Dizionario Giuridico    Dizionario Economico    Dizionario di Contabilità e Finanza    Dizionario del Condominio    Dizionario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico    Dizionario dell'Unione Europea    Dizionario Storico-Giuridico Romano    Dizionario Storico del Diritto Italiano ed Europeo    Dizionario della Filosofia Politica    Dizionario di Scienze Psicologiche   
Caricamento immagini in corso...
loading
200 Elementi di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 XI, pag. 256 € 10,00</span> PK14/1 Istituti Tecnici - Terzo anno Economia aziendale 1<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 II, pag. 192 € 8,00</span> PK14/2 Istituti Tecnici - Quarto anno Economia aziendale 2<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> PK18 Istituti Tecnici - Economia politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 III, pag. 192 € 8,00</span> IC2 TFA A45 (ex A017) Scienze Economico Aziendali - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 752 € 30,00</span> IC1 TFA A46 (ex A019) Scienze Giuridiche ed Economiche - Teoria e Quiz<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2016 , pag. 816 € 32,00</span> 44/10 Manuale di Economia Politica<br><SPAN STYLE='font-size:7pt;' >2015 V, pag. 464 € 23,00</span>
P/E
Paasche, indice di
PAC
Packaging
Paga base
Palazzo Koch
Panel
Paniere dei beni e servizi
Pantaleoni, Maffeo
Parabancario
Paradiso fiscale
Paradosso del risparmio
Paradosso del valore
Paradosso della maggioranza
Paradosso di Allais
Paradosso di Giffen
Paradosso di Leontief
Paradosso di Scitovsky
Paradosso liberale
Parafiscalità
Parallel loan
Parametri di Maastricht
Parametro
Pareto, Vilfredo
Paris Interbank Offered Rate
Parità aurea
Parità centrale
Parità del potere d'acquisto
Parità mobili
Parità monetaria
Parità strisciante
Partecipazione statale
Partite correnti
Partite invisibili
Partizione
Partly paid
Passeggiata casuale
Passività verso l'estero
Patinkin, Don
Patrimonio
Patto Andino
Patto di stabilità e di crescita
Patto di stabilità interno
Patto sociale
Pay-back period
PAYE
PBC
Pendenza
Pensione
Percentile
Percussione dell'imposta
Perequazione
Perequazione tributaria
Performance bond
Periodo base
PERT
Perturbazioni
Pesi
Petrodollari
Phelps Brown, E. Henry
Phillips, curva di
Pianificazione aziendale
Pianificazione del prodotto
Pianificazione economica
Pianificazione familiare
Pianificazione fiscale
Piano Baker
Piano Brady
Piano d'impresa
Piano Dawes
Piano di campionamento
Piano di Colombo
Piano di marketing
Piano di produzione
Piano di vendita
Piano Keynes
Piano Marshall
Piano settoriale
Piano Vanoni
Piano White
Piano Williams
Piano Young
Piazza
Piazza degli affari
PIBOR
Piccola e media industria
Piccola impresa
Piena occupazione
Piggy back
Piggy back export schemes
Piggy back financing
Piggy back selling
Pigou, Arthur Cecil
Pigou, effetto di
PIL
PIM
PIN
Piramide dell'età
Piramide finanziaria
Plafond
Plain vanilla
Planning Programming Budgeting System
Plusvalore
Plusvalore assoluto
Plusvalore relativo
PMI
PNL
PNN
Polanyi, Karl
Poli di sviluppo
Politica Agricola Comune
Politica antinflazionistica
Politica commerciale
Politica comune nel settore dei trasporti
Politica dei redditi
Politica di bilancio
Politica di coesione economica e sociale
Politica di concorrenza
Politica economica
Politica fiscale
Politica industriale
Politica monetaria
Politica monetaria dell’area euro
Political business cycle
Politiche comunitarie
Poll-tax
Ponzi, gioco di
Pool
Popolazione
Portafoglio
Portafoglio di mercato
Portafoglio prodotti
Porto franco
Posizione dominante
Posizione verso l'estero
Post-keynesiani
Post-test
Posted price
Postulati
Potenza del test
Potere d'acquisto
Potere di mercato
Potere liberatorio della moneta
Poteri bilanciati
PPBS
Preapertura
Predatory pricing
Preferenza per la liquidità
Preferenze
Preferenze ad angolo
Preferenze omotetiche
Preferenze rivelate
Preferenze well-behaved
Prelievi agricoli
Premio all'esportazione
Premio Nobel per l'economia
Premio o sconto della lira a termine
Pressione tributaria
Prestatore d'ultima istanza
Prestito
Prestito littorio
Prezzi al consumo, indice dei
Prezzi alla produzione, indice dei
Prezzi correnti
Prezzi costanti
Prezzi per le famiglie di operai e impiegati, indice dei
Prezzo
Prezzo amministrato
Prezzo comunitario
Prezzo d'entrata
Prezzo di domanda
Prezzo di esclusione
Prezzo di intervento
