Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2014 IV, pag. 288 € 17,00</span> W18 Storia del Diritto Medioevale e Moderno<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2013 II, pag. 160 € 10,00</span>
Cabinet
Cadi
Calvinismo
Camera apostolica
Camera dei Comuni
Camera dei fasci e delle corporazioni
Camera dei Lords
Camerario (o Camerlengo)
Campo di maggio (o di marzo
Campoformio
Cancellarius
Cancelleria
Cancelleria apostolica
Cancelleria di Stato
Cancelleria [Corte della]
Cancelliere
Cancelliere dello Scacchiere
Cancelliere federale
Canone
Capetingi
Capitanata
Capitaneus
Capitaneus feudale
Capitano del popolo
Capitolare
Capitolazione
Capitudini
Capitula et ordinationes curiae maritimae nobilis civitatis amalphae
Capitula legibus addenda
Capitula per se scribenda
Capitulare Italicum
Cardinale Deusdedit
Caristicario
Carlo Alberto
Carlo di Tocco
Carlo Emanuele III
Carlo Felice
Carlo I d’Angiò
Carlo II d’Angiò
Carlo II il Calvo
Carlo III di Borbone
Carlo Magno (o Carlo I Magno)
Carlo V d’Asburgo
Carolina
Carolingi
Carroccio
Carta de logu
Carta del lavoro
Cartesianesimo (o Cartesianismo)
Cartesio
Cartulario tou sakellíou
Cartularium
Case law
Casellario giudiziale
Casus
Casus foederis
Catapano (o catepano)
Catasto
Cateau-Cambrésis
Catepanato d’Italia
Cattaneus
Cattolicità
Causidico
Cautelae
Cavalleria
Cawarfidae
Cento anni
Certiorari
Cervidio Scevola
Cesarismo
Cesaropapismo
Chancery
Charta
Chartularium langobardicum
Chindasvindo
Cino Sighibuldi da Pistoia
Cipolla
Cisalpina
Cispadana
Citazioni
Citramontani
Cittadinanza
Civil Law
Clan
Clementinae
Clodoveo
Code d’instruction criminelle
Code Napoléon
Code pénal del 1810
Codex
Codex Gai veronensis
Codex iuris canonici
Codice
Codice albertino
Codice civile del 1865
Codice civile del 1942
Codice di commercio del 1882
Codice di diritto canonico
Codice di procedura civile del 1865
Codice di procedura penale del 1865
Codice di procedura penale del 1913
Codice di procedura penale del 1930
Codice Ermogeniano (o Epitome Iuris)
Codice Estense
Codice Euriciano
Codice Gregoriano
Codice penale del 1889
Codice penale del 1930
Codice Rocco
Codice Teodosiano
Codice Zanardelli
Codici penali sardi
Codificazione
Collaterale
Collectio canonum
Collectio canonum Anselmo dedicata
Collectio canonum del Cardinale Deusdedit
Collectio Gaudenziana
Collectio Hispana
Collectio notabilium
Collegantia
Collezione Dionisiana
Collezione greca delle Novelle
Collezione Isidoriana
Collezione Ispanica
Colonato
Coloni
Comes
Comes Palatii
Comitato
Commemoriali
Commenda
Commendatio
Commendato
Commentatori
Common Law
Communis opinio
Compagnia di Gesù
Compilationes antiquae
Compositio
Comunalia
Comune medievale
Comunità delle genti cristiane
Comunità di mestieri
Concerto europeo
Concettualismo
Concilio di Basilea
Concilio di Nicea
Concilio di Trento
Concilio ecumenico
Concilio fiorentino
Concordato di Worms
Concordato ecclesiastico
Concordia discordantium canonum
Conestabile (o Connestabile)
Confino di polizia
Confugio
Congregatio populi
Congresso di Vienna
Consiglio collaterale
Consiglio dei Dieci
Consiglio del Fascismo
Consiglio maggiore
Consiglio minore
Consiglio nazionale delle Corporazioni
Consilia
Console
Consolidazione
Constitutio
Constitutio criminalis Carolina
Constitutio de feudis
Constitutio puritatem di Federico II
Constitutio romana
Constitutiones Augustales
Constitutiones Marchiae Anconitanae
Constitutiones melphitanae
Constitutiònes prìncipum
Constitutiones Regni Siciliae
Constitutum Costantini
Constitutum Pisanum
Consuetudine
Consuetudines neapolitanae
Consul
Consultatio veteris cuiusdam iurisconsulti
Consultori
Contea
Contratto sociale
Contrattualismo
Controriforma
Coroner
Corporativismo
Corporazioni
Corpus iuris canonici
Corpus iuris civilis
Corrado II il Salico
Correctores statutorum
Corte
Corte dei Pari
Cortes
Corvée
Costantino
Costantino [donazione di]
Costanza
Costanzo
Costituente
Costituzionalismo
Costituzione civile del clero
Costituzione per la pace pubblica
Costituzioni egidiane
Costituzioni modenesi del 1771
Costituzioni piemontesi
Court
Court of Chancery
Court of Common Pleas
Court of Exchequer
Court of King’s Bench
Coutume
Criticismo
Croce Benedetto
Crociate
Cubicularii
Cuiacio Jacopo
Culti
Cum pro munere
Cuoco Vincenzo
Curia
Curia regis
Curia romana (o pontificia)
Curtis



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo
Codice civile del 1942

Codice civile italiano tuttora vigente.
