Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
516/1 Codice breve dell'Unione Europea (Editio minor)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 X, pag. 1952 € 24,00</span> 45/1 Compendio di Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XX, pag. 288 € 20,00</span> 54A/13 I Quaderni del praticante Avvocato - Diritto Internazionale Privato e Processuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 X, pag. 192 € 16,00</span> 47/6 Le Politiche dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XI, pag. 272 € 18,00</span> 47 Manuale di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XXVI, pag. 512 € 30,00</span> 47/4 Compendio di Diritto dell'Unione europea<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 XIX, pag. 368 € 22,00</span> 46/8 Compendio di Diritto Internazionale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 VI, pag. 304 € 19,00</span> 328/13 89 Funzionari Amministrativi ASPAL - Manuale completo<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1104 € 38,00</span>
Cabinet
Cabotaggio
CAE
Calcoli intermedi
Caleidoscopio
Cambio
Cambio amministrato
Cambio fisso
Cambio flessibile
Cambio fluttuante
Camera degli Stati
Capitale europea della cultura
Capitolo sociale
CARA
Carbon tax
Carenza delle istituzioni
Carnot
Carrefour
Carta comunitaria dei diritti sociali fondamentali dei lavoratori
Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea
Carta dei servizi pubblici
Carta di Parigi
Carta europea
Carta europea dell’energia
Carta sociale europea
Cassis de Dijon
CCC
CCR
CDE
CE
CECA
Cecchini
CED
CEDEFOP
CEDU
CEE
CEEA
CEEP
CEFTA
CEIES
CELEX
Cellula di pianificazione dell’UEO
Cellula di programmazione politica e tempestivo allarme
CEN
CENELEC
Central European Free Trade Agreement
Centri di informazione dell’Unione europea
Centri di informazione e animazione rurale
Centri di iniziativa locale urbana per lo sviluppo sostenibile
Centro Comune di Ricerca
Centro di Documentazione Europea
Centro di traduzione degli organismi dell’Unione europea
Centro europeo della cultura
Centro Europeo delle Imprese Pubbliche
Centro Europeo di Ricerca Nucleare
Centro Europeo per le Relazioni Industriali
Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale
Centro satellitare dell’UEO
CEP
CEPT
Cerchi concentrici
CERI
CERN
Certificato d’importazione
CES [Comitato Economico e Sociale]
CES [Confederazione Sindacale Europea]
CGAI
CIG
Cipro
Città del Vaticano
Città europea della cultura
Cittadinanza europea
Classificazione delle spese
Clausola della nazione più favorita
Clausola di salvaguardia
Clausola di sospensione
Club del coccodrillo
Codecisione
Codice di condotta
Codice di condotta fiscale
Codice doganale comunitario
Codificazione dei testi legislativi
Coesione economica e sociale
COFACE
COMECON
Comenius
COMETT
Comitati consultivi
Comitati Provinciali per l’Euro
Comitati specializzati
Comitato articolo 113
Comitato Aziendale Europeo
Comitato consultivo
Comitato consultivo in materia di trasporti
Comitato consultivo per il coordinamento della prevenzione delle frodi
Comitato consultivo per la parità di opportunità fra donne e uomini
Comitato dei consumatori
Comitato dei governatori
Comitato dei rappresentanti permanenti degli Stati membri
Comitato dei tre saggi
Comitato delle Organizzazioni Professionali Agricole
Comitato delle Regioni
Comitato di conciliazione
Comitato di dialogo settoriale
Comitato di gestione
Comitato di gestione del Fondo sociale europeo
Comitato di regolamentazione
Comitato Dooge
Comitato d’Azione per gli Stati Uniti d’Europa
Comitato economico e finanziario
Comitato Economico e Sociale
Comitato esecutivo della BCE
Comitato euro
Comitato euromediterraneo
Comitato europeo per la standardizzazione
Comitato europeo per la standardizzazione elettronica
Comitato Europeo per l’Informazione Economica e Sociale
Comitato militare
Comitato monetario
Comitato paritetico
Comitato per il marchio comunitario
Comitato per le assicurazioni
