Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span>
G7
GAB
Gabbia salariale
Gadget
Gain-loss analysis
Gains sharing
Galbraith, John Kenneth
Game theory
Gantt, grafici di
Gap
Gap analysis
Garanzia di cambio
Garanzia per l'esportazione
GATT
Gauss, Karl Friederich
Gearing
GEIE
General arrangement borrow
Gentlemen's agreements
Gerschenkron, Alexander
Gestione del debito pubblico
Gestione del personale
Gettito tributario
Giffen, paradosso di
Gift
Gilt-edged market
Gilts
Gini, Corrado
Gini, indice di mutabilità
Giochi a somma zero
Giochi, teoria dei
Gioco di Ponzi
Giovedì nero
Giurisdizioni locali
Global bonds
Global company
Global finance
Globalizzazione
Go-slow
Gold bullion standard
Gold exchange standard
Gold loans
Gold points
Gold standard
Gold tranche
Gold warrant
Golden clause
Golden share
Good delivery
Gosbank
Gossen, Herman Heinrich
Governatore della Banca d'Italia
Gradi di libertà
Grado di apertura
Grafici di Gantt
Grafico
Grande balzo
Grande depressione
Grande distribuzione
Grandi numeri, legge dei
Grant economics
Gray market
Greenbacks
Greenfield ventures
Gresham, legge di
Gresham, Thomas
Grida, recinto alle
Gruppo Andino
Gruppo dei cinque
Gruppo dei dieci
Gruppo dei settantasette
Gruppo dei sette
Gruppo dei tre
Gruppo dei venti
Gruppo dei ventiquattro
Gruppo di controllo
Gruppo di Rio
Gruppo di Visegrad
Gruppo economico d'interesse europeo
Gruppo polifunzionale
Guadagni in conto capitale
Guerra, economia di
Guide-lines
Gumbell, variabile casuale di




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Offerta aggregata

Quantità complessiva di prodotti (beni e servizi) che le imprese sono disposte a produrre e offrire sul mercato in corrispondenza di diversi livelli di prezzo.
Quale relazione esista fra il livello generale dei prezzi e la produzione complessiva costituisce uno dei punti di maggior dibattito fra le diverse scuole economiche.
Secondo Keynes (v.) la curva di offerta aggregata può essere rappresentata con una retta orizzontale ad indicare il fatto che, per un dato livello dei prezzi, le imprese possono offrire qualsiasi quantità di beni venga domandata poiché esiste capacità produttiva in eccesso.

Vedi grafico
.

La domanda aggregata (v.) determina l'offerta e quindi anche il livello di occupazione (principio della domanda effettiva).
In particolare se:
— AS > AD allora AS ¯ fino a quando AS = AD (disoccupazione ­);
— se AS < AD allora AS ­ fino a quando AS = AD (disoccupazione ¯).
Nel breve periodo la capacità produttiva non è pienamente utilizzata e quindi il prodotto effettivo è inferiore rispetto al suo livello potenziale (Y < Yp).
Stando alla teoria keynesiana poiché i salari (v.) sono rigidi verso il basso, l'equilibrio macroeconomico può essere accompagnato dalla presenza di disoccupazione (v. Equilibrio di sottoccupazione), mentre politiche fiscali (v.) e politiche monetarie (v.) espansive che agiscono sulla domanda aggregata generano un aumento della produzione di equilibrio senza determinare un aumento dei prezzi.

Vedi grafico
.

Secondo la teoria neoclassica (v. Neoclassici), invece, i sistemi economici tendono spontaneamente verso posizioni di equilibrio tra domanda e offerta e tutte le risorse disponibili trovano impiego.
Diversamente da quanto sostiene la teoria keynesiana, per gli economisti neoclassici il prodotto nazionale di equilibrio è sempre pari al suo livello potenziale (Y = Yp) ed è l'offerta che crea la domanda.
Affermazione, quest'ultima, nota come legge di Say (v. Legge degli sbocchi). La legge di Say si basa su di un meccanismo di raggiungimento dell'equilibrio macroeconomico che è esattamente opposto a quello formulato da Keynes con il principio della domanda effettiva. Ricordando lo schema riportato in precedenza, secondo i neoclassici, si avrà che:
— se AS > AD allora AD ­ fino a quando AS = AD;
— se AS < AD allora AD ¯ fino a quando AS = AD.
I prezzi (e quindi anche i salari, prezzo del fattore lavoro) sono perfettamente flessibili; per cui, grazie a questo meccanismo, domanda e offerta sono necessariamente in equilibrio su tutti i mercati.
La capacità produttiva è sempre pienamente utilizzata e quindi il prodotto effettivo è pari al suo livello potenziale (Y = Yp).
Poiché la capacità produttiva è interamente utilizzata, la curva di offerta aggregata può essere rappresentata con una retta verticale ad indicare che, qualunque sia il livello dei prezzi, le imprese offrono un livello massimo di produzione pari a YP: questa offerta è pari alla produzione potenziale e garantisce il pieno impiego delle risorse disponibili all'interno del sistema economico.

Vedi grafico
.

Politiche fiscali e politiche monetarie espansive che agiscono sulla domanda aggregata non fanno altro che determinare un aumento del livello dei prezzi mentre la produzione (già al suo livello potenziale) non varia.

Vedi grafico
.

Una posizione in qualche modo intermedia è che l'ipotesi keynesiana di rigidità dei prezzi, e in particolare dei salari, sia tutto sommato adeguata a descrivere ciò che avviene nel breve periodo (v.), mentre nel lungo periodo (v.) sia più appropriata l'ipotesi classica di flessibilità dei salari.
In questi casi la curva d'offerta potrebbe presentarsi piuttosto piatta nel breve periodo, ma sostanzialmente rigida e quindi verticale nel lungo termine.

Vedi grafico
.

Nel breve periodo, quando la curva d'offerta presenta un primo tratto in cui è crescente, ma relativamente piatta, la produzione effettiva è inferiore rispetto al suo livello potenziale; a seguito di un aumento della domanda aggregata (da AD ad AD'), generata ad esempio da un aumento della spesa pubblica, le imprese sono disposte (e sono in grado di farlo, poiché parte della capacità produttiva è inutilizzata) ad offrire quantità maggiori di prodotto se i prezzi sono più elevati. Nel breve periodo, tuttavia, questo aumento della produzione ha un limite rappresentato dal prodotto potenziale; a mano a mano che il sistema si avvicina al pieno impiego (cioè all'utilizzo dell'intera capacità produttiva) aumenti della produzione non sono più possibili e l'unico effetto esercitato da un aumento della domanda è quello di far lievitare i costi (compreso quello del lavoro) e quindi i prezzi (è ciò che accadrebbe se la domanda aggregata aumentasse ulteriormente passando da AD' ad AD").
Nel lungo periodo la curva di offerta è rappresentata da una retta verticale, così come previsto dal modello classico e il livello di produzione coincide con il prodotto potenziale. In questi casi un aumento della domanda aggregata influirà solo sui prezzi ma non sulla produzione.
La nuova macroeconomia classica (v.), infine, partendo dalla duplice considerazione dell'equilibrio costante dei mercati e del comportamento degli operatori economici caratterizzato da aspettative razionali (v.), contempla una curva dell'offerta verticale già nel breve termine come riflesso della assoluta flessibilità dei prezzi e dei salari.