Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilitą e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
17/4 Compendio di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 V, pag. 288 € 15,00</span> 21/2 Compendio di Isitituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2020 VI, pag. 256 € 18,00</span> 21/3 Schemi & Schede di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2018 III, pag. 160 € 10,00</span> 583 Dizionario Giuridico Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2017 VI, pag. 560 € 15,00</span> 21 Il nuovo Manuale di Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 VII, pag. 528 € 22,00</span> 17 Il nuovo Manuale di Storia del Diritto Romano (Diritto pubblico romano)<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 V, pag. 272 € 20,00</span> IP9 Ipercompendio Istituzioni di Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 240 € 10,00</span> 17/2 Prepararsi per l'esame di Storia del Diritto Romano<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2009 , pag. 160 € 8,00</span>
Pacta nuptiąlia
Pacta sunt servąnda
Pąctio et stipulątio
Pactiņnes et stipulatiņnes
Pactum
Pąctum adičctum
Pactum commissņrium
Pactum de contrahčndo
Pactum de distrahčndo (vel non distrahendo) pģgnore
Pactum de dolo non pręstąndo
Pactum de non distrahčndo pģgnore
Pactum de non petčndo
Pactum de non pręstąnda evictiņne
Pactum de pręstąndis usłris
Pactum de retroėmčndo
Pactum de retrovendčndo vel pactum displicentię
Pactum degustatiņnis
Pactum displicčntię
Pactum donatiņnis
Pactum dņtis
Pactum fidłcię
Pactum hypothčcę
Pactum iurisiurąndi
Pactum legitimum
Pactum ne dolus pręstčtur
Pactum nudum
Pactum protimčseos
Pactum prętņrium
Pactum quo minus solvątur
Pactum sceleris
Pactum ut abeątur
Pactum ut discedątur
Pagi
Palatino
Pandectę
Panfilia
Pannonia
Paolo (Giulio)
Papiniano (Emilio)
Papirio Giusto
Papirologia
Par condģcio creditņrum
Par potčstas
Parafrasi greca dei Digesta
Parapherna
Parens bķnubus
Parentalia
Parricģdium
Pars
Pars virģlis
Partus
Passo necessario
Pąter famģlias
Pater is est quem nuptię demonstrant
Pater patrątus
Pater patriae
Pater solitarius
Pater, avus et prņavus
Patičntia
Patres
Patria potčstas
Patricii
Patrimonium
Patronątus
Patrņnus
Pauli Sentčntię
Paupčries
Pax deņrum
Peculątus
Pecłlium
Peculium adventģcium
Peculium castrčnse
Peculium profectģcium
Peculium quasi castrčnse
Pecłnia mulctatģcia
Pecunia traiectģcia
Pegaso
Penoris legatum
Pčnsio
Perdučllio
Peregrģni
Perģculum in mņra
Periculum tutčlę
Permutątio
Perpetuątio iurisdictiņnis
Perpetuatio obligatiņnis
Perquisģtio ląnce liciņque
Persona
Persona giuridica
Personę in causa mancģpii
Pertinace
Pertinenza
Pescennio Nigro
Petģtio ex servitłte in libertątem
Petitio hereditatis
Petitio servitłtis
Petitio ususfrłctus
Petģtum
Pictura
Pģgnoris cąpio
Pģgnus
Pģgnus convčntum
Pignus datum
Pignus ex causa iudicąti cąptum
Pignus Gordianum
Pignus nņminis
Pignus pignori datum
Pignus publicum (vel quasi publicum)
Pignus quasi publicum
Pirateria
Pirro
Piscątio
Pię causę
Plagium
Plantątio
Plauzio
Plebiscģtum
Plebiscģtum Canulčium
Plebiscitum Ogulnium
Plebiscitum Ovģnium
Plebs
Plinio, il giovane (Caio P. Cecilio secondo)
Plinio, il vecchio (Caio P. Secondo)
Plłris petģtio
Plus dģxit quam vņluit
Pņcula abortiņnis
Pocula amatoria
Polibio
Polizia
Pollicitątio
Pollio Felice
Pomčrium
Pompeo
Pomponio (Sesto)
Ponderątor
Ponte Milvio (Battaglia del)
Pņntifex maximus
Pontģfices
Ponto (e Bitinia)
Populąres
Populus Romanus Quirģtium
Porsenna
Pņrtio dčbita
Pņsitum vel suspčnsum
Possčssio
Possessio ad interdģcta
Possessio ad usucapiņnem
Possessio animo retenta
Possessio civilis
Possessio iłris
Possessio naturąlis
Possessio pro alično
Possessio pro suo
Possessio status
Possessio vel ususfrłctus (dei fondi provinciali)
Possessio vitiņsa
Possčssor pro herčde
Possessor pro legato
Possessor pro possessņre
Postlimģnium
Postulątio
Postulatio suspčcti tutņris
Postumia (via)
Pņstumus
Potčstas
Potiņris nominątio
Potis esse (sedčre)
Pragmątica sąnctio pro petitiņne papę Vigģlii
Pragmaticąrii
Pragmąticę sanctiņnes
Precąrium
Prehčnsio
Prestazione dell’obbligazione
Pretium
Pretium dolņris
Pretium scčleris
Pretoriani
Primicčrius sacri cubģculi
Prģnceps
Prģnceps lčgibus solłtus
Princeps Senatus
Prior in tempore, potior in iure