Comitato per l’occupazione e il mercato del lavoro
Comitato politico
Comitato Politico e di Sicurezza
Comitato Spaak
Comitato speciale per la politica commerciale
Comitologia
Commercio elettronico
Commissione delle Comunità europee
Commissione Economica per l’Europa
Commissione per le petizioni
Commissione temporanea d’inchiesta
Commissioni parlamentari
Communitatis Europae Lex
Community Association and Reconstruction Assistance
Community Research and Development Information Service
Compensazione
Competenze esterne della Comunità europea
Complementarietà dell’azione comunitaria
Compromesso di Ioannina
Compromesso di Lussemburgo
Comunicazione di addebiti
Comunicazioni della Commissione
Comunità andina
Comunità Economica Europea
Comunità Europea
Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio
Comunità Europea dell’Energia Atomica
Comunità Europea di Difesa
Comunità Politica Europea
Comunitarizzazione
Concentrazione di imprese
Conciliazione
Concorrenza
Confederalisti
Confederazione
Confederazione delle Organizzazioni Familiari della Comunità Europea
Confederazione Sindacale Europea
Conferenza degli Organi Specializzati negli Affari Comunitari
Conferenza di Barcellona
Conferenza di Messina
Conferenza di Stoccolma sul disarmo
Conferenza di Stresa
Conferenza europea
Conferenza Europea delle Amministrazioni Postali e delle Telecomunicazioni
Conferenza Intergovernativa
Conferenza sulla Sicurezza e la Cooperazione in Europa
Confermare il ruolo internazionale della ricerca comunitaria
Congresso d’Europa
Consigli di Fabbrica Europei
Consiglio affari generali
Consiglio consultivo dei consumatori
Consiglio consultivo delle regioni e delle autonomie locali
Consiglio dei Ministri dell’Economia e delle Finanze
Consiglio dell’Unione europea
Consiglio di associazione
Consiglio di cooperazione
Consiglio direttivo della BCE
Consiglio d’Europa
Consiglio Euro-11
Consiglio europeo
Consiglio generale della BCE
Consiglio informale
Consiglio nordico
Consolidamento dei trattati
Consolidazione dei testi legislativi
Consultazione
Consumatori
Contesto istituzionale unico
Contingentamenti
Continuità dei contratti
Contributori netti
Controllo dei prezzi
Controllo delle concentrazioni e fusioni di imprese
Controllo dell’applicazione del diritto comunitario
Controparti
Convenzione di Arusha
Convenzione di Dublino sull’asilo
Convenzione di Schengen
Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali
Convenzione relativa alla lotta contro la corruzione
Convenzione relativa alla procedura semplificata di estradizione
Convenzione relativa alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità
Convenzione relativa all’estradizione
Convenzione sul brevetto comunitario
Convenzione sul brevetto europeo
Convenzione sulla mutua assistenza e cooperazione in materia doganale
Convenzione sull’attraversamento delle frontiere esterne
Convenzione sull’uso dell’informatica nel settore doganale
Convenzioni comunitarie
Convenzioni di Lomé
Convenzioni di Yaoundé
Conversione del debito pubblico
Conversione documentale
Conversione monetaria
Cooperazione
Cooperazione
Cooperazione allo sviluppo
Cooperazione di polizia
Cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale
Cooperazione doganale
Cooperazione giudiziaria in materia civile
Cooperazione giudiziaria in materia penale
Cooperazione intergovernativa
Cooperazione nei settori della giustizia e degli affari interni
Cooperazione Politica Europea
Cooperazione rafforzata
Cooperazione sistematica
COPA
CORDIS
COREPER
Coreu
Corso pivot
Corte dei conti delle Comunità europee
Corte di Giustizia delle Comunità europee
COSAC
COST
Costa c. Enel
Costi della non-Europa
CPE [Comunità Politica Europea]
CPE [Cooperazione Politica Europea]
CPS
Credito all’esportazione
Crescita competitiva e sostenibile
Crisi della sedia vuota
Criteri di convergenza
Criteri di Maastricht
Criterio di compensazione
Criterio di destinazione
Criterio di origine
CSCE
Cultura
Cultura 2000