Prezzo di offerta
Prezzo indicativo
Prezzo limite
Prezzo politico
Prezzo pubblico
Prezzo relativo
Prezzo-ombra
Price leader
Price maker
Price taker
Price-cap
Price/earning ratio
Primary dealer
Prime rate
Principio d'inversione
Principio del beneficio
Principio del sacrificio
Principio della capacità contributiva
Private banking
Privatizzazione
Privatizzazione formale
Privatizzazione funzionale
Privatizzazione sostanziale
Probabilità
Probabilità dell'errore del I tipo (a)
Probabilità dell'errore del II tipo (b)
Problema principale-agente
Processi Gaussiani
Processo stocastico
Processo White Noise
Prodotti di base
Prodotto
Prodotto interno lordo
Prodotto interno netto
Prodotto netto
Prodotto potenziale
Product test
Produttività
Produttività marginale
Produttività media
Produttività ponderata
Produttività totale
Produzione
Produzione a flusso continuo
Produzione congiunta
Produzione di massa
Produzione intermittente
Produzione standardizzata
Profitto
Programmazione economica e finanziaria
Programmazione matematica
Programmi integrati mediterranei
Progressione aritmetica
Progressione geometrica
Progressività dell'imposta
Progresso tecnico
Promozione delle vendite
Pronti contro termine
Propensione
Propensione al consumo
Propensione al rischio
Propensione al risparmio
Propensione all'importazione
Proposizione di Lucas-Sargent-Wallace
Proprietà degli stimatori
Protezionismo
Prova
Prove bernoulliane
Prove ripetute
Prove sequenziali
Proxy
Psycological price
Pubblica amministrazione
Pubblicità
Pubblicità comparativa
Public choice
Public company
Public relations
Public utilities
Punti dell'oro
Punto di pareggio
Punto di Polonio
Punto franco
Putty-clay
Putty-putty
PVS




Se hai apprezzato il nostro dizionario online, puoi acquistare
582 Nuovo Dizionario Economico

A
B
C
D
E
F
G
N
O
P
Q
R
S
T
H
I
J
K
L
M
U
V
W
X
Y
Z
Consulta gratuitamente i nostri dizionari:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Dizionario Economico
Pianificazione economica

Metodo di gestione centralizzato della produzione e dell'allocazione delle risorse (v.) produttive mediante la predisposizione, a priori, di piani che determinano la quantità, il prezzo e la distribuzione della ricchezza nazionale.
Dalla stessa definizione emerge chiaramente come i due elementi centrali che contraddistinguono la pianificazione economica siano:
— la definizione a priori degli obiettivi. Questa caratteristica differenzia le economie pianificate da quelle di mercato: nelle prime, infatti, il coordinamento dell'attività del sistema economico è assicurato da una unità centrale mentre nelle seconde tale coordinamento è affidato all'operare spontaneo delle forze di mercato (v.) che tendono a massimizzare l'utilità (v.) per il consumatore ed i profitti (v.) per i produttori. In un sistema economico pianificato l'equilibrio è quindi raggiunto ex ante (v.), mentre, in un'economia di mercato, è un evento contestuale al verificarsi degli scambi;
la predisposizione di un piano, che individui gli obiettivi da perseguire in termini di produzione e distribuzione delle risorse. Il raggiungimento di tali obiettivi può avvenire nel breve, nel medio o nel lungo periodo.
La pianificazione economica può distinguersi in:
imperativa, quando tutte le decisioni relative alla produzione e alla distribuzione siano assunte da un'unica autorità centrale.
Ha avuto la sua massima espressione a partire dagli anni '30 nell'ex Unione Sovietica dove l'attività di coordinamento tra tutti i settori e tutte le fasi della pianificazione erano affidati al Gosplan (il Comitato Statale per la pianificazione).
La sfera della produzione era articolata in una serie di piramidi con al vertice il governo ed alla cui base operavano le imprese dei vari settori.
Le fasi della pianificazione economica erano sostanziamente tre: la prima era la raccolta delle informazioni, dal basso verso l'alto della piramide, relative alle risorse disponibili in termini di mezzi di produzione e di prodotti finiti realizzati o realizzabili.
Tale operazione avveniva stilando i cosiddetti bilanci materiali.
La seconda fase della pianificazione vedeva il trasferimento delle informazioni dai ministeri competenti al Gosplan che elaborava una o più proposte di piano da consegnare al governo; questo sceglieva, in base alle proprie priorità politiche, il piano di produzione più soddisfacente.
