Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span> 347 44 Funzionari promozione culturale Ministero Affari Esteri (Ripam - MAECI) - Manuale delle materie specialistiche<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 , pag. 1120 € 45,00</span>
SA
SAARC
Sacrificio, principio del
SADC
Saggio di rendimento
Saggio di variazione
Saggio marginale di sostituzione
Saggio marginale di trasformazione
Saggio naturale di disoccupazione
Saggio tecnico di sostituzione
Salari d'efficienza
Salario
Salario di riserva
Saldo netto da finanziare
Saldo normalizzato
Saldo primario
SAMA
Samuelson, Paul Anthony
SARP
Saturazione
Say, Jean Baptiste
Scala minima efficiente
Scala mobile
Scalata
Scambio
Scambio ineguale
Scambio volontario, teoria dello
Scarsità
Scarto
Scarto quadratico medio
Scatola di Edgeworth
Scatole cinesi
Scelte collettive
Scelte di portafoglio
Schiava di dazio
Scholes, Myron
Schultz, Theodore
Schumpeter, Joseph Alois
Scientific management
Scienza delle finanze
Sciopero
Scitovsky, Tibor
Sconto
Scorte
Scostamento semplice mediano
Scostamento semplice medio
Screening
Scuola austriaca
Scuola di Cambridge
Scuola di Chicago
Scuola di Losanna
Scuola di Manchester
Scuola di Stoccolma
Scuola matematica
Scuola storica
SEAQ
SEBC
SEC
SEC [Sistema europeo dei conti economici integrati]
Second best
Securitisation
Security and Exchange Commission
SEE
Segmentazione del mercato
Segreto statistico
SELA
Sellers' market
Selten, Reinhard
Sen, Amartya Kumar
Senescenza
Separabilità
Separatezza banca-industria
Serie storica
Serie territoriali
Serpente monetario
Serrata
Serrata di ritorsione
Servizi
Servizi accessori
Servizi d'investimento
Servizi finanziari
Servizi pubblici
Sette sorelle
Settore economico
Settore pubblico
Settore pubblico allargato
Settore statale
SFI
Sfruttamento
Sgravi contributivi
Sgravi fiscali
Shadow price
Share economy
Sharpe, William
Sherman Act
Shirking
SICAV
Signaling
Signoraggio
SIM
Simon, Herbert
Simplesso
Simulazione
Sindacato
Sindacato di comodo
Sinergia
Sintesi neoclassica
SISTAN
Sistema aureo
Sistema bancario
Sistema delle preferenze generalizzate
Sistema di Bedaux
Sistema economico
Sistema Economico Latino Americano
Sistema europeo dei conti economici integrati
Sistema Europeo delle Banche Centrali
Sistema monetario
Sistema monetario europeo
Sistema monetario europeo - 2
Sistema socio-tecnico
Sistema statistico nazionale
Sistema tributario
Sistemi
SITC
Skill evaluation
Slittamento salariale
Slump
Slutsky, equazione di
SME
SME-2
Smith, Adam
Smithsonian agreements
SNA
Socialismo
Socialismo di mercato
Società
Società a responsabilità limitata
Società di capitali
Società di gestione
Società di intermediazione mobiliare
Società di investimento a capitale variabile
Società di persone
Società Finanziaria Internazionale
Società in accomandita per azioni
Società in accomandita semplice
Società in nome collettivo
Società opulenta
Società per azioni
Società semplice
Soggetti economici
Soglia di divergenza
Solow, Robert
Sondaggio d'opinione
Sopra la pari
Sostenibilità del debito pubblico
Sostituzione
Sotto la pari
Sottoccupazione
Sottoconsumo
Sottoprove
Sottosviluppo
South Asian Association for Regional Cooperation
South Pacific Commission
South Pacific Forum
Southern Africa Development Community
Sovchoz
Sovranità del consumatore
Sovrappiù
Sovraprofitto
Sovrastruttura
Sovrimposta
Sovvenzione
Spazio campione
Spazio Economico Europeo
Spazio parametrico
SPC
Specializzazione bancaria
Specializzazione produttiva
Speculazione
Speranza di vita
Spesa pubblica
Spese correnti
Spese in conto capitale
SPF
Spiazzamento
Spillover
Spin off
Split run
Splitting
Sponsorizzazione
Spot markets
