Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span>
Valore
Valore aggiunto
Valore atteso
Valore attuale
Valore attuale netto
Valore centrale
Valore intrinseco
Valore lavoro
Valore vero
Valori anomali
Valori influenti
Valori mobiliari
Valuta
Valuta debole
Valuta estera
Valuta forte
Valuta libera
Valutazione dell'impatto ambientale
VAN
Vanoni, piano
Vantaggio assoluto
Vantaggio comparato
Vantaggio competitivo
Variabile
Variabile casuale
Variabile casuale continua
Variabile casuale di Gumbell
Variabile casuale discreta
Variabile casuale doppia
Variabile casuale esponenziale negativa
Variabile casuale F di Fisher
Variabile casuale Gamma
Variabile casuale indipendente
Variabile casuale ipergeometrica
Variabile casuale marginale
Variabile casuale mista
Variabile casuale multipla
Variabile casuale normale
Variabile casuale normale doppia
Variabile casuale normale multipla
Variabile casuale normale standardizzata
Variabile casuale Poisson
Variabile casuale semplice
Variabile casuale T di Student
Variabile casuale uniforme
Variabile dicotomica
Variabile dipendente
Variabile dummy
Variabile economica
Variabile endogena
Variabile esogena
Variabile esplicativa (indipendente)
Variabilità
Varianza
Varianze e covarianze, matrice delle
Variazione compensativa
Variazione equivalente
Variazioni stagionali
Veblen, Thorsten
Velocità di circolazione dei depositi bancari
Velocità di circolazione della moneta
Vendita
Venerdì nero
Venture capital
Verifica empirica
Verosimiglianza, funzione di
VIA
Via Venti Settembre
Vickrey, William S.
Vincoli di bilancio
Vincolo di bilancio
Vincolo di portafoglio
Viner, Jacob
Virginia school
Vischiosità
Visto congruità-prezzo
Volatilità




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Neoclassici

Esponenti della scuola di pensiero che caratterizzò l'analisi economica tra la fine del diciannovesimo e i primi decenni del ventesimo secolo.
La corrente neoclassica ebbe i suoi precursori negli autori del marginalismo (v.) come Menger (v.), Jevons (v.) e Walras (v.), ma è possibile ritrovare anticipazioni del nuovo orientamento anche in economisti minori della prima metà del diciannovesimo secolo.
Volendo richiamare i tratti comuni alla scuola neoclassica, cosa non facile per la pluralità di autori e di indirizzi che l'hanno caratterizzata, occorre senz'altro menzionare l'individualismo metodologico (v.). Altrettanto importante, però, appare il rifiuto della teoria del valore-lavoro (v.); secondo il nuovo principio il valore (v.) di un prodotto non era dovuto alla quantità di lavoro in esso incorporato, come avevano affermato i classici (v.), nè risiedeva solo nell'utilità attribuita dal consumatore all'ultima unità acquistata o consumata (v. Utilità marginale), come affermato dai marginalisti, ma dipendeva contemporaneamente dal costo di produzione e dall'utilità che i consumatori gli attribuiscono.
I neoclassici rifiutavano l'idea che il profitto fosse un residuo, cui non corrispondeva alcuna attività o servizio. Ritenevano, viceversa, che la differenza dei redditi esistente in ogni società fosse imputabile alla diversità delle risorse in possesso dei vari soggetti. Distinguevano perciò le risorse personali, che danno luogo al salario o allo stipendio, dalle risorse naturali, che danno luogo alla rendita; e distinguevano i capitali, che danno luogo all'interesse, dall'attività imprenditoriale che dà luogo al profitto.
Pietra miliare di questo indirizzo sono i Principi di economia politica di Alfred Marshall (v.) nei quali si indaga in modo approfondito sugli equilibri economici parziali (v.), vale a dire sulla interpretazione di quanto può accadere in singoli e limitati settori di attività.
Diretta continuatrice del pensiero neoclassico fu la scuola matematica (v. Scuola di Losanna), sviluppatasi soprattutto ad opera di L. Walras (v.) e di V. Pareto (v.). Il suo fine principale era quello di indagare sulle possibili leggi dell'equilibrio economico generale (v.), cioè sulla ricerca di una teoria capace di rappresentare e spiegare attraverso modelli matematici il meccanismo economico nella sua complessità.
L'influenza della scuola matematica persiste tuttora, anche se essa non è mai riuscita a colmare il fossato tra la teoria astratta e la realtà, e ad affrontare i problemi concreti.
In particolare, la terribile depressione economica del 1929 (v. Giovedì nero) doveva spazzar via molte delle certezze acquisite dall'analisi neoclassica. La presenza di capacità produttive inutilizzate, pur in presenza di milioni di disoccupati, contraddiceva palesemente l'assunto neoclassico secondo il quale il sistema economico riusciva sempre e comunque a ritrovare un suo punto di equilibrio, a condizione che non vi fossero interferenze esterne. Spetterà all'analisi keynesiana (v. Keynes) il compito di rifondare su nuove basi la scienza economica.