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
LX47 Lexicon di Diritto dell'Unione Europea

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario dell\'Unione Europea
CE [Comunità Europea] Trattato di Roma 25 marzo 1957
[internet: www.europa.eu.int]

Nuova denominazione assunta dalla Comunità Economica Europea (v. CEE) con l’entrata in vigore del Trattato sull’Unione Europea (v. Trattato di Maastricht).
Fu istituita con il Trattato di Roma (v.) del 25 marzo 1957 da parte dei sei paesi già membri della CECA (v.) e cioè Italia, Francia, Paesi Bassi, Lussemburgo, Belgio e Germania Federale; nel 1973 vi aderirono anche la Gran Bretagna, la Danimarca e l’Irlanda; nel 1981 la Grecia, nel 1986 la Spagna ed il Portogallo e nel 1995 la Svezia, l’Austria e la Finlandia.
Istituzioni principali della CE sono: il Parlamento europeo (v.), il Consiglio dell’Unione europea (v.), la Commissione delle Comunità europee (v.), la Corte di Giustizia delle Comunità europee (v.) e la Corte dei Conti delle Comunità europee (v.).
Obiettivo principale degli Stati fondatori era quello di abbandonare la precedente politica d’integrazione europea per settori (v. Funzionalisti) ed incominciare ad operare in vista della cd. integrazione orizzontale, cioè l’unione economica dell’Europa nel suo insieme, da realizzare mediante la creazione di un mercato comune (v.) in cui avrebbero avuto libera circolazione i vari fattori della produzione (v. Quattro libertà).
L’approdo ad un mercato unico (v.) presupponeva però la creazione di un’unione doganale (v.) tra gli Stati membri, unione che fu realizzata nel 1968 con l’instaurazione di una tariffa doganale comune (v. TDC). Ciò nonostante si era ancora troppo lontani dalla effettiva libera circolazione delle merci, dei capitali, dei servizi e delle persone, nonché dal perseguimento di politiche economiche comuni.
Così, a partire dalla metà degli anni ’80, con il raggiungimento dell’originario obiettivo dell’unione doganale e l’ampliamento ad altri paesi europei, si rese necessaria una completa revisione della struttura e degli obiettivi della Comunità.
L’impulso decisivo venne dalla Commissione presieduta da Jacques Delors (v.), che nel giugno 1985 presentò un Libro bianco sul completamento del mercato interno (v.), in cui venivano analizzati tutti gli ostacoli che si frapponevano ad una completa realizzazione dell’unione economica (v.) tra gli Stati della Comunità e si avanzavano proposte volte a superare tali difficoltà.
I problemi e le soluzioni individuate nel Libro Bianco della Commissione costituirono la base della Conferenza intergovernativa che si riunì a Lussemburgo il 9 settembre 1985 e nella quale furono gettate le basi per il rilancio del processo di integrazione europea.
I lavori della Conferenza, infatti, ebbero termine a Bruxelles il 28 febbraio 1986 con l’adozione dell’Atto Unico Europeo (v. AUE), entrato successivamente in vigore il 1° luglio 1987 a seguito della ratifica (v.) dei Parlamenti degli Stati membri.
L’obiettivo più importante dell’Atto Unico era la realizzazione entro il 31 dicembre 1992 del mercato interno (v.).
Tale obiettivo è stato raggiunto il 1° gennaio 1993 data in cui tra i paesi membri della Comunità europea sono ceduti tutti gli ostacoli di natura burocratica e tariffaria che di fatto impedivano la realizzazione del mercato unico.
Preso atto dell’imminente raggiungimento dell’obiettivo 1993, le istituzioni comunitarie avevano avviato già dal 1988 i contatti che poi sarebbero sfociati nella firma del Trattato di Maastricht, che ancora una volta sottolinea l’ottica nella quale si muove il processo di integrazione della Comunità: periodicamente vengono fissate delle scadenze, raggiunte le quali, si passa ad una nuova fase di collaborazione e vengono delineati nuovi e più ambiziosi traguardi. Quello del Trattato di Maastricht porterà ad una completa unione economica e monetaria (v. UEM) entro la fine del secolo.
Anche in questo caso, nonostante l’iniziale scetticismo, l’obiettivo è stato raggiunto e dal 1° gennaio 1999 11 dei 15 Stati membri fanno parte del gruppo che adotta la moneta unica europea, l’euro (v.), che sostituirà definitivamente le valute nazionali nel 2002.
Nel frattempo il 10 ottobre 1997 è stato firmato il Trattato di Amsterdam (v.) con il quale sono state introdotte numerose modifiche ai trattati preesistenti, anche se non è stato affrontato il vero nodo del futuro assetto dell’Unione. Nei prossimi anni, infatti, la nuova sfida che si porrà agli Stati membri sarà quella di gestire il progressivo ampliamento (v.) verso i paesi dell’Europa centrale ed orientale (v. PECO), in vista della creazione di una grande area economica integrata che si estenda dagli Urali all’Atlantico.