Spot price
Spread
Sraffa, Piero
STABEX
Stabilizzatori automatici
Stachanovismo
Stackelberg, Heinrich von
Stackelberg, modello di
Stadi di sviluppo
Staff
Stagflazione
Staggering
Stagionalità statistica
Stagnazione
Stand still
Stand-by
Standard and Poor's
Standard deviation
Standard Error
Standardizzazione
Standing facilities
Stanza di compensazione
Stars
Start up
Statica economica
Statistica
Statistica descrittiva
Stato assistenziale
Stato del benessere
Stato stazionario
Sterilizzazione della moneta
Sterlina
Steuerverein
Stigler, George Joseph
Stima
Stima, teoria della
Stimatore
Stimatore lineare
Stipendio
Stock
Stock exchange automated quotation
Stone, Richard
Stop and go
Strategia dominante
Stretta creditizia
Strumenti di politica economica
Strumenti finanziari
Struttura economica
Styling
Sufficienza
Sunspot equilibria
Supergame
Superprimary dealer
Supply side economics
Surplus del consumatore
Surplus del produttore
Surplus economico
Sussidio
Sussidio ad valorem
Sussidio globale
Sussistenza
Svalutazione monetaria
Sviluppo
Swap
Sweezy, Paul Malor
Switch-over
Sylos-Labini, Paolo
Sysmin
System of national accounts




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Monopolio

Forma di mercato in cui tutta l'offerta di un dato bene o servizio è concentrata nelle mani di un'unica impresa, la quale può influenzare unilateralmente il prezzo di vendita modificando a proprio piacimento la quantità offerta. All'offerta del monopolista si contrappone una domanda frazionata tra numerosi acquirenti.
Le cause che danno origine al monopolio possono essere naturali o legali. Nel primo caso la situazione di monopolio è una conseguenza della presenza, in un determinato settore industriale, di rendimenti di scala (v.) crescenti, cosicché in equilibrio può essere attiva una sola impresa; nel secondo caso, invece, il monopolio si instaura quando, con disposizioni di legge, la produzione e l'offerta di un bene o servizio è attribuita in esclusiva allo Stato o ad un'impresa da esso designata (v. Monopolio legale).
L'espressione monopolio di fatto è invece utilizzata per indicare il caso in cui l'offerta è concentrata nelle mani di un'unica impresa, che si è imposta sul mercato dopo aver eliminato tutte le rivali.
Quest'ultima accezione del termine monopolio, tuttavia, indica un'ipotesi difficilmente riscontrabile nella realtà. In effetti il monopolio è un'ipotesi di studio utilizzata dagli economisti in contrapposizione ad un'altra forma di mercato altrettanto difficilmente configurabile: quella della concorrenza perfetta (v.).
Anche l'impresa monopolistica deve organizzare la propria azione secondo taluni comportamenti che le permettono di rendere massimo il profitto, vale a dire di massimizzare la differenza tra ricavi e costi. Per poter determinare la condizione di equilibrio dell'impresa monopolista è necessario considerare tre variabili: la domanda di mercato, i costi di produzione ed il ricavo del monopolista.
Per definizione, l'impresa monopolista è l'unico venditore di un prodotto. La curva di domanda del mercato che l'impresa deve fronteggiare, quindi, è una curva di domanda che ha inclinazione negativa, nel senso che il mercato è disposto ad assorbire una produzione via via maggiore solo al decrescere del prezzo. Il monopolista, quindi, come unico offerente del prodotto può, entro certi limiti, stabilirne il prezzo variando la quantità prodotta ed immessa successivamente nel mercato.
Per quanto concerne i costi possiamo ipotizzare anche per l'impresa monopolista delle curve del costo medio (v.) e costo marginale (v.) simili a quelle di un'impresa che opera in un regime di concorrenza perfetta.