Venne promulgato con regio decreto del 16 marzo 1942 n. 262 ed entrò in vigore il 21 aprile dello stesso anno. Sostituì il codice civile del 1865 [vedi] e il codice di commercio del 1882 [vedi].
L’esigenza di riformare il codice civile del 1865 si pose, in maniera particolarmente penetrante, dopo la prima guerra mondiale, allorquando si era presentato il problema di una regolamentazione dei rapporti privati che tenesse conto dei nuovi assetti tra le classi sociali. Nel 1923 fu approvata una legge di delega al Governo, al fine di procedere alla realizzazione di nuovi codici: civile, di procedura civile, di commercio e per la marina mercantile. La Commissione reale all’uopo istituita lavorò, fino al 1937, a un progetto per i primi tre libri del codice (persone e famiglia; cose e diritti reali; successioni e donazioni), oltre che ad un nuovo codice di commercio. Alla fine degli anni ’20 fu pubblicato il progetto di una commissione italo-francese, che aveva lavorato allo scopo di realizzare una legislazione uniforme delle obbligazioni e dei contratti, in Italia e in Francia.
Il libro sulle persone e sulla famiglia entrò in vigore il 1° luglio 1939, quello sulle successioni il 21 aprile del 1940. Allorquando avrebbero dovuto essere pubblicati gli altri due libri, vi fu un cambiamento nel programma dei lavori.
Il problema principale era rappresentato dal grado di penetrazione della “dottrina fascista” [vedi Fascismo] all’interno del testo legislativo. I giuristi che collaborarono a questa fase dei lavori riuscirono tuttavia ad evitare l’introduzione di “principi generali dell’ordinamento fascista”, ma fu comunque riconosciuto il valore giuridico della Carta del lavoro [vedi]. I membri delle commissioni che si occuparono della redazione del (—) appartenevano, per la maggior parte, alla tradizione giuridica liberale, poco portati ad individuare nel loro progetto un ipotetico diritto fascista. Il lungo tempo che accompagnò la redazione delle diverse parti del (—) servì a migliorarne i contenuti normativi, conferendo loro un notevole valore tecnico e scientifico.
La necessità di contemperare la disciplina del diritto di proprietà, contenuta nel libro della proprietà, con la disciplina dell’impresa contenuta nel codice di commercio, spinse ad abbandonare l’originaria idea di due codici (civile e commerciale), facendo propendere per la redazione di un codice unico che accogliesse entrambe le materie, diviso in sei libri (quali poi risulteranno nella redazione finale). Si definì così il programma di lavoro degli altri libri: il libro delle obbligazioni, nel quale furono fuse la disciplina civile e quella commerciale della materia; il libro sul lavoro, nel quale furono disciplinate le attività economiche, con relativi soggetti e strumenti. Nell’ultimo libro, sulla tutela dei diritti, furono previsti una serie di istituti volti a garantire l’attuazione dei diritti. Il programma dei lavori subì pertanto una netta accelerazione al fine di permettere la pubblicazione e l’entrata in vigore del testo nei tempi stabiliti.
Al (—) erano anteposte le Disposizioni sulla legge in generale (31 articoli, di cui gli ultimi 14 abrogati nel 1995, con la riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato). Il codice propriamente detto è composto da sei libri:
— primo libro: Delle persone e della famiglia (articoli 1 - 455);
— secondo libro: Delle successioni (articoli 456 - 809);
— terzo libro: Della proprietà (articoli 810 - 1172);
— quarto libro: Delle obbligazioni (articoli 1173 - 2059);
— quinto libro: Del lavoro (articoli 2060 - 2642);
— sesto libro: Della tutela dei diritti (articoli 2643 - 2969).
Benché redatto in epoca fascista, il (—) non risultò, pertanto, intriso profondamente dell’ideologia del regime. Infatti alla caduta del fascismo, esso non fu sostituito, come da più parti si reclamava. Le ragioni di questa capacità di riutilizzo sono da ricercarsi nelle matrici ideologiche del (—), che possono definirsi sostanzialmente “borghesi”. In tal modo esso dimostrò la capacità di essere utilizzato anche all’interno di un regime democratico.
Naturalmente da esso furono espulse le disposizioni che risultavano inconciliabili con il nuovo ordinamento repubblicano. Già nel 1943 furono eliminate le norme che discriminavano i cittadini “di razza non ariana” e altre simili.
Benché periodicamente si levino voci in favore dell’adozione di un nuovo testo, il (—) rimane tuttora in vigore, anche se col passare degli anni, esso ha subito numerosi cambiamenti, talvolta radicali. Un esempio è costituito dalla riforma del diritto di famiglia del 1975.
Il (—) non disciplina l’intera materia del diritto privato. Diverse leggi speciali lo integrano. Già alla sua entrata in vigore era accompagnato da leggi speciali sulla cambiale (1933), sull’assegno (1933), sulle procedure concorsuali (1942). Numerose altre sono state adottate in seguito: le norme sui licenziamenti individuali (1966), lo statuto dei lavoratori (1970), la locazione degli immobili urbani (1998), la riforma dei mercati finanziari (1998), la normativa del pubblico impiego (1998), per citare solo qualche esempio.
Alcune leggi speciali disciplinano in maniera autonoma diversi settori; in base al principio di competenza delle fonti, esse prevalgono sul codice, dando vita a un processo di decodificazione, attraverso il quale si paventa la possibile introduzione nell’ordinamento, di privilegi di parte, che potrebbero indebolire il carattere garantistico del codice che, in quanto corpus organico di norme, meglio risponderebbe al principio di uguaglianza giuridica.