Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
217maior Elementi Maior di Diritto Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XXVII, pag. 336 € 16,00</span> C101 Codice Civile esteso (CM1) + Codice Penale esteso (CM3)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 , pag. 2144 + 1632 € 164,00</span> CM1 Codice Civile esteso<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 2144 € 85,00</span> 54/21 Manuali XXS di Diritto Civile e Penale (FORMATO 2017 VII, pag. 672 + 672 € 21,00" /> 54/20 Ultimissimi Pareri di Diritto Civile - Ultimissimi Pareri di Diritto Penale - Ultimissimi Atti Giudiziari di Diritto Civile, Penale e Amministrativo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 XIII, pag. 384 + 384 + 384 € 25,00</span>
A non domino
A quo
A.R.A.N.
Abbandono del minore
Abbandono della cosa
Abbandono di domicilio
Aberratio
Abigeato
Abilitazione
Abitabilità
Abitazione
Abituale
Abitualità criminosa
Abolitio criminis
Aborto
Abrogazione della legge
Abusi familiari
Abusivismo
Abuso
Accertamenti tecnici non ripetibili
Accertamento
Accessione
Accesso
Accessoria
Accessorium sequitur principale
Accettazione
Accollo
Accomandita
Accordi di ristrutturazione dei debiti
Accordo contrattuale
Accrescimento
Acquiescenza
Acquisto
Acquisto a non domino
Actio interrogatoria
Actiones liberae in causa
Ad nutum
Ad quem
Addizioni
Adempimento
Adminicula servitutis
Adozione
Adulterino
Affidamento
Affiliazione commerciale
Affinità
Affitto
Affrancazione del fondo
Agente
Agenzia
Aggiotaggio
Aggravanti
Albergo
Alberi
Albo professionale
Alea
Aleatorio
Alibi
Alienante
Alimenti
Alluvione
Alto tradimento
Alveo abbandonato
Ambasciata
Ambasciatore
Ambiente
Ammenda
Amministratore
Amministrazione
Ammortizzatori sociali
Amnistia
An debeatur
Anagrafe tributaria
Analogia
Anatocismo
Anno giudiziario
Annullamento
Anticipazione bancaria
Antigiuridicità
Antinomia
Antitrust
Apertura della successione
Apertura di credito
Apolidia
Appalto
Apparenza
Appello
Apposizione dei termini
Appropriazione indebita
Aquiliana
Arbitraggio
Arbitrato
Arbitratore
Archiviazione
Arresti domiciliari
Arresto
Arricchimento ingiustificato
Ascendenti
Asilo politico
Aspettativa
Asse ereditario
Assegno
Assemblea costituente
Assemblea dei soci
Assenza
Assicurazione
Assistenza sociale
Associazione
Associazione in partecipazione
Asta pubblica
Attentato alla Costituzione
Attenuanti
Atti osceni
Atti parlamentari
Atto
Attore
Aumento del capitale
Autarchia
Autenticazione
Authority
Autocertificazione
Autodichia
Autodifesa
Autonomia
Autonomie locali
Autore
Autorità amministrative indipendenti
Autorizzazione
Avallo
Avente causa
Avulsione
Avviamento
Avviso di accertamento
Avviso di liquidazione
Avvocato
Avvocatura dello Stato
Azienda
Aziende autonome
Azionariato
Azione


Tutte le voci sono tratte dal Nuovo Dizionario Giuridico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Giuridico
Accessione (d. civ.; d. amm.)
È un modo di acquisto della proprietà a titolo originario, in base al quale appartiene al proprietario del fondo qualunque piantagione, costruzione od opera esistente sotto o sopra di esso. Ciò avviene automaticamente e senza la necessità di una manifestazione di volontà del soggetto acquirente. Requisito necessario per l'acquisto della proprietà è la definitiva incorporazione dell'opera al suolo, così che il materiale adoperato venga a perdere la propria individualità. Tale acquisto si verifica, in omaggio al principio della prevalenza, sempre a favore del proprietario della cosa principale (accessorium sequitur principale).
