Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
44/3 Eserciziario di Microeconomia<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 304 € 16,00</span> 339 Concorso 200 Laureati Carriera Prefettizia - Manuale per la prova preselettiva e scritta<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 928 € 40,00</span> 337 Concorsi nelle Camere di Commercio - Manuale<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 IV, pag. 768 € 36,00</span> 311 Concorso 30 Consiglieri Parlamentari della Professionalità Generale (C01) Camera dei Deputati - Quiz commentati a risposta multipla per la prova selettiva<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 400 € 28,00</span> PK14/4 Il Codice per l'esame di Stato di Economia Aziendale...in tasca<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2019 , pag. 688 + 96 € 12,50</span>
T di Student, variabile casuale
T-group
T-test
Tableau économique
TAEG
TAH
Take off
Take over bid
Target
Target cost
Target group
Target marketing
Target pricing
TARGET [Trans-European Automated Real Time Gross-Settlement Express Transfer]
TARIC
Tariffa discriminata
Tariffa doganale
Tariffa doganale comune
Tariffa in due parti
Tariffa integrata comunitaria
Tariffa pubblica
Tassa
Tassa di Clarke
Tassa di Pigou
Tassazione dei titoli di Stato
Tassazione di tutti i redditi
Tassazione ottimale
Tasso
Tasso bancario
Tasso centrale
Tasso d'assenteismo
Tasso d'inflazione
Tasso d'interesse
Tasso del mercato monetario
Tasso di attività
Tasso di attualizzazione
Tasso di cambio
Tasso di disoccupazione
Tasso di profitto
Tasso interbancario
Tasso naturale di disoccupazione
Tasso ufficiale di riferimento
Tasso ufficiale di sconto
Tâtonnement
Tavole intersettoriali
Tax expenditures
Tax haven
Tax incentive plans
Tax planning
Tax shelter
Taylor rule
Taylorismo
TDC
Tecnici
Tecnologia
Tecnostruttura
Tel quel
Telelavoro
Tempo libero
Tempo standard
Tendenziosità dei numeri indice
Teorema
Teorema del bilancio in pareggio
Teorema dell'elettore mediano
Teorema dell'impossibilità
Teorema dell'inefficacia della politica economica
Teorema della decentralizzazione
Teorema di Barone
Teorema di Barro
Teorema di Bayes
Teorema di Chebyshev
Teorema di Coase
Teorema di Gauss-Markov
Teorema di Haavelmo
Teorema di Modigliani-Miller
Teorema di Morag
Teorema Limite Centrale
Teoremi del calcolo delle probabilità
Teoremi fondamentali dell'economia del benessere
Teoria comportamentale dell'impresa
Teoria dei campioni
Teoria dei costi comparati
Teoria dei giochi
Teoria dei mercati efficienti
Teoria del ciclo vitale
Teoria del fondo salari
Teoria del portafoglio
Teoria del reddito permanente
Teoria dell'impresa di Baumol
Teoria dell'impresa di Marris
Teoria dell'impresa di Williamson
Teoria della dipendenza
Teoria della stima
Teoria dello scambio volontario
Teoria di Heckscher-Ohlin
Teoria quantitativa della moneta
Terms of trade
Terra
Terziario avanzato
Terzo mercato
Terzo mondo
Tesaurizzazione
Tesi della produttività
Tesoreria dello Stato
Tesoreria unica
Tesoro di guerra
Test
Test di adattamento
Test di indipendenza
Test di Ljung-Box
Test di significatività
Test non parametrici
Test parametrici
Test sequenziale
Test statistico
Testatico
Testo unico bancario
Ticket
Tiebout, modello di
Tier one
Tier two
Time span of discretion
Tinbergen, Jan
TIP
TIR
Titoli
Titoli del debito fluttuante
Titoli di credito
Titoli di Stato
Titoli sintetici
Titoli sottili
Titoli stanziabili
Tobin, James
Tokyo round
TON
Top-rate
Toyotismo
Traboccamento
Trade Union
Trade-off
Transazione, costi di
Transfer pricing
Transito comunitario
Transito doganale
Trappola della liquidità
Trappola della povertà
Trappola malthusiana
Trasferimenti
Trasferimenti unilaterali
Trasformazione di liquidità
Trasformazione, curva di
Trasformazione, problema della
Trasformazioni
Traslazione dell'imposta
Trattato di Amsterdam
Traversa
Treasury Bills
Treasury Bonds
Trend statistico
Treuhand
Treuhandastalt
Triangolazione
Triangolo dell'incompatibilità
Tributi locali
Tributo
Trigger price
Trust
Trust busting
Tullock, Gordon
Turnover
TUS
Twist




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Offerta aggregata

Quantità complessiva di prodotti (beni e servizi) che le imprese sono disposte a produrre e offrire sul mercato in corrispondenza di diversi livelli di prezzo.
Quale relazione esista fra il livello generale dei prezzi e la produzione complessiva costituisce uno dei punti di maggior dibattito fra le diverse scuole economiche.
Secondo Keynes (v.) la curva di offerta aggregata può essere rappresentata con una retta orizzontale ad indicare il fatto che, per un dato livello dei prezzi, le imprese possono offrire qualsiasi quantità di beni venga domandata poiché esiste capacità produttiva in eccesso.