Privilčgium
Pro herčde gčstio
Pro rata (o pro parte) obligatio
Probątio
Probątio diabolica
Probatio errņris
Probatio semiplena
Probo
Processo comiziale
Processo per fņrmulas
Processo per quęstiņnes
Procņnsul (vel proconsules)
Proculiani
Proculo
Procłra
Procurątio in rem suam
Procurątor
Procurątor ad lģtem
Procurątor in rem suam
Procurątor ņmnium bonņrum
Procurątor unģus rči
Procuratņres Augusti
Procuratņres fisci
Procuratores monetąrum
Procuratores patrimonii prģncipis
Prodģgium
Prņdigus
Prodģtio
Proditio interregis
Profanątio
Prohibģtio dņmini
Promģssio dņtis
Promissio iurąta libčrti
Promulgątio
Propģnquitas
Propračtor (proprętņres)
Prorogątio impčrii
Proscrģptio
Provģncię
Provincię stipendiąrię
Provincię tributąrię
Provocątio
Prudentes
Pręceptio legati
Pręcipitątio e sąxo
Prędes
Prędes lģtis et vindiciąrum
Prędes sacramčnti
Prędia stipendiąria et tributąria
Prędia vicina čsse dčbent
Prędiatłra
Pręfčcti
Pręfectus
Pręfectus Aegypti
Pręfectus annņnę
Pręfectus classis
Pręfectus iłre dicłndo
Pręfectus prętņrio
Pręfectus łrbi
Pręfčctus vehiculņrum
Pręfectus vģgilum
Pręfectus ęrąrii
Pręiudģcium
Pręiudicium ex lčge Cicerčia
Pręmium emancipatiņnis
Pręnņmen
Pręposģtio procuratņria
Prępņsitus sacri cubģculi
Pręscrģptio
Pręscriptio lņngi temporis
Pręscriptio longģssimi tčmporis
Pręses provincię (vel pręsides provinciąrum)
Pręsłmptio
Pręsumptio Muciąna
Pręsumptiņnes iłris
Pręterģtio
Prętor
Prętor fideicommissąrius
Prętor liberąlium causąrum
Prętor peregrģnus
Prętor tuteląris
Prętor urbąnus
Pręvaricątio
Płber, płberes
Pubčrtas
Pubertąti prņximi
Publica
Publicąnus (vel publicani)
Publicątio bonņrum
Publģcio
Publio Mucio Scevola
Puniche (guerre)
Pupieno
Pupģllus
Purgątio mņrę
Pœna cłllei
Pœnę extra ņrdinem



A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Storico-Giuridico Romano
Pģgnus [Pegno; cfr. artt. 2784 ss. c.c.]

Il (—) era, nel diritto romano, un diritto reale di garanzia, il cui antecedente storico č rinvenibile nell’istituto della fidłcia cum creditņre [vedi]; il termine indicava anche il contratto reale [vedi obligątiones re contrąctae ] volto egualmente al raggiungimento delle finalitą della fiducia cum creditore, senza, peraltro, produrre il trasferimento della proprietą della cosa oggetto del pignoramento.
• Diritto reale di garanzia
Il (—) trasferiva la sola disponibilitą materiale di una cosa; oggetto poteva esserne qualsiasi cosa in commercio, suscettibile di possesso e di alienazione.
Ma gią in diritto classico la nozione di oggetto del (—) si ampliņ fino a ricomprendervi i iura in re aliena [vedi], i crediti [vedi pignus nominis], i diritti scaturenti da (—), le cose future, le quote di una communio [vedi] e i frutti non ancora esistenti.
La sua configurazione come diritto reale di garanzia avvenne solo nel periodo classico: in particolare, venne considerato come diritto reale costituito in favore del creditore, a mezzo di un apposito negozio reale, che si perfezionava con la materiale consegna della cosa.
Si distinguevano, in relazione ai modi di costituzione del pegno:
— un pegno volontario (che si costituiva mediante accordo tra le parti, o per testamento);
— un pegno legale (previsto da singole disposizioni di legge, che intendevano tutelare particolari categorie di creditori).
Le fattispecie di pegno legale si distinguevano in casi di:
— (—) speciale, quando si esplicava su singoli e determinati beni del debitore. Ipotesi di (—) speciale possono riscontrarsi nel pegno riservato al locatore di un immobile urbano sui mobili dell’inquilino, ovvero nel pegno riservato al pupillo sulle cose che il tutore o un terzo avessero acquistato con suo denaro, etc.;
— (—) generale, quando vincolava l’intero patrimonio del debitore. Esempi di (—) generale possono rinvenirsi nel pegno riservato al fisco sul patrimonio del debitore di imposta, nel pegno riservato al minore sul patrimonio del suo tutore o curatore, etc.;
— pegno giudiziale (costituito dal magistrato, si trattava del c.d. (—) ex causa iudicąti cąptum) questa forma di pegno, avendo lo scopo di consentire l’esecuzione di sentenze emanate extra ņrdinem [vedi cognģtio extra ordinem] dal magistrato, era materialmente posta in essere dai c.d. apparitņres [vedi], che si impossessavano di cose appartenenti al debitore condannato.