Fattispecie di (—) tipicamente previste riguardano:
— opere fatte dal proprietario del suolo con materiali altrui (art. 935 c.c.). In questo caso l'acquisto si verifica se la separazione non è chiesta, entro 6 mesi dalla notizia dell'incorporazione, dal proprietario dei materiali o se essa non può farsi senza grave danno. Il proprietario del suolo, in caso di acquisto, è tenuto al pagamento del valore dei materiali nonché, in ogni caso, al risarcimento dei danni derivanti da colpa grave;
— opere fatte da un terzo con materiali propri (art. 935 c.c.). In questo caso il proprietario del suolo può decidere di ritenere le opere eseguite, restando obbligato al pagamento, a sua scelta, del valore dei materiali e del prezzo della mano d'opera ovvero dell'aumento di valore recato al fondo. Il proprietario del suolo, entro 6 mesi dal giorno della notizia dell'incorporazione, può chiedere la rimozione delle opere, a spese dell'autore, a meno che esse siano state fatte a sua scienza e senza opposizione ovvero siano state realizzate dal terzo in buona fede;
— opere fatte da un terzo con materiali altrui (art. 937 c.c.). In questo caso l'acquisto per (—) opera se il proprietario dei materiali non li rivendica, entro 5 mesi dal giorno della notizia dell'incorporazione, o se la separazione comporterebbe un grave danno. In caso di acquisto, il terzo che ha fatto uso dei materiali e il proprietario del suolo in malafede sono tenuti al pagamento di un'indennità pari al valore dei materiali.
Si distinguono, inoltre, le seguenti ipotesi di (—):
 di mobile a immobile (artt. 935-938 c.c.);
— di immobile a immobile, che ricorre nelle ipotesi di alluvione e avulsione (artt. 941-947 c.c.);
— di mobile a mobile, ad esempio nella ipotesi di unione e commistione (art. 939 c.c.).
() invertita
Si tratta di un modo di acquisto della proprietà a titolo originario che opera in modo inverso a quello dell'accessione, e dunque in deroga alla regola generale secondo cui qualunque costruzione esistente sopra o sotto il suolo appartiene al proprietario di questo (quod inaedificatur solo cedit).
Si verifica l'(—) invertita quando nella costruzione di un edificio si occupa in buona fede una porzione del fondo attiguo ed il proprietario di questo non fa opposizione entro tre mesi dal giorno in cui ebbe inizio la costruzione (art. 938 c.c.). In tal caso, l'autorità giudiziaria, tenuto conto delle circostanze, può attribuire al costruttore la proprietà dell'edificio e del suolo occupato. Il costruttore è, però, tenuto a pagare al proprietario del suolo il doppio del valore della superficie occupata, oltre al risarcimento dei danni.
() invertita della Pubblica Amministrazione
La giurisprudenza ha elaborato la figura dell'accessione invertita (o occupazione appropriativa), che ricorre quando la pubblica amministrazione occupa sine titulo (per difetto originario del provvedimento di occupazione o per sua scadenza) un suolo di proprietà di un privato realizzandovi un'opera di pubblico interesse (scuole, impianti sportivi etc.). L'acquisto della proprietà da parte della P.A. avviene nel momento in cui si ha l'irreversibile trasformazione del suolo. Si parla di accessione invertita perché non è l'edificio che accede al suolo, ma il suolo che accede all'edificio (ossia, che diventa di proprietà della pubblica amministrazione proprietaria dell'opera pubblica).
La Corte europea dei diritti dell'uomo, nel 2000, ha ritenuto l' (—) invertita contrastante con il principio di legalità, poiché un comportamento illecito o illegittimo non può fondare l'acquisto di un diritto, aggiungendo che anche in caso di realizzazione dell'opera pubblica non impedisce la restituzione, al proprietario, dell'area illegittimamente espropriata.
La tesi della Corte europea è stata accolta dal d.P.R. 327/2001 (Testo unico sulle espropriazioni). L'art. 43 del T.U., infatti, riconosce all'autorità amministrativa il potere di acquisire un bene occupato senza titolo, purché ciò avvenga sulla base di un formale atto amministrativo e con il riconoscimento al privato del risarcimento del danno.
L'atto di acquisizione ha valore sanante dell'illegittimità della procedura espropriativa (si parla, infatti, di acquisizione sanante), ed è l'unica modalità con la quale l'amministrazione può acquistare la proprietà del suolo. Ne consegue che, in caso di illegittimità della procedura espropriativa e di realizzazione dell'opera pubblica, l'unico rimedio riconosciuto dall'ordinamento per evitare la restituzione dell'area al proprietario è l'emanazione di un legittimo provvedimento di acquisizione ex art. 43, in assenza del quale il suolo dovrà essere restituito al proprietario e l'amministrazione non potrà addurre l'intervenuta realizzazione dell'opera pubblica come impedimento alla restituzione.
() del possesso
[Possesso].