Vedi grafico
.

La domanda aggregata (v.) determina l'offerta e quindi anche il livello di occupazione (principio della domanda effettiva).
In particolare se:
— AS > AD allora AS ¯ fino a quando AS = AD (disoccupazione ­);
— se AS < AD allora AS ­ fino a quando AS = AD (disoccupazione ¯).
Nel breve periodo la capacità produttiva non è pienamente utilizzata e quindi il prodotto effettivo è inferiore rispetto al suo livello potenziale (Y < Yp).
Stando alla teoria keynesiana poiché i salari (v.) sono rigidi verso il basso, l'equilibrio macroeconomico può essere accompagnato dalla presenza di disoccupazione (v. Equilibrio di sottoccupazione), mentre politiche fiscali (v.) e politiche monetarie (v.) espansive che agiscono sulla domanda aggregata generano un aumento della produzione di equilibrio senza determinare un aumento dei prezzi.

Vedi grafico
.

Secondo la teoria neoclassica (v. Neoclassici), invece, i sistemi economici tendono spontaneamente verso posizioni di equilibrio tra domanda e offerta e tutte le risorse disponibili trovano impiego.
Diversamente da quanto sostiene la teoria keynesiana, per gli economisti neoclassici il prodotto nazionale di equilibrio è sempre pari al suo livello potenziale (Y = Yp) ed è l'offerta che crea la domanda.
Affermazione, quest'ultima, nota come legge di Say (v. Legge degli sbocchi). La legge di Say si basa su di un meccanismo di raggiungimento dell'equilibrio macroeconomico che è esattamente opposto a quello formulato da Keynes con il principio della domanda effettiva. Ricordando lo schema riportato in precedenza, secondo i neoclassici, si avrà che:
— se AS > AD allora AD ­ fino a quando AS = AD;
— se AS < AD allora AD ¯ fino a quando AS = AD.
I prezzi (e quindi anche i salari, prezzo del fattore lavoro) sono perfettamente flessibili; per cui, grazie a questo meccanismo, domanda e offerta sono necessariamente in equilibrio su tutti i mercati.
La capacità produttiva è sempre pienamente utilizzata e quindi il prodotto effettivo è pari al suo livello potenziale (Y = Yp).
Poiché la capacità produttiva è interamente utilizzata, la curva di offerta aggregata può essere rappresentata con una retta verticale ad indicare che, qualunque sia il livello dei prezzi, le imprese offrono un livello massimo di produzione pari a YP: questa offerta è pari alla produzione potenziale e garantisce il pieno impiego delle risorse disponibili all'interno del sistema economico.

Vedi grafico
.

Politiche fiscali e politiche monetarie espansive che agiscono sulla domanda aggregata non fanno altro che determinare un aumento del livello dei prezzi mentre la produzione (già al suo livello potenziale) non varia.

Vedi grafico
.

Una posizione in qualche modo intermedia è che l'ipotesi keynesiana di rigidità dei prezzi, e in particolare dei salari, sia tutto sommato adeguata a descrivere ciò che avviene nel breve periodo (v.), mentre nel lungo periodo (v.) sia più appropriata l'ipotesi classica di flessibilità dei salari.
In questi casi la curva d'offerta potrebbe presentarsi piuttosto piatta nel breve periodo, ma sostanzialmente rigida e quindi verticale nel lungo termine.

Vedi grafico
.

Nel breve periodo, quando la curva d'offerta presenta un primo tratto in cui è crescente, ma relativamente piatta, la produzione effettiva è inferiore rispetto al suo livello potenziale; a seguito di un aumento della domanda aggregata (da AD ad AD'), generata ad esempio da un aumento della spesa pubblica, le imprese sono disposte (e sono in grado di farlo, poiché parte della capacità produttiva è inutilizzata) ad offrire quantità maggiori di prodotto se i prezzi sono più elevati. Nel breve periodo, tuttavia, questo aumento della produzione ha un limite rappresentato dal prodotto potenziale; a mano a mano che il sistema si avvicina al pieno impiego (cioè all'utilizzo dell'intera capacità produttiva) aumenti della produzione non sono più possibili e l'unico effetto esercitato da un aumento della domanda è quello di far lievitare i costi (compreso quello del lavoro) e quindi i prezzi (è ciò che accadrebbe se la domanda aggregata aumentasse ulteriormente passando da AD' ad AD").
Nel lungo periodo la curva di offerta è rappresentata da una retta verticale, così come previsto dal modello classico e il livello di produzione coincide con il prodotto potenziale. In questi casi un aumento della domanda aggregata influirà solo sui prezzi ma non sulla produzione.
La nuova macroeconomia classica (v.), infine, partendo dalla duplice considerazione dell'equilibrio costante dei mercati e del comportamento degli operatori economici caratterizzato da aspettative razionali (v.), contempla una curva dell'offerta verticale già nel breve termine come riflesso della assoluta flessibilità dei prezzi e dei salari.