Il riconoscimento di questa nuova forma di garanzia fu, in origine, dovuto all’opera creativa del pretore, che accordņ, al debitore che avesse pagato, un’azione per ottenere la restituzione della cosa data in pegno e riconobbe al creditore, per il periodo antecedente all’adempimento, la possčssio ad interdģcta [vedi] sulle cose date in pegno: si parlava, in questo caso, di (—) datum.
Successivamente, sempre in etą classica, si andņ affermando il principio che per costituire il pegno bastasse anche la semplice convčntio, senza la necessitą della materiale consegna della cosa: ciņ permise di ritenere, quindi, che oggetto di pignus convčntum (detto anche hypotheca [vedi]): si consentģ, in tal modo l’ingresso, nel diritto romano, di questo nuovo istituto, di derivazione greca.
Proprietario della res [vedi] oggetto del (—) rimaneva sempre il debitore, che pertanto poteva disporne liberamente anche vendendola ad altri.
Al creditore pignoratizio veniva riconosciuto invece, come gią detto, il iłs possidčndi [vedi]: il creditore aveva il diritto di possedere la cosa immediatamente se si trattava di pegno (e nel caso di inadempimento, se si trattava di ipoteca), potendo esercitare gli interdetti [vedi interdictum] a difesa del possesso. Il possesso del creditore, peraltro, non aveva valore ai fini dell’usucapione [vedi usucąpio] (mancando la iusta causa e la bona fides), né dava diritto all’uso della cosa (poteva anche convenirsi diversamente, ma se il creditore eccedeva i limiti del patto, al debitore era concessa un’ąctio furti [vedi furtum] contro il creditore pignoratizio).
Era invece consentita l’eventuale percezione dei frutti della cosa a titolo di interessi del credito, se ciņ era pattuito.
Le parti solevano aggiungere alla costituzione del pegno un patto (lex commissņria) per cui, qualora alla scadenza l’obbligazione non fosse stata adempiuta, il creditore diventava senz’altro proprietario della res oggetto del pegno in base al convenuto ius retentiņnis (č opportuno precisare che il divieto del patto commissorio fu sconosciuto, in principio, al diritto romano [vedi pactum commissorium]).
Il patto commissorio fu successivamente vietato da Costantino, perché ritenuto troppo oneroso, per il debitore.
Al creditore era inoltre riconosciuto il ius distrahčndi [vedi]: se il ius possidendi, avendo funzioni di garanzia, non importava il soddisfacimento del credito, il ius distrahendi, attribuito al creditore in etą tardo classica, aveva, invece, funzione satisfattoria.
Il ius distrahendi attribuiva, in caso di inadempimento, la facoltą di vendere la cosa data in pegno e di soddisfarsi sul ricavato, salvo l’obbligo di restituire al debitore l’eventuale residuo (hyperocha [vedi]). Tale diritto in origine era oggetto di una speciale convenzione (pactum de distrahendo pģgnore [vedi]), con cui il debitore all’uopo autorizzava il creditore. Successivamente la giurisprudenza classica, preso atto dell’enorme diffusione di tale patto, ammise che il ius vendendi dovesse ritenersi tacitamente incluso in ogni costituzione di pegno.
In conseguenza della vendita, l’acquirente acquistava il dominio, dal momento che il creditore vendeva ex pacto, cioč in base al consenso, esplicito o implicito, del debitore.
In epoca giustinianea venne fissato il principio che, se nessun compratore si presentava, il creditore poteva chiedere (con una impetrątio domģnii [vedi]) all’imperatore l’attribuzione della cosa, salvo il diritto del debitore di riscattarla entro due anni.
Adempiuta l’obbligazione, se il creditore non restituiva spontaneamente la cosa, il debitore poteva agire con l’ąctio pigneratģcia in rem [vedi] directa.
• Contratto reale
Le finalitą del (—) potevano essere raggiunte attraverso la stipula di un apposito contratto reale, che si perfezionava con la consegna della res alla controparte.
Il contratto consisteva, in particolare, nel trasferimento del possesso di una cosa dal debitore al creditore, con il patto che il creditore tenesse presso di sé la cosa, a garanzia dell’adempimento di un suo credito, con l’obbligo di restituirla qualora il debitore avesse eseguito esattamente la prestazione. In caso contrario, egli poteva venderla, soddisfacendosi sul ricavato.
Per la restituzione della res oggetto del pignoramento, era concessa al debitore una actio (in factum) pigneraticia in personam [vedi]; in seguito, la giurisprudenza tardo-classica riconobbe anche una actio in ius [vedi] di buona fede.
In favore del creditore (che avesse sopportato spese per la conservazione della cosa, o per danni da evizione) fu apprestato un iudicium contrarium.