Nella terza fase, il Gosplan assegnava alle imprese i relativi piani di produzione e gli obiettivi (espressi sotto forma di indici) da raggiungere. Le imprese erano dunque obbligate a rispettare i termini fissati sia per il volume della produzione lorda che per la qualità dei prodotti ed erano sottoposte ad un controllo tanto ossessivo quanto inefficace da parte dell'autorità centrale;
indicativa, se in un'economia di mercato si proceda alla definizione, per grandi linee, di obiettivi macroeconomici da realizzare nel lungo periodo. Tale forma di pianificazione si differenzia da quella imperativa in quanto:
— non tende alla completa definizione di tutto il processo produttivo ma, semplicemente, ad attenuare quelle distorsioni che spesso si verificano in un'economia di mercato (diseguaglianza nella distribuzione dei redditi, formazione di poteri monopolistici, dualismo economico tra diverse aree regionali ecc.);
— è attuata attraverso il coinvolgimento delle parti sociali interessate (imprenditori, lavoratori, consumatori) e tiene conto delle diverse esigenze manifestate da queste forze sociali;
— ha un semplice carattere di indirizzo in quanto non tende a definire con precisione le quantità globali di ciascun bene da produrre ma, tenendo conto dell'evoluzione del mercato, fornisce dei parametri di sviluppo compatibili con una crescita costante ed equilibrata del sistema economico;
— si avvale in larga misura delle imprese a partecipazione statale (v.) che in un simile contesto hanno un ruolo guida nell'indirizzare la produzione nazionale verso determinati obiettivi fissati dalle autorità di governo (dislocazione di grandi industrie in aree arretrate, produzione di beni poco convenienti per le industrie private, ingenti investimenti nella ricerca e sviluppo di prodotti innovativi ecc.).
Il tentativo, durato diversi decenni, dei paesi dell'area socialista di additare la pianificazione economica come soluzione ottimale per un'efficiente allocazione delle risorse e per la formazione di prezzi di equilibrio è stato al centro, per molti anni, di un vivace dibattito.
Il primo attacco venne da parte dell'economista austriaco L. von Mises (v.) che, muovendo da posizioni marginaliste (v. Marginalismo), riteneva che i piani elaborati dagli stati socialisti fossero necessariamente irrazionali. Ciò in quanto, non consentendo di individuare gli indici di scarsità (i prezzi), per la rilevazione dei quali è necessaria l'esistenza di un'economia di mercato, non permettevano di scegliere, in presenza di risorse limitate, tra impieghi alternativi.
Alle tesi di von Mises rispose E. Barone (v.), il quale, rifacendosi alla teoria sull'equilibrio economico generale (v.) di Walras (v.), postulò che la formazione dei prezzi potesse scaturire da un sistema di equazioni, risolvendo le quali è possibile determinare gli indici di scarsità per un'ottima allocazione delle risorse anche in assenza di mercato.
Altre critiche vennero da F. von Hayek (v.) e L. Robbins (v.) e riguardarono le difficoltà di impostare un sistema che avrebbe dovuto contemplare molte equazioni. Ad esse sono state date due tipi di risposte.
La prima fa capo all'economista polacco O. Lange (v.) che, come Barone, si ricollega alle tesi dell'equilibrio economico generale walrasiano seppur con impostazione diversa.
Per Lange con un processo per tentativi si può ugualmente giungere ad ottimizzare l'allocazione delle risorse e trovare prezzi d'equilibrio. In pratica, i prezzi sono fissati da un organo centrale e sulla base di quelli le imprese prendono le decisioni relative ai metodi di produzione e alle quantità da produrre. L'interagire di questi fattori evidenzierà l'abbondanza o la scarsità delle varie merci, indicando se i prezzi erano stati fissati ad un livello troppo alto o troppo basso. Laddove questi dovessero rivelarsi smisurati l'ufficio della pianificazione potrà modificarli; procedura, questa, simile al tâtonnement (v.) walrasiano.
Per l'economista inglese M. Dobb (v.), invece, il vero problema era quello di modificare la situazione di scarsità aumentando le risorse disponibili. In tal senso l'economia pianificata presenta il vantaggio, rispetto all'economia di mercato, di fissare a priori gli obiettivi da conseguire per cui gli investimenti possono essere meglio coordinati. Nel coordinamento ex post (v.), tipico delle economie di mercato, gli imprenditori possono essere portati a non attuare alcuni investimenti nel timore che le loro iniziative non rendano per il venir meno di tutta una serie di investimenti paralleli (ad es. costruzione di infrastrutture od investimenti in processi produttivi collegati).
Quest'ultima teoria è stata particolarmente osteggiata dai sostenitori dell'economia di mercato che negano la possibilità di un serio sviluppo di una economia pianificata soprattutto per l'assenza del profitto individuale che agisca da stimolo per il progresso tecnico.

Approfondimento: L'efficienza in una economia pianificata.