I ricavi, invece, sono differenti a seconda che si consideri un'impresa che opera in regime di concorrenza perfetta o di monopolio. Nel primo caso, infatti, il prezzo è indipendente dalla quantità di beni venduta per cui il ricavo totale ed il ricavo marginale sono entrambi pari al prezzo; vendendo una unità addizionale del bene si avrà un incremento di pari valore sia nel ricavo totale che nel ricavo marginale.
Per converso, in regime di monopolio al crescere della quantità venduta di un bene, il prezzo tende a diminuire, in quanto il monopolista, essendo unico sul mercato, ha di fronte a sé tutti i consumatori che domandano quel bene: per indurli ad acquistare una quantità maggiore di esso deve operare una riduzione del prezzo.
Poiché il ricavo medio è espressione del rapporto tra il ricavo totale e la quantità di merce venduta, esso coincide con il prezzo a cui si vende tale quantità di merce.
La curva di ricavo medio indica, quindi, come varia il prezzo al variare della quantità venduta. Trattandosi di un monopolista (il quale è l'unico offerente che deve soddisfare tutta la domanda del mercato) tale curva coincide evidentemente con la curva della domanda di mercato della merce considerata.
Il ricavo marginale non si mantiene costante, come invece accade nella concorrenza perfetta, ma decresce progressivamente. Poiché è stato necessario ridurre il prezzo al fine di aumentare le vendite, l'incasso realizzato sull'ultima unità di merce sarà inferiore a quello realizzato in precedenza.
Detto questo possiamo individuare la regola per determinare la quantità di beni da produrre che consente all'impresa monopolista di trarre il massimo guadagno netto.

Vedi grafico
.

Tale regola è quella secondo la quale il ricavo marginale deve essere uguale al costo marginale di produzione: fin quando una nuova unità di prodotto comporta un ricavo marginale maggiore del costo marginale, l'aumento della produzione consente un aumento del profitto netto dell'impresa monopolista. Nel momento in cui ricavo marginale e costo marginale sono eguali, invece, il profitto totale è stazionario. Se, in seguito ad una ulteriore espansione della produzione, il costo marginale diventasse superiore al ricavo marginale, ogni nuova unità prodotta sarebbe venduta in perdita.
La posizione di equilibrio si ha nel punto E (uguaglianza di costo marginale e ricavo marginale). La quantità prodotta dovrà essere pari a Q, venduta sul mercato al prezzo P.
Il grafico ci permette, inoltre, di confrontare la posizione di equilibrio del monopolista con quella dell'insieme di tutte le imprese in concorrenza perfetta. In quest'ultimo caso l'equilibrio si sarebbe stabilito nel punto B, in corrispondenza del prezzo P1 e della quantità Q1. Risulta evidente come il monopolista produca una quantità inferiore rispetto a quella prodotta da un settore in regime di concorrenza perfetta, ma ad un prezzo superiore. Il monopolista, inoltre, si assicura un extraprofitto (rendita del monopolista) uguale alla differenza tra il prezzo che stabilisce ed il costo medio (segmento MC). Nella figura tale extraprofitto è evidenziato dall'area ombreggiata.
L'esistenza del monopolio pertanto, non è vantaggiosa per i consumatori che vedono la quantità del prodotto a loro disposizione ridotta, in corrispondenza di prezzi più alti.
Oltre al danno arrecato ai consumatori (che si traduce nel pagamento di prezzi più alti rispetto a quelli praticati in regime di concorrenza perfetta) il regime monopolistico presenta altri svantaggi. Esso, infatti, favorisce una certa tendenza all'inerzia: l'imprenditore tenderà a rimanere sulle posizioni che gli permettono di ricavare quanto più è possibile e non si preoccuperà di ristrutturare l'organizzazione dell'impresa, di ammodernare gli impianti, di perfezionare la qualità del prodotto ed accrescere le dimensioni dell'impresa in parallelo con l'espansione del mercato, operazioni queste ultime necessarie in concorrenza da parte delle imprese inframarginali (v.).
I consumatori, poi, oltre ad essere costretti a pagare ad un prezzo più elevato i vari beni, si vedono anche privati della facoltà di scelta fra più prodotti di diverse aziende in concorrenza.