Cronologia delle Comunità europee


9-5-1950
È la data di nascita dell’attuale Comunità europea. Quel giorno il ministro francese degli affari esteri, Robert Schuman, propone di mettere in comune la produzione e il consumo del carbone e dell’acciaio e di creare, a tale scopo, un’organizzazione europea tra Francia e Germania.

18-4-1951
Il Trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell’acciaio (CECA) viene firmato a Parigi e prontamente ratificato dai parlamenti dei “Sei” (Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Germania, Francia e Italia).

27-5-1952
I “Sei” firmano il trattato istitutivo della Comunità europea di difesa (CED).

30-8-1954
In occasione della Conferenza di Messina i Ministri degli esteri decidono di estendere l’integrazione europea.

1-6-1955
L’Assemblea nazionale francese rifiuta la ratifica del Trattato CED.

25-3-1957
I “Sei” firmano i Trattati di Roma che istituiscono la Comunità economica europea (CEE) e la Comunità europea dell’energia atomica (CEEA o Euratom).

1-1-1958
Entrano in vigore i Trattati della CEE e della CEEA.

1-1-1959
Viene attuata una prima riduzione dei dazi doganali tra gli Stati membri.

4-1-1960
Convenzione di Stoccolma che istituisce l’EFTA.

2-11-1961
Viene reso pubblico un progetto di unione politica della commissione Fouchet, ma nè questo nè quelli che seguiranno saranno approvati dai “Sei”.

14-1-1962
Dopo lunghi e aspri negoziati la politica agraria comunitaria vede finalmente la luce. Viene istituito il FEOGA.
Il Consiglio dei ministri decreta il passaggio alla seconda tappa dell’integrazione europea.

14-1-1963
I primi negoziati per allargare la Comunità falliscono. Nel corso di una conferenza stampa il generale De Gaulle, presidente della Repubblica francese, esprime i dubbi della Francia sulla volontà politica del Regno Unito di aderire alla Comunità. Alcuni giorni più tardi, il 18-1-1963, i negoziati sono sospesi con tutti i paesi candidati: il Regno Unito, l’Irlanda, la Danimarca e la Norvegia.

4-5-1964
Iniziano negoziati tariffari multinazionali, chiamati Kennedy Round, che si svolgono nel quadro del GATT, cui la Comunità partecipa, e conducono ad una sensibile riduzione dei dazi doganali.

