppure che il reddito nazionale diminuisca e con esso si riducano le importazioni (tornando, in tal caso, nel punto A).
In modo del tutto simile tutti i punti che si collocano a sinistra della curva BP determinano un avanzo della bilancia dei pagamenti (BP > 0).
Se al tradizionale schema IS-LM si sovrappone la curva rappresentante l'equilibrio dei conti con l'estero può aversi una situazione come quella in figura b.
Nel grafico proposto, E' rappresenta un punto di equilibrio sia interno che esterno. Tuttavia, perché lo stato di duplice equilibrio non abbia conseguenze indesiderate nell'economia (recessione o inflazione) è necessaria una politica economica adeguata.
Secondo Mundell e Fleming l'efficacia delle due principali politiche cui i governi fanno ricorso, quella fiscale e quella monetaria, è strettamente legata al regime di cambi vigente e al grado di mobilità internazionale dei capitali.
In particolare in regime di cambi fissi si ha che:
— la politica fiscale è tanto più efficace quanto più è elevato il grado di mobilità dei capitali. Quest'ultima, infatti, influisce in modo determinante sulla quantità di moneta in circolazione;
— la politica monetaria è totalmente inefficace, se vi è un elevato grado di mobilità di capitali. Quest'ultima infatti determina consistenti e rapidi deflussi o afflussi di capitale.
In regime di cambi flessibili si ha che:
— la politica fiscale è tanto meno efficace quanto più è elevata la mobilità dei capitali.
Così ad esempio se in un Paese crescesse la spesa pubblica aumenterebbe il reddito nazionale ma anche i tassi di interesse. Se i tassi di interesse sono più elevati rispetto al resto del mondo vi sarà un afflusso di capitali, una maggior domanda di valuta nazionale e quindi una pressione sul tasso di cambio che porterà ad un apprezzamento della moneta nazionale; ciò significa, però, perdita di competitività, riduzione delle esportazioni ed aumento delle importazioni; il disavanzo di parte corrente, infatti, viene compensato da un afflusso di capitali (la bilancia dei pagamenti, come sempre, è in equilibrio) ma la produzione di equilibrio non è aumentata: vi è stata solo una variazione della composizione della domanda (è aumentata la spesa pubblica la quale però ha «spiazzato» le esportazioni nette);
— la politica monetaria mantiene un certo grado di efficacia. In particolare, una politica monetaria espansiva (ad esempio, un aumento dell'offerta di moneta che determina una riduzione dei tassi di interesse) equivale a svalutare il tasso di cambio e, rendendo più competitiva la produzione nazionale, permette di aumentare le esportazioni e quindi la produzione di equilibrio.
Se infatti i tassi di interesse sono più bassi ci sarà un deflusso di capitali verso l'estero poiché gli investitori sposteranno i loro investimenti in paesi che offrono remunerazioni maggiori; ciò comporta una minor domanda di valuta nazionale e quindi una pressione sul tasso di cambio che si svaluterà; la svalutazione rende più competitiva l'economia nazionale, le esportazioni aumentano e con esse anche la produzione di equilibrio. Una politica monetaria espansiva determina indirettamente una svalutazione, migliorando da un lato il saldo delle partite correnti e dall'altro la produzione di equilibrio e quindi l'occupazione.