8-4-1965
Viene firmato il Trattato sulla fusione degli esecutivi, istitutivo di un Consiglio ed una Commissione unici.

30-6-1965
Il rappresentante francese presso la Comunità è richiamato a Parigi (crisi della sedia vuota). Il governo francese è in aperto disaccordo con i governi degli altri Stati circa un progetto che prevede un aumento dei poteri del Parlamento europeo e l’autonomia finanziaria della Comunità.

28/29-1-1966
La crisi del 1965 è risolta dal compromesso di Lussemburgo che dispone che, ogni qualvolta uno degli Stati membri invochi degli interessi vitali, il Consiglio dei ministri si sforzerà di raggiungere una soluzione accettabile per tutti. Al sistema del voto a maggioranza in seno al Consiglio si sostituisce quello del voto all’unanimità. La Francia riprende il suo posto in seno alle istituzioni della Comunità.

30-7-1967
Entra in vigore il Trattato sulla fusione degli esecutivi.

1-7-1968
Entra in vigore l’unione doganale.

1/2-12-1969
I capi di Stato e di governo si riuniscono all’Aja, decretano il passaggio alla fase definitiva del Trattato di Roma e si pronunciano per la realizzazione di un’unione economica e monetaria.

22-4-1970
A Lussemburgo viene sottoscritto il trattato sulle risorse proprie della Comunità.

22-1-1972
Firma dei Trattati di adesione del Regno Unito, dell’Irlanda, della Danimarca e della Norvegia alla Comunità. Tuttavia in Norvegia un referendum popolare respinge il Trattato.
La nuova Comunità a “Nove” nascerà il 1° gennaio 1973.

24-4-1972
I “Sei” decidono di riportare a circa il 2,25% la variazione tra i tassi di cambio delle loro monete. Nasce il serpente europeo.

9/10-12-1974
Il “vertice” dei capi di Stato e di governo che si tiene a Parigi stabilisce l’istituzione del Consiglio europeo e si conviene di far eleggere a suffragio universale il Parlamento europeo.

22-7-1975
Istituzione della Corte dei Conti.

9/10-3-1979
Il Consiglio europeo riunito a Parigi adotta il Sistema monetario europeo (SME).

28-5-1979
Ad Atene viene firmato il Trattato di adesione della Grecia, che diverrà, a partire dal 1° gennaio 1981, il decimo membro della Comunità.

7/10-6-1979
I cittadini dei nove Stati membri eleggono per la prima volta direttamente il Parlamento europeo, composto da 410 deputati. Il primo presidente del Parlamento, eletto dai deputati al secondo turno, è la sig.ra Simone Weil, ex ministro francese della sanità e della famiglia.

1-1-1981
La Grecia entra a far parte della Comunità.

17/19-6-1983
Consiglio europeo a Stoccarda: i capi di Stato e di governo sottoscrivono la dichiarazione solenne sull’Unione europea.

14-2-1984
Il Parlamento europeo in seduta plenaria approva il progetto di Trattato che istituisce l’Unione europea.

12-6-1985
Firma degli atti relativi all’adesione di Spagna e Portogallo.

14-6-1985
La Commissione trasmette al Consiglio dei ministri, riunito a Milano, il suo Libro Bianco sul completamento del mercato interno.

16/17-12-1985
I ministri degli esteri degli Stati membri adottano l’Atto Unico Europeo.

1-1-1986
Spagna e Portogallo entrano a far parte della Comunità.

17-2-1986
Cerimonia di firma dell’Atto Unico di riforma dei Trattati europei.

1-7-1987
Entra in vigore l’Atto Unico Europeo.

24-10-1988
Istituzione del Tribunale di primo grado.

29-5-1990
Firma degli accordi istitutivi della Banca europea di ricostruzione e sviluppo (BERS).

12-6-1990
Firma della Convenzione di Schengen che sopprime ogni formalità di frontiera per la libera circolazione dei cittadini di alcuni Stati membri.

1-7-1990
Inizio della prima fase per la creazione dell’unione economica e monetaria.

15-12-1990
Si aprono a Roma le due conferenze intergovernative che dovranno definire i nuovi orientamenti in materia di unione economica e monetaria e unione politica.

21-10-1991
Accordo politico tra la Comunità e l’EFTA per la creazione di uno Spazio Economico Europeo.

9/10-12-1991
Vertice europeo di Maastricht che approva il progetto di Trattato sull’Unione Europea.

7-2-1992
Viene firmato a Maastricht il Trattato che istituisce l’Unione Europea.

2-5-1992
Firma a Porto dell’accordo sullo Spazio Economico Europeo.

2-6-1992
Un referendum in Danimarca rifiuta la ratifica del Trattato di Maastricht (50,7% contrari).

11/12-12-1992
Vertice Europeo di Edimburgo. La Danimarca ottiene alcune esenzioni per il Trattato di Maastricht: non partecipare alla politica di cittadinanza europea, all’ultima fase dell’UEM, alla politica di difesa comune e a quella di giustizia e sicurezza interna.

1-1-1993
Nasce il Mercato Unico Europeo. Cadono tutte le barriere tra i Paesi membri delle Comunità.

18-5-1993
Nuovo referendum in Danimarca per la ratifica del Trattato di Maastricht, che questa volta raccoglie il 56,8% dei voti a favore.

1-11-1993
Entra in vigore il Trattato di Maastricht.

11-1-1994
Prima riunione dell’IME (Istituto Monetario Europeo) con sede a Francoforte.

21-4-1994
L’adesione dell’Austria, della Svezia, della Finlandia e della Norvegia viene approvata dal Parlamento Europeo.

1-1-1995
L’Austria, la Finlandia e la Svezia entrano a far parte dell’Unione Europea.

26-3-1995
Entra in vigore l’Accordo di Schengen.

2-6-1995
Commemorazione della Conferenza di Messina del 1955. Viene insediato il Gruppo di riflessione incaricato di preparare la Conferenza intergovernativa.

16-12-1995
Al vertice europeo di Madrid si decide di adottare la moneta unica europea a partire dal 1° gennaio 1999. La moneta si chiamerà euro.

29-3-1996
Si insedia a Torino la Conferenza intergovernativa (CIG) per la revisione del Trattato di Maastricht.

2-10-1997
Il Trattato di Amsterdam viene ufficialmente sottoscritto da tutti gli Stati membri. Inizia il processo di ratifica.

14-12-1997
Viene istituito il Consiglio Euro e si decide di avviare i negoziati per l’adesione della Repubblica Ceca, della Polonia, dell’Estonia, dell’Ungheria, della Slovenia e di Cipro.

2-5-1998
Il Consiglio europeo decide di avviare la terza fase dell’unione monetaria dal 1° gennaio 1999. Vengono scelti gli 11 Stati che adottano l’euro.

1-6-1998
Prima riunione della Banca Centrale Europea (BCE).

31-12-1998
Fissazione dei tassi definitivi di conversione tra le monete nazionali e l’euro. Un euro vale 1936,27 lire.

1-1-1999
L’euro diventa moneta legale degli 11 Stati membri. Inizia il periodo transitorio che si concluderà nel 2002 con la definitiva scomparsa delle monete nazionali.

1-5-1999 Entra in vigore il Trattato di Amsterdam
.

11-12-1999
Al Consiglio europeo di Helsinki viene deciso di convocare una nuova Conferenza intergovernativa per le questioni istituzionali, la creazione (entro il 2003) di una forza militare autonoma dell’Unione e l’avvio di negoziati di adesione con i paesi esclusi dal primo blocco (Romania, Slovacchia, Lettonia, Lituania, Bulgaria e Malta). La Turchia ottiene lo status di paese candidato all’adesione.